Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

 

Chiamatelo lapsus: sta di fatto che il presidente del Senato Renato Schifani ha di fatto ammesso quello che in molti, i più maliziosi, avevano già capito. Quasi tutto il parlamento sta lavorando per una legge elettorale che possa ingabbiare e disarmare Beppe Grillo. “Se non ce la facciamo, altro che 30%, Grillo arriva all’80 per cento”. Il concetto è semplice: se la Casta fallisce anche l’ultima riforma, il voto popolare la travolgerà a favore dell’unico vero anti-sistema, per quanto demagogo e populista. Schifani prima la fa passare come una riforma “che interessa i cittadini”. “Ce la facciamo, spero che il mio ottimismo in breve si trasformi in certezza”. Poi, come detto, lo scivolone. 

 

Il piano: Monti bis – “Tra i partiti – dice il presidente del Senato – c’è una fase estremamente delicata e costruttiva. I partiti con grande responsabilità stanno facendo in modo che il provvedimento arrivi presto in Aula. I tempi sono brucianti – ha concluso Schifani – ma i partiti se ne stanno facendo carico responsabilmente perché, ad un certo punto, le lancette si dovranno fermare”. I partiti cercano un accordo che possa favorirli in tutto: mostrarne i meriti agli occhi dell’opinione pubblica e garantirsi altri cinque anni di tranquillità, magari sotto l’ombrello di un Monti bis a Palazzo Chigi e senza che le truppe guastafeste di comici e anti-Casta creino troppo scompiglio.

“Colpo di stato” – Il nodo, naturalmente, è il premio di maggioranza al 42,5%, un limite allo stato attuale del panorama politico irraggiungibile e che ha fatto sbottare per primo il grande favorito alle prossime elezioni, il segretario del Pd Pierluigi Bersani (Matteo Renzi permettendo): “Non ci vogliono far governare”, ha detto l’uomo di Bettola, mentre è di oggi il commento al solito piccante del leader del Movimento 5 Stelle: “Questo è un colpo di stato”. In realtà l’anti-grillismo di Schifani è semplicemente lo specchio del terrore che circola a Montecitorio e Palazzo Madama, dove già buona parte della Casta è alle prese con la temuta “operazione liste pulite” annunciata dal ministro degli Interni Annamaria Cancellieri che mira a escludere dalle candidature i condannati in via definitiva. Ce n’è di che essere preoccupati, meglio occuparsi di un problema alla volta.

 

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Schifani: "Facciamo la riforma elettorale o Grillo arriva all'80%"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi