Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Ti aspetti Lazio, Sampdoria e Fiorentina. Sbucano Sassuolo, Chievo, Palermo e Torino. Un poker di regine impronosticabili alla vigilia, guida la Serie A dopo due turni. Più l’Inter, che acciuffa la vittoria ancora all’ultimo respiro e grazie ai piedi di Jovetic (3 gol in 2 partite). L’unica annunciata protagonista di una stagione in crescita, quindi, accompagnata dai clivensi (poker alla Lazio, 7 gol in 180 minuti e già ottimi la scorsa stagione dall’arrivo di Maran), al Palermo che non smette di vincere nonostante la partenza di Dybala e a due solide realtà come Sassuolo e Torino guidate da due ‘maestri’ come Di Francesco e Ventura. Nelle retrovie, come mai accaduto dopo due giornate, la Juventus. E in difficoltà si trova anche il Napoli di Sarri, capace di fuggire e regalare spettacolo per un tempo per poi farsi riprendere dalla Sampdoria di un immenso Eder. Prima vittoria stagionale per Genoa, Atalanta e Milan, nell’anticipo di sabato spinto dalla coppia BaccaLuiz Adriano ma ancora alle prese con i mali dello scorso anno.

L’Isis ha distrutto parti del tempio di Bel, uno dei più importanti del sito di Palmira in Siria. Lo annunciano gli attivisti di Raqqa e lo conferma l’Osservatorio per i diritti umani (Ondus).
Il 23 agosto, i jihadisti avevano distrutto un altro tempio, quello di Baal Shamin. Le foto satellitari, diffuse nei giorni scorsi, hanno confermato la distruzione, il tempio è stato interamente raso al suolo.

Le immagini, postate il 25 agosto sui social media da sostenitori del Califfato, mostravano miliziani jihadisti sistemare cariche esplosive lungo il perimetro del tempio, risalente a 2.000 anni fa. L’Unesco ha bollato le distruzioni come un “crimine contro l’umanità”.

Syria , La città di Palmira
Syria , La città di Palmira
Syria , La città di Palmira
Syria , La città di Palmira
Syria , La città di Palmira
Syria , La città di Palmira

L’indipendenza energetica dell’Italia dalla Russia? Un Egitto in posizione di forza rispetto agli altri Paesi del Nord Africa? Secondo Gabriele Iacovino, coordinatore degli analisti del Centro Studi Internazionali (Cesi), è troppo presto per dire quali saranno le conseguenze geopolitiche della scoperta appena annunciata dall’Eni, che ha individuato al largo delle coste egiziane il giacimento di gas più grande del Mediterraneo e uno dei più importanti al mondo (850 miliardi di metri cubi stimati). “Si tratta di prospettive ancora da verificare e, eventualmente, a lungo termine. Pensare a un’indipendenza dalla Russia nel breve periodo è utopistico”. Quello che già ora si può affermare, però, è che la scoperta del gruppo partecipato dal Tesoro “rafforza i rapporti politici ed economici con l’Egitto”.

Grande Roma, Juve non pervenuta. I giallorossi dominano per novanta minuti i campioni d’Italia all’Olimpico, e il 2-1 finale vale molto di quanto dica il punteggio risicato. Garcia ha ritrovato il suo vecchio gioco scoppiettante e nuove soluzioni che fanno della Roma la favorita per il titolo, almeno per una sera di fine agosto. Il gol di Dzeko, di testa su cross dal fondo, è l’inizio di una nuova era per una squadra che per anni ha patito l’assenza di un vero centravanti. La prestazione senza nerbo e senza idee dei bianconeri può essere il segno di un campionato diverso, rispetto a quelli senza storia delle ultime stagioni. Garcia ha comunque da riflettere: per sbloccare il punteggio è servita una prodezza da fermo di Pjanic, per salvarlo un miracolo a tempo scaduto di Szczesny. Ma il 2-1 sta anche stretto alla Roma, ed è un campanello d’allarme per Allegri.

“L’Italia ha approvato riforme virtualmente senza interruzione per vent’anni. Ma hanno avuto scarso impatto perché sono state spesso superficiali e mal implementate, senza un senso coerente”. E ancora: “Arrestare il declino richiede un cambio di direzione delle politiche, ma l’Italia non sembra aver deciso dove vuole andare. I suoi leader si esprimono a favore di tagli delle tasse e riduzioni della spesa, ma le tasse, la spesa e i debiti continuano ad aumentare e fare le riforme ha finito per essere visto di per sè come un merito”. La diagnosi è dell’agenzia di stampa britannica Reuters, che dedica una lunga analisi al “perché le riforme in Italia non funzionano così bene”.

Incidente mortale durante una gara del rally automobilistico Ba…relli ronde a Carlazzo, piccolo comune in provincia di Como. Due persone di nazionalità svizzera – pilota e copilota di un’auto che partecipava alla competizione – sono morte in un incidente stradale. Gli organizzatori hanno subito sospeso la manifestazione sportiva.

L’incidente, secondo quanto hanno spiegato gli organizzatori, è avvenuto durante la quarta prova speciale, l’ultima di quelle previste della competizione iniziata ieri. L’automobile si trovava in quello che nel rally viene chiamato un “punto veloce”, quando il Commissario di gara presente sul posto l’ha vista sbandare più volte, urtando entrambe le fiancate. Tecnicamente, per quanto è stato spiegato, l’auto non è uscita di strada, ma si è fermata.

Mi sono sempre domandato se la pessima gestione della Questione Meridionale da parte dei governi nazionali fosse frutto più di colposa insipienza o di consapevole colonialismo. Historia magistra… A farsi un’idea molto chiara su come si siano svolti gli eventi nel Mezzogiorno, fino alla maturazione della “Quistione”, aiuta moltissimo il “Breve lineamento della Questione Meridionale”, scritto negli anni ’40 da Antonio Lucarelli, storico di Acquaviva delle Fonti, collaboratore di Rosselli e Nenni.

Il burrascoso percorso dell’Unità viene delineato con lucidità ed equidistanza; emerge la disillusione di quanti al Sud sperarono nella rimozione garibaldina delle “iniquità sociali”, invano. Così come “ebbero ben presto a ricredersi le classi abbienti del Sud, quando si videro rovesciar sulle terga una valanga di nuovi o rincruditi balzelli […] fra i più vessatori sistemi di percezione fiscale”.

Ex comunista, anzi ex segretario del Pci a Livorno, per 7 anni, dal 1982 al 1989. Praticamente uno degli ultimi segretari cittadini prima della Bolognina. Ora Sergio Landi, 65 anni, ha accettato l’incarico di responsabile Sindacati e associazioni di categoria della Lega Nord nella città che dette i natali al comunismo italiano nel 1921. Il Carroccio ha rinnovato l’assetto organizzativo dopo il successo, alle Regionali, in Toscana (16%, dallo 0,7 del 2013) e anche a Livorno: è il terzo partito in città con il 13,7% dietro a Pd e Movimento Cinque Stelle. E in questo rinnovamento sono entrati ex berlusconiani “storici” della città, ma anche lui, l’ex comunista.

L’Eni ha scoperto uno dei più grandi giacimenti sottomarini di gas a livello mondiale, al largo dell’Egitto. A comunicarlo è stato lo stesso gruppo petrolifero che, in una nota, ha riferito che la scoperta è avvenuta presso il campo esplorativo Zohr. Il pozzo Zohr 1X, attraverso il quale è stata effettuata la scoperta, è in mare a 1.450 metri di profondità, all’interno del blocco Shorouk, frutto di un accordo siglato nel gennaio 2014 tra l’azienda e il ministero del Petrolio egiziano e con Egyptian natural gas holding company (Egas), a seguito di una gara internazionale.

C’è la casa sull’albero, l’igloo in mezzo ai ghiacci oppure la fattoria. Ma ci sono anche gli agriturismi bio, i campeggi che offrono soggiorni in tenda con tutti i comfort e gli antichi borghi abbandonati dell’Italia medievale trasformati in resort a contatto con la natura. Filo conduttore, il rispetto per l’ambiente. Si chiama Ecobnb ed è una community dedicata al turismo sostenibile, quella inventata da Simone Riccardi, Silvia Ombellini, Carla Soffritti e Emanuele Benigni, quattro giovani emiliano romagnoli cresciuti tra Parma e Reggio Emilia con la passione per la natura. Un Airbnb, insomma, all’insegna del green, punto d’incontro virtuale tra chi cerca una vacanza che coniughi il relax al rispetto per l’ambiente e chi offre soggiorni ecofriendly.

Archivi