Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

News Italia

È partita solo il 6 novembre scorso, ma in pochi giorni ha già raggiunto oltre 72mila firme. È la petizione, lanciata su Change.org da quattro ginecologhe e diretta al ministro della Salute Giulia Grillo che chiede la piena applicazione della legge 194, quella che tutela la possibilità di abortire. Tre le richieste fatte alla ministra: garantire in ogni ospedale la presenza di ginecologi non obiettori 24 ore su 24, sanzionare le direzioni sanitarie che non assicurano il servizio e istituire una “helpline” nazionale e gratuita, gestita direttamente dal ministero, per supportare le donne respinte da medici obiettori.

La mia frase su Burioni? Non ho assolutamente alcun problema con lui personalmente, ma col suo modo di comunicare, che, secondo me, è sbagliato. Riguardo alla divulgazione scientifica, è meglio Alberto Angela di Roberto Burioni“. Sono le parole pronunciate a Tagadà (La7) da Dario Corallo, il giovane candidato alla segreteria del Pd, investito recentemente dalle polemiche per le sue parole sul virologo Roberto Burioni. Corallo aveva rimproverato il partito di essersi appiattito sull’atteggiamento comunicativo di “un Burioni qualsiasi che si diverte a bulleggiare il 99% delle persone meno preparate che esprimono semplicemente un dubbio”.
E aggiunge: “Io in quell’intervento ho parlato di una generazione in ginocchio, della dirigenza Pd che ha fallito, dell’Europa da 14 anni governata dalla destra e sembra che vada tutto bene, ma ci si è concentrati solo su quella sciocchezza. Burioni fa la sua sacrosanta battaglia sui vaccini e figuriamoci se la metto in dubbio. Con Burioni andrei anche a prendere una birra, io avrei piacere anche a fargli una telefonata“.
Corallo poi espone alcune falle del Pd: “C’è un enorme mondo giovanile che lavora sui territori, che c’è sempre stato e che purtroppo non viene raccontato e non emerge, non solo perché “quegli altri” non si fanno da parte, ma anche per il fatto che sono loro a decidere chi promuovere dal basso verso l’alto, senza alcuna formazione. Di solito vengono cooptati tendenzialmente per ragioni di obbedienza. In più, il partito si è completamente scordato dei poveri. E infatti ha pagato alle elezioni. Attualmente” – continua – “come opposizione non sta facendo nulla, se pensiamo che, all’indomani delle elezioni, la frase che andava per la maggiore, da Rosato ad Anna Ascani, era: ‘Vediamo se il governo riuscirà a fare quello che promesso’. Veramente se stai all’opposizione, tu devi impedire che venga fatto quanto promesso, non devi stare a guardare”.

Sono stati assegnati oggi i premi Sif-Farmindustria di 5.000 euro ciascuno a 10 giovani ricercatori dell’università e di altri enti di ricerca. I premi sono stati consegnati dal presidente della Sif (Società italiana di farmacologia), Alessandro Mugelli, e dal vice presidente di Farmindustria, Francesco De Santis. Dal 2000 a oggi i premi sono stati distribuiti a 178 ricercatori pubblici e privati. E anche quest’anno, come nel 2017, a vincere il premio sono soprattutto le donne. Ecco i nomi: Concetta Altamura, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Dipartimento di Farmacia – Scienze del Farmaco; Raffaella Belvedere, Università di Salerno, Dipartimento di Farmacia; Valentina Caputi, University College Cork-Department of Anatomy and Neuroscience, Apc Microbiome Ireland; Elena Catanzaro, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita; Santa Cirmi, Università di Messina, Dipartimento di Scienze Chimiche, Biologiche, Farmaceutiche e Ambientali; Jessica Cusato, Università di Torino, Dipartimento di Scienze Mediche, Laboratorio di Farmacologia Clinica e Farmacogenetica, Ospedale Amedeo di Savoia, Torino; Paola De Cicco, Università degli studi di Napoli Federico II, Dipartimento di Farmacia; Francesco De Logu, Università di Firenze, Dipartimento di Scienze della Salute; Annunziatina Laurino, Università di Firenze, Lens (European Laboratory for Non-Linear Spectoscopy) Dipartimento di Fisica e Astronomia; Rossana Roncato, National Cancer Insitute, Cro Aviano, Dept. Experimental and Clinical Pharmacology.

