Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Alessandra Moretti, la dem che ha “seppellito” Bersani, anzi lo ha lasciato prima ancora della sua decadenza politica,  parla della decadenza di Silvio. Della reazione delle “donne del Cav” per la precisione. Lo fa dal blog dell‘Huffington Post, le chiama prefiche: “Le donne del Pdl, riconiato FI, si sono vestite a lutto per il funerale politico del loro leader. Va così la parabola del ventennio berlusconiano: dalle ragazze fast food del Drive In, alle prefiche del Senato. Non voglio qui fare la morale del prodotto culturale andato in onda negli ultimi vent’anni: non facciamo come Silvio, non siamo vittime dei format tv di Mediaset.

La morale – Fa la morale alle donne del Pdl, dice che nello scrivere questo post si è ispirata a tante ragazze che non si ritrovano nelle parole di Micaela Biancofiore che ha detto che le donne vanno alla ricerca “dell’uomo ricco e potente credendo che sia quella la strada per arrivare dove si vuole o per uscire da dove si è”. a un passaggio sul futuro del Cav ma poi torna a parlare di donne: “Quello che spero e che mi auguro nella giornata che chiude il sipario su un’epoca, è che da oggi in poi si riesca a liberare il cervello dai pregiudizi che ci hanno costretto a rapporti umani falsati e forgiati sull’unico credo del potere (maschile, ovvio). Se da questa overdose di volti di plastica e ragazze post-it che sono entrate nelle nostre case in qualunque orario e in ogni formato a comandarci di essere come loro, se da ogni insulto mascherato da maschile galanteria che in questi lunghi anni è giunto alle nostre orecchie fomentando l’idea che, sì, in fondo è meglio studiare alla scuola che professa: sposati uno ricco che perdi tempo a fare i master!”.  Poi la conclusione: “Ci vorrà un po’ di tempo per ricostruire un nuovo modello femminile, ma oggi le ragazze dell’Olgettina sembrano improvvisamente vecchie”.

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Moretti e le prefiche di Berlusconi

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi