Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

A dicembre verranno prodotte le ultime televisioni Mivar, le ultime televisioni italiane. A fine anno saranno esauriti i componenti per produrre piccoli schermi. L’azienda, che ha sede ad Abbiategrasso, provincia di Milano, deve reinventarsi. Al timone c’è ancora Carlo Vichi, oggi 90enne, che la fondò nel 1945: negli anni del boom e del passaggio al colore arrivò a produrre un milione di televisori l’anno, per un fatturato di oltre 300 miliardi delle vecchie lire. Lo schermo piatto, però, ha spezzato il sogno: la produzione è entrata in crisi. Ilfattoquotidiano.it è andato a intervistare il patron Vichi, e visitando le vecchie linee di produzione fa notare che ci si imbatte in diversi manifesti che riportano la effige di Benito Mussolini. Vichi, a quel punto, non ha potuto negare le sue nostalgie. E non solo, il patron spiega che il Duce gli detta la linea. “Mussolini mi ha detto basta con le tv, produci scrivanie“. Infatti la Mivar realizzerà scrivanie, che stando a quanto dice Vichi saranno “rivoluzionarie”, adatte per sale d’aspetto e punti di sosta. C’è un periodo nero da provare a superare, e il fondatore ammette: “Solo pensando a Mussolini riesco a superare questo periodo di crisi”




pubblicato da Libero Quotidiano

Vichi, il patron della Mivar: "Mussolini mi detta la linea. Basta tv, ora faccio scrivanie"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi