Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Firenze, 5 nov. – (Adnkronos) – A Barberino Val d’Elsa, Greve in Chianti, San Casciano in Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa parte l’iniziativa “Svuota la soffitta”: dal mese di novembre saranno organizzati nei quattro comuni mercatini periodici di libero scambio dell’usato, in cui i cittadini potranno portare i propri oggetti non più utilizzati (libri, giocattoli, abiti, oggetti d’arredamento etc.), per scambiarli o venderli ad altre persone che potranno farne buon uso.

L’iniziativa è inserita nell’ambito del Progetto Wasteless in Chianti (http://www.wasteless-in-chianti.it), coordinato dalla Provincia di Firenze e cofinanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma Life+, che si pone l’obiettivo di ridurre di almeno 100 kg per abitante all’anno la produzione dei rifiuti nell’area del Chianti fiorentino.

“Prolungare la vita degli oggetti – sottolinea l’assessore all’Ambiente della Provincia di Firenze, Renzo Crescioli – prima di farli diventare rifiuti è una strategia preziosa che consente di ridurre rifiuti, risparmiare materie prime, acqua, energia e denaro ed anche recuperare una dimensione sociale importante come quella dello scambio. Basti ricordare che il Consorzio abiti ed accessori usati afferma che in Italia solo triplicando le attuali 80 tonnellate di abiti raccolti, si risparmierebbero 36 milioni di euro spesi per lo smaltimento”.

Il primo appuntamento è fissato per il 25 novembre a San Casciano in Val di Pesa (piazza della Repubblica dalle 9 alle 16, dalle 8 per gli espositori), comune nel quale l’iniziativa è già stata realizzata con successo negli anni scorsi, e sarà replicata negli altri comuni nel corso dei prossimi mesi: a Greve in Chianti il 17 marzo 2013, a Barberino Val d’Elsa il 14 aprile 2013, a Tavarnelle Val di Pesa il 14 maggio 2013.

L’appuntamento di novembre è inserito nell’ambito della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (Serr 2012 – per maggiori info: http://www.ecodallecitta.it/menorifiuti/), a cui il progetto Wasteless in Chianti partecipa con una ricca serie di iniziative.

La possibilità di esporre i propri beni usati è riservata ai soli cittadini residenti nei comuni di Barberino Val d’Elsa, Greve in Chianti, San Casciano in Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione degli spazi e la consegna della domanda di partecipazione (scaricabile dal sito www.wasteless-in-chianti.it e dai siti istituzionali dei quattro Comuni) presso lo sportello “Wasteless in Chianti” dei comuni. I cittadini interessati a partecipare, o comunque a ricevere informazioni sulle modalità di partecipazione, possono contattare entro il 20 novembre la responsabile dello sportello telefonando dal lunedì al venerdì al numero 3383158280 o scrivendo una e-mail al seguente indirizzo: info@wasteless-in-chianti.it


pubblicato da Libero Quotidiano

Wasteless in Chianti, a novembre produrre meno rifiuti svuotando le soffitte

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi