Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Il Presidente della Corte d’assise del Tribunale di Taranto, Rina Tunfo, che stava seguendo in questi giorni il processo per l’omicidio della 15 enne Sarah Scazzi, ha deciso di astenersi dal proseguire la trattazione dopo che, nella giornata di ieri, è stato reso pubblico un video esclusivo di un “fuori onda” in cui il presidente della Corte e il giudice a latere, Fulvia Misserini, conversano circa l’iter processuale. Ciò che ha allarmato la difesa è stato lo scambio di impressioni tra le due che, secondo lai legali di Misseri, rappresentano un’anticipazione di giudizio. Il presidente inizia: “Certo vorrei sapere, là, le due posizioni sono collegate. Quindi bisogna vedere se si sono coordinati… coordinati tra loro e se si daranno l’uno addosso all’altro” a queste affermazioni il giudice latere risponde: “Ah, sicuramente”. Presidente: “Bisogna un po’ vedere, no, come imposteranno.. potrebbe essere mors tua vita mea”. Ad allarmare la difesa è soprattutto l’ultima frase del Presidente: “(non è che) negheranno in radice”. I due giudici togati hanno dichiarato che le “parole rubate” non sono  “espressive di un parere e di un convincimento sull’oggetto delle imputazioni” ma hanno comunque deciso di accogliere l’invito ad astenersi dal continuare il processo. Richiesta inoltrata nell’udienza di ieri dagli avvocati Franco Coppi e Franco De Iaco, difensori delle imputate Sabrina Misseri e Cosima Serrano. A causa di questi imprevisti quindi l’udienza sarà rinviata a domani.


pubblicato da Libero Quotidiano

Omicidio Scazzi, dopo il video "compromettente" il presidente si astiene

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi