Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Hanno deciso di passare la notte in Sala Borsa. La piazza coperta più famosa di Bologna dal tardo pomeriggio di venerdì 29 novembre è occupata da un centinaio di attivisti per il diritto alla casa appartenenti al sindacato Asia-Usb. Con una decina di tende e tante bandiere i manifestanti chiedono che il Comune si occupi della carenza di abitazioni e dell’aumento degli sfratti in città.

(video di G. Zaccariello)

La presa dell’edificio, a pochi metri da Piazza Maggiore, è avvenuta dopo che i manifestanti si sono trovati sbarrato il portone di palazzo d’Accursio, sede del Municipio, dove i manifestanti avevano chiesto un incontro al sindaco Virginio Merola.

Tra gli occupanti di Sala Borsa, oltre a diverse famiglie sfrattate anche con bambini, vi sono alcuni facchini della Granarolo, scesi in piazza anche nei giorni scorsi, studenti dei collettivi universitari e attivisti del comitato contro il People mover, la grande opera da 100 milioni di euro che il Comune vuole costruire nonostante scandali e inchieste giudiziarie.

Non è ancora chiaro come evolverà la situazione per gli occupanti, visto che nella mattinata di sabato 30 novembre la biblioteca ospitata all’interno della Sala Borsa dovrebbe aprire al pubblico.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi