Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Milano, 18 apr. (AdnKronos) – Una libreria in stile minimal composta di assi in compensato di betulla del peso totale di circa otto chili, assemblate a incastro come un puzzle. Si chiama Claro ed è il progetto vincitore dell’Intesa Sanpaolo Award, il premio organizzato dall’istituto di Ca’ de Sass in occasione del Salone del Mobile di Milano, per incoraggiare lo sviluppo del talento nei giovani designer. La cerimonia di consegna del riconoscimento si è tenuta nell’Arena del SaloneSatellite, al padiglione 13-15 di Rho FieraMilano.

Lo stallo

La Casellati ha già fallito, ora Mattarella aspetta il Pd

Oggi un secondo giro – Le consultazioni affidate al presidente del Senato vanno a vuoto. Il Colle replicherà con quello della Camera: e pensa a un nome terzo

di Fabrizio d’Esposito

Vadi, contessa, vadi! di Marco Travaglio

Maria Elisabetta Alberti Casellati, seconda donna della storia a ricevere l’incarico al Quirinale con gran sollievo del genere maschile, è appena stata nominata esploratrice con un’autonomia di 48 ore per lubrificare la Duplice Intesa fra centrodestra e 5Stelle. E già la sua missione in kepì, sahariana, pantaloncini alla zuava, scarponcini e binocolo è miseramente fallita. […]

Blitz contro Messina Denaro, 22 arresti Individuata la rete che smistava «pizzini»

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Lo stallo

La Casellati ha già fallito, ora Mattarella aspetta il Pd

Oggi un secondo giro – Le consultazioni affidate al presidente del Senato vanno a vuoto. Il Colle replicherà con quello della Camera: e pensa a un nome terzo

di

Vadi, contessa, vadi! di

Maria Elisabetta Alberti Casellati, seconda donna della storia a ricevere l’incarico al Quirinale con gran sollievo del genere maschile, è appena stata nominata esploratrice con un’autonomia di 48 ore per lubrificare la Duplice Intesa fra centrodestra e 5Stelle. E già la sua missione in kepì, sahariana, pantaloncini alla zuava, scarponcini e binocolo è miseramente fallita. […]

Il collegio del tribunale di Firenze ha condannato Giuseppe Raffone e Pasquale D’Alterio nel processo per gli spari esplosi il 23 gennaio 2017 contro l’auto e la ditta dell’imprenditore fiorentino Andrea Bacci, amico di Matteo Renzi. Per due volte nella stessa giornata colpi di arma da fuoco furono esplosi prima contro la vettura di Bacci, e poi contro vetrate e insegna della pelletteria Ab Florence a Scandicci. Raffone è stato condannato a 7 anni e 6 mesi di reclusione, D’Alterio a 6 anni e 9 mesi. Il pm Christine Von Borries aveva chiesto rispettivamente per i due – arrestati nel febbraio 2017 – 9 anni e 6 mesi e 7 anni.

I droni ad uso militare e civile possono essere una “risorsa utile” in vari settori, ma i programmi “non devono essere approssimativi, devono riportare coperture economiche sufficienti, devono dare garanzia di trasparenza nei contratti e non comportare inutili sprechi di risorse“. A scriverlo è Davide Crippa, deputato M5s, relatore in commissione speciale alla Camera di un decreto del ministero della Difesa del governo uscente che prevede il programma di acquisto di droni per 760 milioni di euro in 15 anni. Crippa, sul Blog delle Stelle, precisa tra l’altro che “siamo sempre stati, e continueremo ad esserlo, contro le spese militari inutili (e non solo militari) che non rientrano in una strategia complessiva di sviluppo del Paese, in una visione strategica“. Il deputato dei Cinquestelle, tuttavia, per altri versi sostiene che “ancora una volta dobbiamo smontare l’ennesima fake news“. “È stato scritto che io avrei dato parere ‘congruo’ alla spesa – conclude Crippa – Falso“.

Volevano dimostrare quanto la gente sia facilmente corruttibile, ma lo hanno fatto con un’iniziativa provocatoria che ha suscitato polemiche. Il teatro municipale di Costanza, nel sud della Germania, ha offerto l’entrata gratis a chi si fosse presentato con una fascia con svastica in bella mostra per assistere a una rappresentazione del Mein Kampf. Si tratta di una rivisitazione caricaturale del saggio programmatico scritto da Adolf Hitler nel 1925, ma anche la scelta della data è stata provocatoria: il 20 aprile, giorno della nascita del dittatore nazista. E in 50 si sono presentati con interesse.

Chiara e Micaela hanno sono diventate madri da pochi giorno grazie alla procreazione medica assistita. Il 13 aprile è nato il loro figlio Niccolò Pietro che il 23 aprile rischia di diventare “apolide” perché la legge italiana non prevede il riconoscimento dei figli e delle figlie nate da coppie omogenitoriali. “Abbiamo presentato il problema al Comune quattro mesi fa – spiega Chiara Foglietta, che ricopre anche la carica di consigliere comunale del Pd – ma non abbiamo ricevuto risposte da parte della sindaca. Questa battaglia non è solo per nostro figlio, ma per tutti quelli che vivono la nostra situazione”

Il mandato esplorativo della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è già affondato nel giro di poche ore. L’obiettivo, fissato nell’incarico affidato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, era quello di verificare entro venerdì l’esistenza di una maggioranza tra il centrodestra e il M5s. E invece i possibili contraenti hanno ribadito le proprie posizioni. Da una parte Luigi Di Maio, capo politico del M5s, ha ribadito che il veto su Silvio Berlusconi rimane e, anzi, invita Matteo Salvini a mollare, entro la fine della settimana, la coalizione che definisce “un artifizio elettorale“. “Noi – scandisce Di Maio – siamo insieme alla Lega le uniche due forze che non si pongono veti a vicenda. Qui non è ‘comandiamo noi o niente’, Salvini deve comprendere l’importanza di un contratto di governo che può dare alla Lega e a Salvini di fare le cose che hanno sempre promesso. Salvini deve fare una scelta e il tempo è poco”.

Archivi