Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

È arrivata dopo una breve seduta della Corte di Appello di Cagliari la conferma della condanna a 30 anni per “Grazianeddu”. Così era conosciuto il 76enne Graziano Mesina, uno dei più famosi esponenti del banditismo sardo del dopoguerra, arrestato per l’ultima volta nel 2013 con le accuse di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga dall’Italia alla Sardegna, ma anche estorsioni e altri gravi reati. Una vita, quella di Mesina, segnata da una lunghissima serie di arresti e altrettante evasioni, ventidue in tutto, di cui dieci andate a buon fine.

Una sfilata di carrozze dell’Ottocento, una gondola veneziana nel Porto di Napoli, cinque scugnizzi a cavallo di una sola Vespa, Anna Magnani e Sophia Loren che arrivano in nave e una barca trainata per le vie di Napoli da un ciuccio. Sono alcune dei contenuti della mostra fotografica ‘Muvimmece’ (Muoviamoci) dal prossimo 25 maggio al Keste’ di Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli. Le immagini scelte da Fabrizio Caliendo, fondatore e direttore artistico e Federica Nicois, dell’Associazione Riccardo Carbone onlus, pIù che narrare come eravamo, rilevano gli organizzatori, “raccontano come ci muovevamo e quali mezzi i napoletani, cinquant’anni, utilizzavano per spostarsi, trasportare o giocare”.
Gli scatti esposti nella mostra, inserita negli eventi del Maggio dei Monumenti, con il patrocinio del Comune, sono il frutto del lavoro di recupero portato avanti sullo storico archivio grazie anche a volontari ed al sostegno di centinaia di napoletani che hanno evitato che i negativi andassero perduti per sempre “adottando” servizi fotografici da digitalizzare. ‘
‘Grazie a questo lavoro – spiegano i responsabili dell’archivio – oggi sono visibili e fruibili sul portale www.archiviofotograficocarbone.it circa 15mila immagini. Un lavoro ancora lungo – oggi sostenibile anche attraverso la destinazione del 5 per mille come spiegano i curatori – se si pensa che l’intero Archivio Carbone conta circa 500mila immagini.

“Noi siamo pronti: o si parte o si torna al voto”. A dirlo, in diretta Facebook da Roma, è il segretario della Lega, Matteo Salvini. Che poi difende Paolo Savona, il cui nome è stato accostato in questi giorni al Ministero dell’Economia: “È una persona competente, con un solido curriculum. Ha osato dire che questa Unione Europea, così com’è, non va bene, e che l’euro fu una gabbia costruita dai tedeschi. Per questo è stato attaccato dai governi e dai giornali esteri”.

L’articolo Governo, Salvini su Facebook: “Basta perdere tempo: in Italia e all’estero ci vogliono fermare. O si parte o si torna al voto” proviene da Il Fatto Quotidiano.

“Il parere contrario del Collegio dei Revisori non si riferisce al rendiconto 2017, che ha indubbi segnali di miglioramento per la nostra situazione finanziaria, ma è riferito ad alcuni aspetti di gestione e in particolare fa riferimento al mancato adempimento ad alcune prescrizioni su cui siamo già al lavoro”. Lo ha detto all’Ansa l’assessore al Bilancio del Comune di Napoli, Enrico Panini, interpellato sulla relazione del Collegio dei Revisori al rendiconto 2017 che domani sarà alla discussione del Consiglio. Panini, nel sottolineare che “leggi alla mano i revisori non sono chiamati ad esprimere pareri sul rendiconto, ma soltanto una relazione”, ha riferito che domani in aula l’amministrazione produrrà “un atto in cui una per una rispondiamo alle prescrizioni assumendone i relativi obblighi ad adempiere e individuando tappe intermedie di verifica che consentano ai revisori di poter verificare nei fatti quello che stiamo facendo”.
Tra le prescrizioni a cui l’amministrazione non ha adempiuto nello scorso anno, ad esempio, la realizzazione dell’inventario dell’ente e la predisposizione del regolamento finanziario. “Alcune cose – ha sottolineato l’esponente della Giunta de Magistris – le abbiamo già attuate. Nel bilancio 2018, nonostante il tema del Cr8 e altre questioni, abbiamo stanziato 200mila euro per l’acquisto del software per l’inventario del Comune così come richiesto dai revisori”. Rispetto ai ritardi ad adempiere alle prescrizioni del Collegio dei Revisori, Panini ha evidenziato che “il 2017 è stato un anno in cui siamo stati sulle montagne russe e che lavoriamo con 3mila dipendenti in meno rispetto al 2010 e mancano 110 dirigenti”. Panini ha escluso che domani in aula il bilancio consuntivo possa non essere approvato. “Il rendiconto – ha concluso – è straordinariamente positivo ed evidenzia che nel 2017 abbiamo prodotto un risparmio per 140 milioni di euro e incrementiamo le entrate di Tari, Imu e tassa di soggiorno”.

Il Milan rischia di perdere l’Europa. L’Uefa ha bocciato il settlement agreement del club rossonero: in pratica, la società aveva proposto un “patteggiamento” delle sanzioni per aver sforato i parametri del fair play finanziario negli ultimi tre anni. La commissione giudicante è ora chiamata a pronunciarsi a stretto giro, al massimo un mese. Tra le possibili pene che Nyon potrebbe applicare c’è anche l’esclusione dalle prossime coppe europee che quindi comprometterebbe la qualificazione in Europa League, conquistata sul campo dalla squadra allenata da Rino Gattuso. L’eventuale punizione massima inflitta al Milan, che aveva chiuso al sesto posto la stagione, garantirebbe all’Atalanta il passaggio diretto ai gironi saltando i turni preliminari e gli eventuali playoff, ai quali parteciperebbe da ripescata la Fiorentina.

“Il mercato premium è importante, ma abbandonare la produzione della Panda, a cui invece andrebbero aggiunte altre produzioni, potrebbe avere conseguenze negative per i lavoratori”. Ne è convinto il segretario provinciale del settore auto della Fiom di Napoli, Francesco Percuoco, scettico per lo spostamento, annunciato già nei mesi scorsi da Sergio Marchionne, della produzione della Panda dallo stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco, che invece dovrebbe apprestarsi a produrre modelli premium. Percuoco, inoltre, annuncia che subito dopo l’Investor day di Fca, in programma il prossimo 1 giugno per l’annuncio dei nuovi piani industriali, la Fiom chiederà “un incontro urgente con la direzione aziendale per capire la fattibilità del piano industriale, i tempi di realizzazione e le ricadute sullo stabilimento di Pomigliano: già troppe volte – ha detto Percuoco – agli annunci non sono seguiti i fatti”. Il sindacalista, poi, ha sottolineato che la Fiom ha cercato di arrivare al primo giugno “con qualche certezza in più per i lavoratori”, ma che non vi sarebbe stata “la volontà di Fiat e delle altre organizzazioni di aprire ad un confronto unitario per conoscere in anticipo il futuro produttivo e occupazionale dello stabilimento di Pomigliano”. “Lo stesso interessamento su Fca del Governo uscente con il Ministro allo Sviluppo economico – ha aggiunto il sindacalista – è stato tardivo e inefficace”. E per l’investor day la Fiom ha organizzato, al Palazzo orologio di Pomigliano d’Arco, un incontro dal titolo “Workers day…La parola ai lavoratori”, al quale prenderà parte, tra gli altri, il segretario generale della Fiom, Francesca Re David. “Per la Fiom – ha concluso – è il momento di un confronto sul piano occupazionale, per questo motivo abbiamo organizzato il workers day, perché i lavoratori e il loro futuro vengono prima di tutto”.

La Fondazione Pietà de’ Turchini sarà presente a Napoli Città Libro, prima edizione del Salone del Libro e dell’Editoria di Napoli, che aprirà le sue porte dal 24 al 27 maggio 2018. “Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il titolo dell’evento, giovedì 24 maggio alle ore 17 (Sala del Chiostro Open, Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, vico S. Domenico Maggiore 18, Napoli) nell’ambito del quale la Fondazione Pietà de’ Turchini presenterà la sua casa editrice, Turchini Edizioni, e la collana discografica “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli”, realizzata in collaborazione con l’etichetta Arcana del gruppo Outhere.
Saranno presenti il fotografo Mimmo Jodice, autore delle opere che fanno da copertine agli album, Paologiovanni Maione, membro del comitato scientifico della Fondazione Pietà de’ Turchini e storico della musica e dell’estetica musicale presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli, e la direttrice artistica della Fondazione Pietà de’ Turchini, Mariafederica Castaldo. Modera il dibattito il critico musicale de Il Mattino, Stefano Valanzuolo, mentre la violoncellista Manuela Albano eseguirà dal vivo la Sarabanda dalla prima suite, il Preludio dalla prima suite e la Sarabanda dalla quinta suite di Johann Sebastian Bach. La Fondazione Pietà de’ Turchini sarà presente con il suo stand (la posizione è B46) a Napoli Città Libro giovedì 24 maggio dalle ore 16 e da venerdì 25 dalle ore 10 alle ore 20, mentre domenica 27 maggio la chiusura è prevista per le 18. I biglietti sono acquistabili sul posto o su www.napolicittalibro.it
“Niccolò Jommelli, Le stagioni” è il titolo dello studio monografico, promosso dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, dall’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e dal Comune di Aversa, con la direzione scientifica di Francesco Cotticelli e Paologiovanni Maione, che ha sancito la conclusione delle celebrazioni per il trecentesimo anniversario della nascita dell’illustre musicista aversano, caduto nel 2014. Un anno di conferenze internazionali e una lunga fase di approfondimento delle scoperte storiche e scientifiche hanno infine portato alla realizzazione di questo straordinario volume, certamente una pietra miliare della riflessione musicologica sull’eredità della Scuola Musicale Napoletana.
“‘Niccolò Jommelli, Le stagioni’ è il frutto di una collaborazione internazionale nata dal coordinamento con il Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria, la Fondazione Pietà de’ Turchini, la Fondazione Giorgio Cini di Venezia, l’Università della Campania Luigi Vanvitelli, il Comune di Aversa e il progetto Divino Sospiro di Lisbona – spiega lo storico della musica Paologiovanni Maione –. Lo studio raccoglie i contributi dei maggiori studiosi del Settecento europeo. La scelta metodologica è stata quella dell’interdisciplinarità, con l’incrocio, coerente ma sfidante, della storia, della storia dell’arte, oltre che naturalmente della musicologia e storia della musica, nel segno della ricostruzione della variegata curva della vita e dell’evoluzione artistica del compositore di Aversa, nonché del suo apporto, fondamentale quanto meno noto di altri, nel processo di rinnovamento drammaturgico del melodramma, di certo non inferiore a quello operato negli stessi anni a Vienna da Christoph Willibald Gluck”.
Fondata nel 2003, la Turchini Edizioni si connota per lo spiccato interesse nel campo delle discipline della musica e dello spettacolo, attraverso la pubblicazione di saggi, edizioni critiche di partiture, volumi miscellanei su tematiche afferenti ai vari aspetti delle arti della scena.
“La Turchini Edizioni nasce per garantire spazio alle pubblicazioni in grado di analizzare, con metodologie corrette e un opportuno equilibrio tra la saggistica e divulgazione, la ricchissima e secolare esperienza dei palcoscenici napoletani, allora come oggi immagine vivida e positiva delle energie e del talento di un intero territorio – spiega Mariafederica Castaldo, direttrice artistica della Fondazione Pietà de’ Turchini –. Tuttavia, l’alta qualità scientifica delle nostre iniziative assicura ai volumi della Turchini Edizioni una circolazione che si estende ben oltre i confini territoriali e nazionali, grazie soprattutto alla rete di interlocutori di rango e centri di ricerca internazionali. Oltre al volume su Jommelli abbiamo pubblicato, sempre nel 2017, la partitura inedita, a cura di Gaetano Pitarresi, de ‘Gli Orti Esperidi – Componimento drammatico in due parti’, composta da Nicola Porpora a Napoli nel 1721. Di prossima presentazione la doppia operazione di ‘Musica in Purgatorio’, con un volume critico, a cura di Giacomo Sances, dedicato alla vita musicale nella chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco dalla fondazione alla fine del XVIII secolo, al quale si affiancherà l’edizione, a cura di Emanuele Cardi e con l’apparato storico di Giacomo Sances, delle partiture dei compositori settecenteschi Gennaro e Gaetano Manna, rinvenute proprio negli archivi della chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco”.
Presso l’evento “Niccolò Jommelli. Le stagioni” e lo stand della Fondazione Pietà de’ Turchini a Napoli Città Libro sarà inoltre possibile conoscere e acquistare “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli”, la collana discografica, a cura della Fondazione Pietà de’ Turchini, realizzata in collaborazione con l’etichetta Arcana del gruppo Outhere.
Il progetto, che può fregiarsi dell’apporto creativo delle leggendarie fotografie di Mimmo Jodice, cui si deve la scelta di alcune delle sue opere per le copertine dei dischi, ha avuto il suo esordio nel 2015 con la realizzazione del primo CD “Arias for Nicolino”, interpretato dal controtenore Carlo Vistoli, accompagnato dall’Ensemble Talenti Vulcanici diretti dal clavicembalista Stefano Demicheli. “Arias for Nicolino” è dedicato alla produzione, scritta di proposito da geni del calibro di Alessandro Scarlatti, Giovanni Battista Pergolesi e il George Frideric Handel del “Rinaldo”, per la voce di Nicola Grimaldi, nato a Napoli nel 1673 e conosciuto in tutta Europa col diminutivo di “Nicolino”, voce sublime, attore provetto, regista e direttore musicale, antesignano della tradizione controtenorile partenopea prima di Farinelli, Caffarelli e Carestini.
A seguire, la pubblicazione di “The Fairy Genius” (Arcana, 2017), con l’Ensemble Aurora di Enrico Gatti, dedicato alla produzione strumentale e al repertorio violinistico napoletano tra il XVII e il XVIII secolo. L’ultima creatura è “Lux in Tenebris” (Arcana, 2017), con la voce solista di Silvia Frigato e l’esecuzione dell’Ensemble Talenti Vulcanici, diretti da Emanuele Cardi, che suonano le musiche settecentesche della liturgia della Settimana Santa composte da Gennaro e Gaetano Manna e da Francesco Feo. In corso di stampa l’album con l’esecuzione dello “Stabat Mater” di Nicola Bonifacio Logroscino, con protagoniste le voci di Giulia Semenzato e Raffaele Pe, accompagnati dall’Ensemble Talenti Vulcanici diretti da Stefano Demicheli. Infine, a settembre 2018, il progetto “Protagonisti e Miti della Scuola Musicale di Napoli” farà tappa ad Alessano, in Salento, per la registrazione del disco dedicato alle cantate da camera intorno al mito di Partenope, con il soprano Naomi Rivieccio e l’Ensemble Talenti Vulcanici diretti da Stefano Demicheli.

È un disco attorno al quale si è aperta un’ampia discussione, sui media e tra i fan, l’ultimo degli Arctic Monkeys intitolato Tranquillity Base Hotel & Casino. Distante mille miglia dal punk rock degli esordi e molto più vicino alle atmosfere dei Last Shadow Puppets, progetto parallelo del frontman Alex Turner, lo ascolti la prima volta e ti chiedi: ‘Ma che è successo, cos’hanno fatto?’. Lo ascolti la seconda e continui a non sapere cosa pensare. Quel che sai, però, è che non ti piace. Lo riascolti e cominci anche a stufarti. Lo ascolti quattro, cinque, sei, sette volte. Niente. Non va.

Privacy, da venerdì operative le nuove norme Ue. Parla l’esperta Annarita Pucillo: Ecco cosa occorre sapereMancano pochi giorni all’entrata in vigore del General Data Protection Regulation (Gdpr). Il 25 maggio 2018 diventerà operativo il Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali che rappresenterà un vero cambio di passo per la gestione e la tutela dei dati personali.
Maggio sarà un mese importante per la privacy e per la cyber security perché oltre all’entrata in vigore del Gdpr, il Consiglio dei Ministri questo mese ha varato un decreto che recepisce la Direttiva Ue 2016/1148 (la cosidetta direttiva NIS – Network and Information Security) che prevede obblighi in materia di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione europea.
Quale impatto questi provvedimenti avranno sulle imprese lo abbiamo chiesto all’ avvocato Annarita Pucillo, esperta in materia di privacy, cyber security e diritto applicato alle nuove tecnologie ed ai nuovi media.

Ufficialmente trasportava elettrodomestici, in realtà il camion era carico di droga. Non freezer né lavatrici, ma oltre 2mila panetti di hashish per un peso complessivo di 240 chilogrammi di sostanza stupefacente. Il sequestro record di droga è avvenuto questa mattina a Venegono Superiore, nel Varesotto. Il rumeno che si trovava alla guida del mezzo pesante è stato arrestato.

Sul “corriere” sono tuttora in corso una serie di accertamenti per verificare la destinazione e la provenienza del carico di hashish, che presumibilmente avrebbe dovuto inondare il mercato della zona. Il camion sospetto, che stava attraversando il Varesotto, è stato fermato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Saronno, coordinati dal capitano Pietro Laghezza, per un controllo. A bordo c’erano numerosi pallet imballati e perfettamente sigillati, il cui peso, però, non corrispondeva a quanto dichiarato. Durante l’ispezione sono spuntati i panetti di droga.

Archivi