Notizie italiane in tempo reale!

Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Comuni italiani al collasso: la rivolta contro il governo Monti parte da Napoli. Domani, infatti, si terrà a Castel dell’Ovo il Consiglio nazionale dell’Anci (Associazione dei comuni italiani). All’ordine del giorno la richiesta di liberare i municipi dal vincolo del patto di stabilità. La scelta di Napoli, come spiegano i vertici dell’associazione, è dare voce e valorizzare il Sud, i grandi e i piccoli Comuni.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Sciopero generale del trasporto pubblico locale anche a Napoli e in Campania giovedì prossimo primo marzo. La mobilitazione prevede nel capoluogo partenopeo uno stop per bus, metro Linea 1 e Linea 6 e funicolari dalle ore
9 alle 13. Il personale degli impianti fissi e amministrativo si fermerà nelle ultime 4 ore della propria prestazione lavorativa. In piazza del Plebiscito, davanti alla Prefettura di Napoli, alle ore 11 si terrà un presidio delle lavoratrici e dei lavoratori dei Trasporti, promosso da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltratrasporti. L’obiettivo dello sciopero – sottolinea una nota della Cgil – é cercare di contrastare la precarietà del lavoro e l’abbattimento delle tutele contrattuali, di opporsi ai bassi salari e agli appalti e subappalti senza regole. Al governo viene inoltre richiesto di apportare delle modifiche al cosiddetto “Decreto Cresci Italia”
che non contiene alcun elemento di programmazione pubblica e di politica dei trasporti, troppo spesso esclusi dalle più importanti decisioni in materie economiche, industriali e sociali che riguardano il Paese.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Poco mosso lo spread tra Btp decennali italiani e Bund tedeschi. Il differenziale apre intorno ai 360,5 punti base con una lieve variazione rispetto alla chiusura di ieri, sopra quota 359. Il rendimento si colloca al 5,43%.

Milano apre in rialzo
Apertura positiva a Piazza Affari. L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,38% a 16.370 punti, mentre l’All Share registra +0,36% a 17.398. In progresso anche l’indice Star che quota a 10.671 punti (+0,26%).

Tokyo chiude in rialzo
Chiusura positiva per la borsa di Tokyo. L’indice Nikkei, al termine degli scambi, registra un guadagno dello 0,92% a quota 9.722,52.

Articolo completo:
pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Krugman: Grecia a corto di alternative per scongiurare la crisi

Le misure di austerità imposte ad Atene continuano a schiacciare il tentativo di ripresa economica del paese. A corto di soluzioni, secondo il premio Nobel. Potrebbe arrivare ad abbandonare l’euro.

Articolo completo:
pubblicato da Libero Quotidiano

Maroni incontra i fedelissimi Corsa alle poltrone della Lega

L’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni ha incontrato in un hotel milanese i militanti della Lega. A sorpresa è spuntato anche l’ex sindaco di Milano Marco Formentini, da tempo fuoriuscito dal Carroccio. Con tanto di Alberto da  Giussano sul bavero, l’ex sindaco leghista si è detto sorpreso dalla sorpresa di alcuni presenti nel vederlo partecipare all’incontro e ha mostrato orgoglioso il distintivo. Come per dire ai militanti: il mio cuore è sempre leghista. E come per dire a Maroni: se per caso c’è una poltrona libera…


Articolo completo:
pubblicato da Libero Quotidiano

Il premier ci prende in giro "Salari in linea con l’Ue"

Mario Monti smentisce Eurostat: non è vero che i nostri stipendi sono i più bassi d’Europa. Il Premier per questo si è affrettato a fare delle precisazione prendendo di mira il documento  dal titolo ‘Labour market statistics’. Nella nota diffusa da palazzo Chigi il prof spiega infatti che all’interno della pubblicazione, “fra le tante informazioni sul mercato del lavoro, nella tavola 7.1 intitolata ‘Average gross annual earnings by sex, business economy, 2005 and 2009’, le retribuzioni lorde annuali per l’Italia indicate per il 2009 risultano essere pari a 23.406 euro, ponendo il nostro paese nella graduatoria al di sotto della Grecia (29.160 euro) e della Spagna (26.316 euro). In realtà nella tabella c’è la nota 2 posta sopra il 2009 che segnala, purtroppo in modo poco chiaro, che il dato relativo all’Italia si riferisce al 2006 e non al 2009. Di conseguenza i dati pubblicati non sono comparabili”.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Scuola di giornalismo rimandata al prossimo autunno per carenza di studenti. Troppo pochi, infatti, i candidati  e tra questi nessuno che a gennaio sono riusciti a superare il test d’ingresso del master organizzato dall’Università di Bologna: dei 40 ammessi all’orale, solo 23 hanno passato la selezione. Ossia meno del numero minimo previsto dal bando, pari a 25. È la prima volta che accade in vent’anni di attività. L’ esito ha lasciato a bocca aperta sia il direttore Daniele Donati, sia i tutor pronti a iniziare le lezioni tra pochi giorni. Mentre ha seminato la delusione tra gli aspiranti giornalisti, che, tempo pochi giorni, hanno cominciato a tempestare la pagina Facebook della Scuola di richieste di chiarimenti: “In base a quale regolamento le prove e la graduatoria di un concorso vengono annullate?”.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Le proteste dei No Tav a Salbertrand

Notte di tensione in Val di Susa, dove al momento del cambio di turno delle forze dell’ordine che presidiano la zona ci sono stati nuovi scontri con i manifestanti. Utilizzando lacrimogeni e idranti, i militari hanno rimosso il blocco che i No Tav avevano realizzato nella tarda serata di ieri sull’autostrada A32 Torino-Bardonecchia all’altezza della barriera di Salbertrand. Non vi sono stati feriti. Ora il tratto di strada è percorribile ed è presidiata dalle forze dell’ordine, mentre permangono alcuni blocchi sulle statali 24 e 25, nella parte basse della Val di Susa.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Dobbiamo essere chiari.  In Val di Susa, come affermato dal Legal Team,  è in atto una vera e propria emergenza democratica. Del tutto immotivato il ricorso all’art. 2 del Testo unico di pubblica sicurezza, espressione solo di una volontà di accanita prevaricazione antidemocratica.  L’uso di queste normative eccezionali è di per sé indice di una grave degenerazione del sistema. Potenti lobbies, con l’appoggio di partiti politici (dal PD al PDL) incapaci di rappresentare le reali istanze popolari e totalmente succubi ai voleri dei poteri forti, cercano di imporre manu militari un’opera inutile e costosa che provocherà un danno ambientale e sociale irreversibile. Quando poi si verificano le vere emergenze questi stessi signori si mostrano del tutto incapaci di fare fronte ai problemi come si è visto con l’inondazione a Genova, la neve a Roma e in troppe altre occasioni.

Archivi