Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“Meno plastica, più mediterraneo”. Prende il via da Genova la tappa italiana del tour europeo che la “Rainbow Warrior”, nave ammiraglia della flotta di Greenpeace, sta effettuando per raccogliere dati e testimonianze dirette sull’inquinamento da plastica in mare. Il tour italiano della campagna di ricerca scientifica e sensibilizzazione sul problema delle macro e micro plastiche nel Mediterraneo prevederà la circumnavigazione della penisola. Il team scientifico è composto da ricercatori di Scienze Marine del CNR, la Stazione Zoologica Dohrn di Napoli e l’Università Politecnica delle Marche. Come diffuso nel report “Un mediterraneo pieno di plastica”, i materiali di plastica rappresentano tra il 60% e l’80% dei rifiuti marini, il cui impatto inquinante non riguarda solamente i fondali e l’ecosistema, ma potrebbe danneggiare anche la salute umana che si nutre di specie marine. Alla presentazione è stata lanciata anche una lettera aperta che è possibile sottoscrivere on-line in cui si chiede al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti un maggiore impegno nella riduzione dei prodotti usa e getta e alcune richieste in questa direzione da rivolgere all’Unione Europea in vista della imminente revisione delle Direttive comunitarie sui rifiuti.

La (storica) secca del grande fiume, Po a tre metri sotto lo zero a Pavia

I dati diffusi dalla Coldiretti delineano un quadro dei bacini lombardi molto critico: il lago Maggiore è sotto di 40 centimetri rispetto ai livelli del 2016, al lago di Como ne mancano 35. Il lago di Garda ha un’altezza di 68,8 centimetri contro una media di 104,3

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Axl Rose e i Guns N’ Roses per quel che sarebbero potuti (altrimenti) essere sono finiti il 14 gennaio 2001, quando, in occasione del Rock In Rio III, alla sostanza e alla rabbia di un tempo fecero spazio la panza degli anni perduti, una line-up totalmente rinnovata e la solita carovana di grandi classici che costituiscono la setlist pure dell’attuale Not in this lifetime tour, che ha portato la band in Italia lo scorso 10 giugno tra gli entusiasmi e gli sperticamenti di chi, evidentemente, non è abituato alla bellezza e l’esagerazione di un concerto rock come Dio comanda.

Tormentoni estivi e dove trovarli. Lo insegna un arzillo vecchietto, Melquiades, star di uno dei programmi tv più seguiti in Spagna. In un video postato su Facebook, il nostro racconta le regole base per creare un tormentone reggaeton, in 30 secondi: “Quello che è importante è che tutto deve sembrare “latino”, che è un gioco molto facile. Intanto cambiare la erre con la elle: amarte diventa amalte, encenderte diventa encendelte. E così potrai sembrare tutta la vita un portoricano”.

L’articolo Tormentoni estivi e dove trovarli. Il segreto svelato da un arzillo vecchietto quasi centenario proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Alex Hunt è entrato nella storia del tennis. Si tratta del primo giocatore con disabilità ad accedere nella classifica ATP, dove ci sono i tennisti professionisti di tutto il mondo. Hunt è nato in Nuova Zelanda, a Wakefield, con solo la metà del braccio sinistro. Con una volontà di acciaio e una straordinaria passione per il tennis, il 23enne non ha mai rinunciato ad allenarsi e giocare grazie ad una protesi. Questa settimana Alex ha “realizzato un sogno”, ottenendo il suo primo punto ATP in un Torneo future nel Guam (con montepremi da 15mila dollari) sconfiggendo la wild card Christopher Cajigan 6-0 6-0 in 48 minuti.

Molte le domande senza risposta intorno alla crisi di Alitalia. Il bilancio 2016 non è stato ancora reso pubblico e non è noto a quanto ammontino esattamente le perdite. Nonostante questo, sono state prese decisioni importanti. Come il prestito ponte di 600 milioni di euro da parte dello stato.

di Ugo Arrigo (Fonte: lavoce.info)

Cosa si sa finora dei conti di Alitalia

Beppe Grillo invita all’astensione, esponenti del Partito democratico di tutta Italia invece chiedono di andare a votare. Sono gli ultimi appelli in vista del folle ballottaggio di Trapani. Domenica prossima, infatti, al secondo turno delle elezioni i cittadini del comune siciliano troveranno un solo nome sulla scheda: quello di Pietro Savona del Pd, unico candidato rimasto dopo la decadenza di Mimmo Fazio che non ha presentato la lista degli assessori a lui collegata ed è stato quindi escluso, come previsto dalla legge elettorale regionale.

L’infinita lite fra Giancarlo Magalli ed Adriana Volpe ha avuto i suoi effetti, che si ripercuoteranno nella prossima stagione televisiva. Il Presidente della Repubblica 2.0 – stando a sentire il regista Michele Guardì – condurrà in solitaria la prossima stagione de “I Fatti Vostri” nella mattina di Rai 2: “Ritorna la formula originale partita con Fabrizio Frizzi, Alberto Castagnna e poi con lo stesso Magalli. La direzione ha chiesto di apportare modifiche allo show, che avrà una piazza nuova. E’ normale cambiare dopo tanto tempo, le squadre non durano tutta la vita”. E Adriana Volpe? La conduttrice più odiata dal Magalli sarà spostata nelle mattine del weekend, a “Mezzogiorno in famiglia”, con Massimiliano Ossini e ancora Guardì nella cabina di regia.

Corsie preferenziali per la concessione della residenza in un comune del Friuli, la cittadina balneare di Lignano Sabbiadoro, a 400 cittadini campani. In cambio, la promessa di votare per l’allora vicesindaco. La vicenda è oggetto di un’indagine di cui dà conto la Relazione annuale della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, presentata giovedì al Senato. Una “migrazione organizzata”, racconta il Messaggero Veneto, avvenuta durante la campagna elettorale del 2012 finita con la vittoria del sindaco Silvano Delzotto, oggi consigliere comunale di Forza Italia, di cui era vice Giovanni Iermano. “Anch’esso di origine napoletana”, come si legge nel capitolo della relazione dedicato al distretto di Trieste, curato dal consigliere Giovanni Russo.

Berlusconi: grillini come i  comunisti E a La7: «Grillo si faceva pagare in nero»

Discorso stile anni ‘90 davanti alla platea amica di Publitalia: «I grillini sono pericolosi e dobbiamo fermarli». Affondo su Di Maio e Di Battista: «Non hanno studiato»

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Archivi