Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“In Senato ieri i politici hanno avuto un momento di tenerezza per i giornalisti. Così è passato un pacchetto di emendamenti identico che dimezza le pene pecuniarie previste per la diffamazione: la nuova legge prevedeva in caso di condanna una pena pecuniaria fra 5 mila e 100 mila euro, con il voto il tetto massimo è stato dimezzato e portato a 50 mila euro. Visto che si era in buona, soppresse anche due altre norme pesantine che facevano parte del testo della cosiddetta salva-Sallusti approvato in commissione giustizia”, spiega il vicedirettore di Libero, Franco Bechis, sul quotidiano di martedì 30 ottobre. Cosa cambia dopo il dibattito a Palazzo Madama? Cambia che, per Sallusti, non ci sarrà la galera. La politica, però, vuole vederlo lavare i cessi. Ecco l’ultima dei senatori sulla diffamazione: basta celli, d’ora in poi lavori di pubblica utilità.

Leggi l’approdondimento di Franco Bechis su Libero di martedì 30 ottobre


pubblicato da Libero Quotidiano

Niente galera per Sallusti ma vogliono che lavi i cessi

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi