Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Nelle prime contrattazioni, il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti è sopra 400 punti a quota 402, dopo aver chiuso venerdì a 397 punti. Il rendimento del decennale è al 5,71%.

Lo spread calcolato sui Bonos spagnoli è a 431 punti, dopo aver chiuso la settimana scorsa a 427 punti. Il tasso del decennale è al 5,98%.

Oggi sui mercati pesano le elezioni in Francia – dove lo sfidante Francois Hollande ha vinto il primo turno portandosi in in vantaggio sul presidente uscente Sarkozy – e l’Olanda, dopo il fallito negoziato sul piano di austerity. Pesa in positivo invece il rafforzamento delle risorse a disposizione del Fmi per far fronte alla crisi europea.

Non decolla a Rimini la “astronave” dei congressi da 117 milioni di euro, inaugurata alla fine della scorsa estate dopo anni di acrobazie politiche e peripezie giudiziarie: il Palas.

Il traguardo di quest’anno è tagliare come da business plan i 200 mila congressisti. Ma, complice la crisi, oggi, con i 54 eventi già confermati di cui 10 organizzati alla Fiera, si rimane inchiodati a quota 130-135 mila. Tanto che la società che gestisce il nuovo palazzo, Convention Bureau, non esclude di non raggiungere l’equilibrio di bilancio nemmeno nel 2012. “Siamo moderatamente soddisfatti, ma c’è ancora tanto da lavorare”, recitano in coro Roberto Berardi e Marta Agostini, presidente e direttore della società congressuale.

Alla fine si tratta di un oscuro coefficiente che tiene conto della distanza tra l’ufficio postale e la zona di recapito, dei numeri civici, di quante famiglie e negozi ci sono in zona e del tragitto totale per attraversarla tutta da una parte all’altra. Sopratutto nel coefficiente c’è anche il volume della corrispondenza, che è calato negli ultimi anni perché le comunicazioni iniziano a spostarsi su internet, per la concorrenza e in parte per effetto della crisi.

La sinistra ha vinto (almeno per il momento) in un Paese che resta fondamentalmente, storicamente, irrimediabilmente di destra. E’ la fotografia schizofrenica che esce fuori da questo primo turno delle presidenziali. François Hollande è il favorito del ballottaggio. Ma Sarkozy ha un amplio bacino di elettori più o meno conservatori nel quale pescare consensi. L’iperpresidente è quasi finito. Non del tutto finito.

 

Dopo quasi tre anni di feroci battaglie legali sembra tornato il sereno in casa Berlusconi. La ex moglie Veronica Lario, racconta il Corriere, è stata vista due domeniche fa a pranzo a villa Belvedere presenti Silvio e i loro tre figli. Sembra che l’avvocato patrimonialista che assiste il Cavaliere nella causa di divorzio sia riuscito a mettere d’accordo la coppia e quella che doveva essere una separazione giudiziaria sarà una consensuale. 

L’epilogo di una vicenda che inizia nel maggio 2003 Veronica chiede il divorzio e qualche mese dopo presenta il conto: 43 milioni di euro l’anno. Ma Silvio rilancia al ribasso: 7 milioni di euro l’anno più un vitalizio di 300 mila euro al mese e l”usufrutto della Villa a Macherio. L’ex moglie non ci sta e rigetta l’accordo scatenando l’ira del Cavaliere: assegno di mantenimento ribassato e nessun usufrutto della casa dove Veronica ha cresciuto i loro figli. Ma la Lario non cede e la rottura è inevitabile. Berlusconi, al di là delle cifre, non ha ancora digerito la lettera pubblica della moglie con cui denunciava i suoi comportamenti al di fuori delle mura domestiche (la partecipazione alla festa dei 18 anni di Noemi Letizia e le candidate veline definite “ciarpame senza pudore). 

Il tempo, però, lenisce i rancori e ora sembra che tra i due ex coniugi il clima sia più sereno e si possa tornare a parlare e a discutere della separazione che a quanto pare prevede il ritorno di Veronica a Villa Belvedere a Macherio e le spese da lei preventivate.

 

“I salari minimi svolgono un ruolo importante nella lotta alla povertà e alle ineguaglianze”. A dirlo è la portavoce del Commissario Ue all’Occupazione Lazslo Andor. Parole piene di speranza dette in un momento non causale: alla vigilia della presentazione della strategia Ue “Verso un crescita ricca di lavoro” di fronte a tutto il Parlamento europeo riunito in plenaria a Strasburgo. “Questa non è solo una questione che riguarda l’economia, ma anche la giustizia sociale”, ha aggiunto la portavoce. Peccato che per passare dalle parole ai fatti serve l’intervento delle cancellerie dei paesi membri.

Monti incalza i ministri sul taglio delle spese, mancano infatti pochi giorni alla presentazione della prima relazione sulla spending review (L’analisi dettagliata dei diversi capitoli di spesa dello Stato che mira ad accertare gli sprechi che si possono elimindare, ndr), la revisione la spesa pubblica, ma il documento stenta a prendere corpo. Non tutti i suoi ministri sono favorevoli al contenimento della spesa, nel confronto avuto per un paio di ore con il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Pietro Giarda si è sfogato spiegando che la “spending review è un’operazione complicata a cui sto lavorando pressocché da solo e quasi a titolo personale”. Il ministero dell’Interno Annamaria Severino sarebbe contraria alla razionalizzazione delle Prefetture e a tagliare le spese per le carcere (ma in un’intervista di oggi, lunedì 22 aprile il ministro smentisce la sua opposizione ai tagli spiegando che il suo piano per il Viminale è quello di tagliare un dipendente su dieci).

Difesa ed Esteri  Per quando riguarda il ministero della Difesa, il generale Giampaolo di Paola, sarebbe rimasto freddo rispetto alle richieste di ridurre le spese di apparato, come quelle di sorveglianza del terrirorio che in alcuni casi apparirebbero come una duplicazione del servizio svolto da altri corpi o quelle delle cassere. Il ministro degli Esteri Giulio Terzi di San’Agata, invercve, la Farnesina è gia arrivata al limite dir iduzione delle spese e quindi non può essere oggetto di ulteriori tagli. Il ministro dei Rapporti con il Parlamento ha chesto proprio davanti a queste resistenze, l’aiuto di una task force. 

Buone notizie per l’Europa e ripresa attività economica cinese. Ma gli investitori attendono maggiori certezze. Nikkei (-0,01%), Sydney (-0,22%), Hong Kong (-0,56%). Euro a $1,3190.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Azionario Asia: cali contenuti da Fmi e manifattura Cina

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Si va al ballottaggio. Il socialista al 28,2%: “Si cambia. Riorienterò l’Europa verso la crescita”. Il presidente al 27%: “Lo sfido in tv”, e chiede 3 confronti prima del voto. Ultradestra 18,5.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Hollande vince il primo round Sarkozy sconfitto, boom Le Pen

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Sono le banche a cui con le misure di austerita’ di Monti stiamo ripagando investimenti sbagliati. “Se io mi indebito voglio sapere con chi”. La denuncia del blogger pluripremiato Claudio Messora.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Gli specialisti del debito che si accaparrano il 10% dei Bot

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Archivi