Stava lavorando all’Edipo a Colono di Sofocle per il prossimo Festival di Napoli il regista Eimuntas Nekrosius morto nella notte a Vilnius. Il maestro lituano considerato tra i più famosi registi teatrali avrebbe compiuto 66 anni il 21 novembre. L’artista, nato a Pazobris, è morto la notte scorsa in una clinica di Vilnius dove era stato ricoverato al suo rientro da un viaggio all’estero. Intensa l’attività anche in Italia come regista di prosa, da Anton Cechov a William Shakespeare: Nekrosius è stato direttore artistico del Teatro Olimpico di Vicenza (2011-2013) e ha debuttato come regista lirico nel 2002 al Teatro Comunale di Firenze proponendo un indimenticabile Macbeth verdiano, mentre alla Scala di Milano nel 2010 aveva firmato il Faust di Gounod.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha fatto visita nel tardo pomeriggio alle ville abusive della famiglia Casamonica dopo lo sgombero di questa mattina. “Lo Stato torna in possesso dei propri spazi” ha detto il primo ministro durante la visita. “Che cosa ne facciamo di quest’area?” ha chiesto ai collaboratori. “Proporrei alla sindaca un parco pubblico da dare alla comunità e questo quartiere”.

L’articolo Casamonica, Conte nelle ville abusive: “Cos’è questo, il trono dell’illegalità?”. Poi lancia la proposta per il recupero dell’area proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Da venerdì 23 a domenica 25 novembre torna l’appuntamento con Pharmexpo, il Salone della farmacia e della farmaceutica. Per la manifestazione organizzata da Progecta si tratta dell’undicesimo appuntamento con i professionisti del settore sanitario e della medicina, unico incontro nel suo genere organizzato ogni anno nel centro sud Italia.
“L’edizione 2018 di Pharmexpo guarda al futuro delle farmacie, ormai da tempo non solo più distributori di medicinali su prescrizione medica ma vere è proprie agenzie di servizi farmaceutici. Senza dimenticare che l’evoluzione poi tocca anche aspetti amministrativi” annuncia Fabrizio Cantella, direttore della kermesse che anche quest’anno sarà ospitata dalla Mostra d’Oltremare di Napoli.
Durante la manifestazione, che ha il patrocinio dell’Ordine dei Farmacisti, di Federfarma e della Facoltà di Farmacia della Federico II, si parlerà perciò dei grandi e piccoli cambiamenti che interessano il settore.In particolare, sabato 24 novembre arriveranno i vertici delle principali associazioni di categoria legate al settore farmaceutico per dare vita al convegno “La Farmacia Italiana nello scenario che cambia: Il nuovo ruolo nella rete di Sistema Farmacia Italia”. Saranno presenti il presidente Federfarma Marco Cossolo; il presidente Sunifar, Silvia Pagliacci; il presidente di Federfarma Servizi Antonello Mirone; il presidente Credifarma spa Maurizio Manna; il presidente Promofarma Nicola Stabile; il vicepresidente Sistema Farmacia Italia Gianluca Ceccarelli e il presidente Federfarma Napoli Michele Di Iorio.

“La digitalizzazione e la cultura d’impresa sono i due driver su cui stiamo costruendo la credibilità delle aziende nel futuro”. Lo ha spiegato Vito Grassi, presidente Unione Industriali Napoli e di Confindustria Campania, nel corso del convegno “Art from inside: la diagnostica per immagini applicata al patrimonio culturale” che, organizzato da “Fondazione Bracco”, si è svolto oggi nella sala Archimede della Città della scienza, a Napoli. “Questa è un’iniziativa – dice Grassi – che rappresenta un’applicazione reale, inimmaginabile fino a qualche anno fa, e che riesce a dare il senso della grande trasformazione che stiamo vivendo. Dal mondo delle imprese Città della scienza è visto come uno strumento eccellente di divulgazione scientifica. Va ulteriormente potenziato e integrato nel piano generale di Bagnoli sul quale abbiamo già speso molte parole”, conclude ironicamente il presidente unione industriali Napoli.

Anticorruzione, governo battuto  alla Camera sulla riforma del peculato

Passa un emendamento, presentato dall’ex M5S Vitiello, che chiede l’attenuazione del reato. E’ la stessa modifica che era stata inizialmente chiesta dalla Lega

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

“Rigettiamo le accuse e siamo indignati. Ma sugli elementi che stanno emergendo faremo a nostra volta verifiche: vogliamo capire cosa sono quelle intercettazioni e quei video“. A spiegarlo è Gabriele Eminente, direttore generale di Medici Senza Frontiere Italia, in una conferenza stampa oggi a Roma sul sequestro preventivo della nave Aquarius per presunte irregolarità nello smaltimento dei rifiuti di bordo.

“L’accusa di traffico illecito di rifiuti ci sembra francamente spropositata – dice Eminente -. Con 5 navi umanitarie abbiamo gestito 200 sbarchi in tre anni di operazioni in mare e soccorso 80.000 persone. E proprio lo sbarco è uno dei momenti più controllati dalle forze dell’ordine, tant’è vero che può durare ore. Abbiamo messo in piedi un traffico illegale di rifiuti sotto gli occhi della autorità più di 200 volte?”.

Archivi