Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

 

Le primarie del Pdl dividono gli azzurri, e ad attaccare, in prima linea, c’è l’irriducibile (e candidata) pasdaran, Daniela Santanchè: “Queste consultazioni non sono una truffa per me, ma per l’elettorato del centrodestra”. La fedelissima del Cav, ai microfoni di TgCom24, si scaglia contro le regole: “La raccolta delle firme è praticamente impossibile, e questo – aggiunge – avvantaggerebbe il segretario, a cui basterebbe fare poche telefonate. Non è giusto che i candidati non possano farsi pubblicità”.

“Io non sono come Renzi” - La Santanchè prosegue nella sua tirata: “Io credevo che alle primarie bisogna celebrare la partecipazione. A me sembra che ci si stia chiudendo a riccio e che la Sicilia non ci abbia insegnato niente. Non dobbiamo avere paura – ha proseguito -, io mi fido di Alfano”. Poi, a chi le propone un parallelo conMatteo Renzi (il candidato rottamatore che ha criticato le regole decise dal Pd) risponde: “Io come Renzi? Io sono la Santanchè. Io voglio che le primarie servano al popolo del centrodestra per riavvicinare la gente alla politica”. Quindi la chiusa: “Se vincessi io, i partiti non avrebbero più una lira perché sono contraria ai finanziamenti pubblici. Ognuno i soldi se li deve trovare. Se ci sono le idee si trovano i soldi”. 

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Altre bordate al partito: "Le primarie del Pdl? Truffa per favorire Alfano"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi