Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“La battuta di pessimo gusto sulla mozzarella contaminata di Caserta nel film ‘Non ci resta che il crimine’ è un falso storico e un’offesa inaccettabile a un intero territorio. Abbiamo già incaricato i nostri legali per mettere in campo tutte le azioni necessarie a tutela dei produttori di mozzarella Dop, ma anche a difesa di una terra ingiustamente martoriata da stereotipi che non possono essere rilanciati anche da un film”. A parlare così è il presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, Domenico Raimondo, che annuncia la linea dura in risposta al film diretto da Massimiliano Bruno.

Ma qual è la battuta “incriminata”? “Siamo rovinati. Non ci resta che vendere la mozzarella contaminata di Caserta“. “Sconcerta ancor di più che a pronunciare quelle parole sia un attore del calibro di Alessandro Gassmann, erede di un cognome così importante”, aggiunge Raimondo. Peccato che a pronunciare la battuta non sia il personaggio interpretato da Gassmann ma quello di Marco Giallini. In ogni caso, la sostanza resta: “Nessuna mozzarella Dop è mai risultata contaminata, nemmeno nei periodi più difficili, che per fortuna sono alle spalle. Oggi i consumatori testimoniano ogni giorno quanto amano la bufala campana, visto che nel 2018 abbiamo raggiunto il record storico di produzione con oltre 50 milioni di chili di mozzarella sulle tavole di tutto il mondo”. “Essere infangati al cinema è intollerabile – continua – e il nostro appello va a tutte le istituzioni campane per una mobilitazione collettiva contro ogni tentativo di gettare ombre su questa terra. Siamo stufi di comportamenti del genere e non li tollereremo più. Faremo valere la nostra dignità e il nostro orgoglio in ogni sede. Pretendiamo rispetto da tutti”.

“La mozzarella di bufala è uno dei settori trainanti dell’economia casertana per cui è grave che una battuta in una commedia, che non trova riscontro nella realtà, ne metta a rischio l’immagine contribuendo ad alimentare stereotipi e pregiudizi sul nostro territorio”. A dare man forte a Raimondo è Stefano Graziano, consigliere regionale campano del Partito democratico, presidente del partito regionale e presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale della Campania.
“Esprimo pieno sostegno – aggiunge Graziano – a tutte le iniziative che il Consorzio di tutela porrà in essere in difesa del nostro oro bianco, che proprio quest’anno ha visto un forte incremento di produzione ed export. Oggi, tra l’altro, la filiera bufalina è tra le più controllate a tutela della qualità del prodotto e dei consumatori”.

 

 

 

L’articolo “Siamo rovinati. Non ci resta che vendere la mozzarella contaminata di Caserta”. Alessandro Gassmann e Marco Giallini fanno imbufalire i produttori campani proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi