Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“Questo è un governo di coalizione, o no? Io a quello sono rimasta. Mi stupirei se qualcuno pensasse di piazzare trappole. Se poi non mi voteranno, pazienza. Sarà un problema politico, non di Daniela Santanchè”. E’ proprio Daniela Santanchè, capofila dei falchi del Pdl, a mandare un mesaggio forte e chiaro ai colleghi del Pd, che la scorsa settimana hanno fatto saltare e slittare la sua nomina alla vicepresidenza della Camera. Come nel caso di Nitto Palma alla presidenza della commissione Giustizia, non si tratta di una semplice formalità. Molti hanno letto l’ostracismo dei democratici come un segnale al governo Letta: l’intesa con il Pdl scricchiola e non votare la Santanchè sarebbe un ammiccamento a Sel e M5S. La Santanchè, però, si deve guardare anche dal fuoco amico, all’interno del Pdl. Nei prossimi mesi ci sarà un braccio di ferro (già iniziato) tra le colombe di Alfano (più moderate e apertamente filo-governo) e i duri e puri vicini alla pasionaria e piuttosto insofferenti alle larghe intese. Il ritorno a Forza Italia si giocherà su questo punto e non a caso la Santanchè, favorevolissima, dipinge la nuova creatura come “un movimento”: “Forza Italia non farà congressi ma convention. Sarà come un grande comitato elettorale all’americana, chiamato in causa per le elezioni, per poi entrare in letargo”. 


pubblicato da Libero Quotidiano

Pdl, Santanchè: "Se il Pd non mi nomina alla vicepresidenza, è un problema politico"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi