Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Alcune storie sono ingiustizie quotidiane, altre nascondono violenza psicologica e abusi passati come normale prassi ospedaliera. “Quando ho abortito in questa struttura mi hanno fatto sentire un mostro”, “In questa farmacia si sono rifiutati di darmi la pillola del giorno dopo”, “Attenzione, la maggior parte dello staff ospedaliero qui è obiettore di coscienza”. Si avvisano e si scambiano consigli le donne che da tutta Italia hanno iniziato a partecipare a Obiezione respinta, la prima piattaforma nazionale per mappare i medici obiettori di coscienza, ma anche per segnalare la qualità del servizio offerto dalle farmacie di tutta Italia rispetto alla vendita del contraccettivo di emergenza, oppure per raccontare esperienze positive in consultori o visite controverse negli ospedali. Un’iniziativa che nasce dal basso in un Paese con il maggior numero di medici obiettori in Europa insieme al Portogallo e molto spesso sotto accusa per non riuscire a garantire in tutte le strutture il diritto all’interruzione di gravidanza.

Lonate Pozzolo è una piccola Sicilia lombarda. C’è un po’ di tutto: traffici illeciti, la ‘ndrangheta e la gente preferisce stare in silenzio perché parlare è pericoloso”. Così un abitante commenta il clima che si respira a Lonate Pozzolo (Varese). Il piccolo paese del Varesotto è finito sulle cronache nazionali dopo l’arresto del sindaco per corruzione, tentata concussione e abuso d’ufficio. Secondo l’accusa, Danilo Rivolta abusava del suolo di primo cittadino per favorire alcuni imprenditori locali tra cui il fratello, titolare del più grosso studio di progettazione della zona. Lonate aveva già fatto parlare di sé negli anni 2000 quando era stata smantellata una locale della ‘ndrangheta affiliata alla cosca crotonese Farao-Marincola. Oggi nel 2017, quando si entra nei bar del paese la gente, pur di non commentare la vicenda di del sindaco Rivolta, sostiene di non conoscerlo e di non averlo mai visto. “Non facciamo omertà – spiegano – e che proprio non ci abbiamo mai avuto a che fare”. Altri esitano a definirlo un corrotto per paura di perdere il lavoro. In un’intercettazione Rivolta commenta con la compagna i 13mila euro presi da una tangente: “Con questi ci rifacciamo il salotto”. Per ora la giunta non si è voluta dimettere. “E’ un atto di responsabilità civica – spiega Ausilia Angelino, assessore ai Servizi sociali a Lonate – Io voglio pensare solo a risolvere i problemi dei miei cittadini. Se la magistratura accerterà i fatti sono pronta a prendere le distanze”. Ma alla domanda se è ha fiducia che le cose si possano risolvere per il meglio risponde: “Io non ho fiducia in niente”.

Dall’Inps assicurano che in Italia non c’è categoria che goda di una norma tanto favorevole da aumentare di colpo la pensione di reversibilità del 20%. Non i 21 milioni di dipendenti pubblici e privati  cui ogni anno eroga le pensioni, che al massimo possono contare sulle rivalutazioni Istat dello zero virgola o di vedersi alzare l’importo, se inferiore, ai 501 euro di pensione sociale. Il problema comune a tutti gli italiani non riguarderà invece mogli e figli di 2.470 ex onorevoli e 1.650 ex consigli regionali che al momento di incassare la reversibilità potranno contare su un assegno aumentato automaticamente di un quinto. A prescindere dall’importo. Ed ecco rispuntare il privilegio, per di più nella legge nata per abolire il più avversato di tutti: il ricco vitalizio che a ancora oggi consente agli ex parlamentari di incassare anche 5-6mila euro al mese a fronte di qualche legislatura in Parlamento.

Stipendi oggi, dall’operaio al dirigente:  la differenza in busta paga è del 434% Il mio stipendio è giusto? Calcola

La forbice tra le categorie più e meno remunerate. Uomini-donne, divario al 9-13%

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Scontro sul clima, silenzi su Putin Trump rinvia le scelte dopo il G7E invia un’altra portaerei nel Pacifico

Il premier italiano Gentiloni: «Accordo sul terrorismo, equilibrio sul commercio». Gli sherpa Usa emendano il documento finale. E nessuno fa domande sulla Russia, mentre a Washington crescono le critiche

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

l’inchiesta

Pasticcio Franceschini, fregato dalla sua legge

Dario vs Dario – Era a Palazzo Chigi quando fu imposta l’italianità

di

Test con piegamenti di

In previsione delle spintanee dimissioni di Campo Dall’Orto, sono già iniziati i test attitudinali per selezionare il nuovo ad-dg della Rai. I colloqui, per comodità e chiarezza, si svolgono nella sede Pd al Nazareno. Esaminatore: “Prego, candidato, si accomodi sull’apposito inginocchiatoio. Tre domande, occhio a non sbagliare. Prima: che vogliamo fare di questa Gabanelli?”. Candidato […]

G7 col bastian contrario

Dal clima al commercio Trump fa il “Mister No”

L’Europa per una volta marcia unita ma il leader americano tiene tutti in sospeso. E si è litigato sul serio

Miglior attrice di Un Certain Regard per Fortunata. Così il verdetto appena arrivato da Cannes sulla vittoria – meritata – della nostra Jasmine Trinca, intensa e sensibile protagonista assoluta del nuovo film di Sergio Castellitto (già nelle sale italiane) che appunto concorreva nella sezione del secondo concorso cannense. Una vera soddisfazione per l’interprete romana che si è cimentata in un ruolo molto distante sia dai precedenti che dalla propria natura. Il suo personaggio, omonimo al titolo del film, è una giovane parrucchiera ragazza madre, che deve combattere quotidianamente nella periferia profonda di Roma per sostenere se stessa, la figlia e combattere contro i soprusi dell’ex marito violento. Un film quello di Castellitto che ha raccolto diversi consensi dopo la proiezione di Cannes: evidentemente anche la giuria guidata da Uma Thurman ha ritenuto fosse la migliore delle attrici presenti nella sezione. Un vero trionfo per Jasmine, indimenticabile ragazzina lanciata da Nanni Moretti nel suo La stanza del figlio, vincitore della Palma d’oro nel 2001.

Brevi momenti di tensione durante il corteo anti-G7. Un gruppo di manifestanti, dopo aver sfilato lungo il corteo pacifico organizzato per protestare contro il summit, hanno tentato di superare il posto di blocco. Le forze dell’ordine hanno risposto avanzando, lanciando lacrimogeni e sferrando qualche manganellata, che hanno portato i facinorosi ad indietreggiare. Lo scontro si è concluso dopo pochi minuti.

L’articolo G7 Taormina, attimi di tensione al corteo. Lacrimogeni e manganellate ai manifestanti proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Scontro sul clima, silenzi su Putin Trump rinvia le scelte dopo il G7

Il premier italiano Gentiloni: «Accordo sul terrorismo, equilibrio sul commercio». Gli sherpa Usa emendano il documento finale. E nessuno fa domande sulla Russia, mentre a Washington crescono le critiche

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

“Forse dire che è un’istigazione all’illecito è troppo. Ma si tratta senz’altro di un incentivo all’abuso”. Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil, sceglie con calma le parole da utilizzare. È lei la responsabile nazionale del mercato del lavoro; è lei che, più di tutti, ha seguito in queste settimane la questione dei voucher. E il suo giudizio sull’emendamento presentato dal Pd in commissione Bilancio, alla Camera, nelle scorse ore, è lapidario: “Una truffa”.

Archivi