Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Forestazione, arriva il via libera dei sindacati al nuovo programma di manutenzione dell’infrastruttura per il biennio 2012/2013. Il Comitato interassessorile di programmazione in materia, istituito con la legge 1/2012, ha incontrato questa mattina gli organismi di categoria. A guidare i lavori il consigliere del presidente Stefano Caldoro per l’Agricoltura Vito Amendolara.
Le attività di manutenzione del patrimonio forestale, 450mila ettari, pari a un terzo del territorio regionale, avverranno sulla base di un programma d’azione unitario, già approvato dal Comitato, con i seguenti obiettivi: difesa del suolo, prevenzione dei rischi e messa in sicurezza del territorio; cura della biodiversità e del paesaggio; promozione di filiere certificate e di nuove forme di imprenditorialità in campo forestale; aggiornamento tecnico e professionale delle maestranze.

Sono stati nuovamente bocciati i cinque alunni di prima elementare dell’istituto “Giulio Tifoni” di Pontremoli (Massa Carrara). Si tratta di tre stranieri e due italiani (tra cui un disabile) che erano stati respinti al termine dell’anno scolastico, e la cui bocciatura era stata annullata dagli ispettori dell’Ufficio scolastico regionale (Usr), che aveva invitato a rifare gli scrutini in quanto la decisione degli insegnanti era stata presa senza le necessarie motivazioni, considerato anche che alle elementari  la non ammissione è prevista solo in casi di eccezionalità.

Ieri il consiglio di classe si è riunito e ha ribadito la  decisione presa una settimana fa, ovvero di non ammettere i cinque alla seconda elementare. Le motivazioni sono contenute in una relazione redatta dal dirigente dell’istituto, e inviata all’Ufficio scolastico regionale, e il cui contenuto sarà reso noto tra qualche giorno. I genitori dei cinque alunni, che avevano fatto ricorso una prima volta, secondo quanto si apprende ora faranno ricorso al Tar e chiederanno i danni.

Il vicedirettore di Libero Massimo de’ Manzoni commenta la reazione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulle insinuazioni fatte nei suoi confronti per il coinvolgimento di Mancino nella trattativa Stato-mafia.


pubblicato da Libero Quotidiano

Il vicedirettore de’ Manzoni: "Napolitano non ci sta, ma spieghi perché"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rilassati, herr Mueller, non ti stiamo chiedendo soldi. Non usa un linguaggio così diretto Mario Monti, ma il concetto, espresso in un’intervista congiunta concessa a sei quotidiani europei (Le Monde, El Pais, Süddeutsche Zeitung, The Guardian, La Stampa e Gazeta Wyborcza), è comunque lo stesso. Il signor Mueller della situazione, ovviamente, non è altro che l’immaginario tedesco medio, l’elettore diffidente che Angela Merkel non vuole perdere, il lettore preoccupato cha ha ancora negli occhi l’eloquente copertina della Bild sulla quale, pochi giorni fa, lo stesso Monti veniva affiancato ad altri quattro protagonisti dell’assedio internazionale a Berlino. Monti, Obama, Barroso, Hollande e Rajoy: tutti sbattuti in prima pagina con un avvertimento eloquente. “Questi cinque vogliono i nostri soldi”, spiegava la Bild a tutti i Muller di Germania. Inevitabile, a questo punto, che la sfida del premier italiano si rivolga ormai proprio a questo pregiudizio.

Un giorno di maggio del 2006 (ormai quasi sette anni e un mandato quirinalesco orsono), Libero celebrò la nomina di Giorgio Napolitano a presidente della Repubblica titolando un po’ sadicamente “La Repubblica dei pannoloni”, con riferimento all’età avanzata dell’allora nuovo inquilino del Colle. Oggi, il titolo potrebbe essere “La Repubblica dei fazzolettoni”, visto la frequenza con cui, ultimamente, Napolitano finisce i suoi interventi piagnucolando.

Nel giro di 40 giorni è capitato ben tre volte. Il 9 maggio, il Capo dello Stato si commosse in occasione della giornata delle Vittime del terrorismo. Il 23 maggio pianse celebrando il ventesimo anniversario della strage di Capaci mentre si rivolgeva ai giovani presenti nell’aula bunker del carcere dell’Ucciardone (quell dove venti e passa anni fa si celebrò il “maxiprocesso” alla mafia): “Voglio dirvi completate con impegno la vostra formazione, il vostro apprendistato civile e scendete al più presto in campo…”. Giù lacrime e applausi al presidente. Ma, visto il carattere luttuoso delle due occasioni, le alcrime potevano anche starci. Capitava pure a Sandro Pertini, che varò il modello del presidente “umano”, “uno del popolo” e che per il popolo si commuoveva.

Oggi, però, Napolitano è andato oltre ogni suo predecessore, commuovendosi alla consegna del tricolore ai portabandiera delle Olimpiadi e paralimpiadi di Londra. O peggio: si è commosso riferendosi alla recente partita degli azzurri con la Spagna a Euro 2012, cui aveva assistito: «Ero a Danzica. Quel pareggio è una vittoria, è andata veramente bene. Poi è arrivato un pareggio importante e poi una vittoria con due magnifici gol che hanno fatto onore all’Italia. Va bene che non si deve cercare solo la vittoria ma se si riesce a non perdere mai e a vincerne una è ancora meglio. Voi siete l’Italia». E giù lacrime. Come gli ha detto grillo giusto qualche settimana fa, Napolitano sembra sempre più pronto per (l’ormai imminente) pensione.

Piazza Affari riesce a superare l’incertezza iniziale e punta verso l’alto, in attesa del vertice Roma Monti-Merkel-Rajoy-Hollande. Si attende annuncio Spagna su richiesta aiuti a banche, che potrebbe arrivare a breve. Tassi spagnoli continuano a scendere. Piazza Affari migliore con Madrid. Altre borse giù. GRAFICO performance FTSE MIB: il grande tonfo. GUARDA I VIDEO.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Borsa Milano sui massimi di seduta, MPS vola con +10%

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Cinguettare che passione! E in Italia tra gli utenti di Twitter più seguiti ci sono personaggi diversi per storia e caratteristiche. Beppe Grillo, con 533 mila seguacì, è l’italiano, a ruota c’è lo scrittore Roberto Saviano che si piazza al secondo posto, la medaglia di bronzo l’agguanta il segretario del Pd Pier Luigi Bersani  che completare il podio. Nella top ten dei “più influenti” sul social network, primo e unico componente del governo di Mario Monti è il ministro degli Esteri Giulio Terzi, decimo con circa 22 mila followers. 

Oggi voglio dedicare il mio spazio a una spiacevole vicenda attraverso le parole della protagonista, a cui va tutta la mia solidarietà: Irene Baroni, ex campionessa di bridge, portabandiera della nazionale italiana alle “Olimpiadi della mente” di Pechino e ad oggi una delle migliori giocatrici professioniste di poker in Italia.

“Ho bisogno di sfogarmi per quel che mi è successo in questi giorni. Io e il mio fidanzato stiamo cercando casa a Milano. Dopo varie ricerche avevamo trovato la casa perfetta per noi, un appartamento in Ripamonti molto carino, con un bel terrazzo, non arredato, sugli 80 metri quadri, a 1000 euro mensili. (…)

“La crescita non può avere una base di solidità se non nella disciplina di bilancio e la disciplina bilancio non è sostenibile nel lungo periodo se non ci sono condizioni sufficienti di crescita e di sviluppo dell’ occupazione”. A dirlo il presidente del Consiglio Mario Monti al termine dell’incontro quadrilaterale con la cancelliera Angela Merkel, il presidente della Repubblica francesce François Hollande e il premier spagnolo Mariano Rajoy, vertice organizzato a Roma. Monti nel suo discorso introduttivo in conferenza stampa ha annunciato azioni per rilanciare l’economia all’ordine del giorno già dal prossimo consiglio dell’Unione Europea, il 28 giugno annunciando un pacchetto per la crescita da 130 miliardi.

Arriva il Roma Fringe Festival: la cittadinanza attiva incontra il Teatro

Nato nel 1947 a Edimburgo, da un gruppo di compagnie escluse dal mainstrem della cultura istituzionale e diffusosi in tutto il mondo a partire dagli anni settanta, il Fringe Festival arriva per la prima volta a Roma dal 23 giugno al 15 luglio.

Ventitre giorni completamente off con 9 spettacoli diversi a sera, per un totale di 54 compagnie provenienti da tutta Italia e poi ancora incontri tematici e attualità per un festival indipendente e autofinanziato.

Partner editoriale ufficiale del Roma Fringe Festival è Il Fatto Quotidiano che, all’interno della rassegna, promuove momenti di incontro e riflessione su cultura, ambiente, e legalità.

Archivi