Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Internazionalizzazione trenta aziende casertane incontrano operatori della Corea del sud. Si è svolta alla Camera di Commercio di Caserta una sessione di lavoro per individuare i possibili sbocchi delle eccellenze casertane sui mercati coreani. Su iniziativa della commissione internazionalizzazione presieduta da Carlo Cicala, il presidente dell’ente camerale, Tommaso De Simone, ha ricevuto una delegazione di operatori sudcoreani guidati dal segretario generale della camera di commercio italiana in Corea. “I settori nei quali si prefigurano ottime opportunità – ha spiegato Cicala – sono quelli del tessile, calzaturiero, agroalimentare ed enologico”.
Ai lavori hanno preso parte circa trenta aziende. “E un primo passo – ha sottolineato il presidente De Simone, al termine dell’incontro – verso un Paese dalle possibilità più che interessanti per i nostri prodotti. Dai colloqui emersa una particolare attenzione dei possibili buyers verso le nostre eccellenze. Abbiamo percepito la netta possibilità di avviare un considerevole interscambio”.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

CRISI

La Federmar-Cisal conferma lo sciopero del 29 marzo dei lavoratori naviganti ed amministrativi della Tirrenia. La protesta – si legge in una nota – è rivolta contro l’indeterminazione e la scarsa azione del Governo che si nega al confronto sulla privatizzazione della flotta di Stato con la cessione dell’azienda pubblica Tirrenia alla Compagnia Italiana di Navigazione /Cin).
“La Commissione europea Antitrust – ricordano i sindacati – è intervenuta aprendo una procedura di indagine approfondita su un’asserita concentrazione che tale operazione potrebbe generare nel comparto italiano dei collegamenti marittimi con le isole”. Da anticipazioni che giungono da Bruxelles, la Commissione starebbe per emanare un giudizio negativo in merito al contratto di compra/vendita già stipulato ed in attesa, per la sua formalizzazione, del solo ultimo tassello costituito, per l’appunto, dal parere dell’Antitrust europeo.
Martedì scorso, poi, è arrivato lo stop del Governo a Cin: il raggruppamento – fanno sapere dal ministero per lo Sviluppo – ha 90 giorni di tempo per mettersi in regola con le indicazioni dell’Unione Europea. Nei giorni scorsi Bruxelles ha fatto sapere di considerare l’operazione “lesiva della concorrenza”.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Dal prossimo maggio piatti e bicchieri di plastica faranno parte della raccolta differenziata. E’ quanto ha stabilito il comitato di coordinamento Associazione Comuni italiani (Anci) e il Consorzio nazionale imballaggi (Conai) che si e’ riunito oggi a Firenze. Il comitato, e’ detto in una nota, ha deliberato “importanti modifiche relative alla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica”.
E’ stato deciso di posticipare al primo luglio l’introduzione delle nuove fasce di qualita’, previste dall’Accordo Quadro in essere, e di applicarle con maggiore gradualita’, garantendo in questo modo ai Comuni ed alle aziende che effettuano la raccolta piu’ tempo per migliorare le loro prestazioni. Entro un mese saranno perfezionate le integrazioni agli allegati tecnici, che ufficializzeranno le nuove fasce di qualita’.
Inoltre si e’ deciso di comprendere, a partire dal primo maggio di quest’anno, i piatti ed i bicchieri di plastica fra i prodotti che è possibile inserire nella raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e conferire quindi al Consorzio Corepla per il successivo avvio a riciclo.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Cantieri Fincantieri

Sciopero e blocco delle attività di due ore contro la riforma dell’articolo 18 da parte dei lavoratori della Fincantieri di Castellammare di Stabia (Napoli). Una protesta che vede unite tutte le organizzazioni sindacali di categoria, Fiom, Fim, Uilm, Ugl e Cisal, presenti nello stabilimento. “E’ una decisione che nasce – spiega Giovanni Sgambati, segretario generale Uilm Campania – dopo le chiusure manifestate dal governo di fronte a chi aveva apprezzato i provvedimenti sugli ammortizzatori sociali. Sull’articolo 18, invece, non è stata accolta nessuna modifica. Già vi era un forte disagio tra i lavoratori. Se il Parlamento non dovesse accogliere le modifiche sui licenziamenti economici, rischia di aprirsi un problema di tenuta sociale tra i lavoratori”. La protesta di oggi fa seguito a quella di ieri alla Indesit di Teverola, nel Casertano.

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

«I problemi più drammatici sono le crisi aziendali e i lavoratori che rischiano di perdere il posto di lavoro»

Archivi