Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Pioggia battente e massima allerta in Liguria e Toscana e in particolare nella provincia di Massa Carrara, già duramente colpita dal maltempo nell’autunno scorso. La pioggia caduta dopo la mezzanotte ha provocato allagamenti, frane e smottamenti in buona parte del territorio. Decine gli interventi dei vigili del fuoco. Secondo un primo bilancio della Protezione civile sono 70 le persone evacuate, di cui 50 sulla costa e 20 in Lunigiana. Alcuni torrenti e canali sono esondati.

Le persone evacuate hanno trascorso la notte da parenti e amici. Nella zona di Marina di Massa sono straripati numerosi corsi d’acqua in un caso marito e moglie sono rimasti intrappolati nell’auto, travolti dalla massa d’acqua, ma poi sono stati tratti in salvo. Decine i soccorritori e i vigili del fuoco in azione dalla notte. Sono stati chiusi diversi sottopassaggi. Danni sono stati rilevati anche ad alcune condutture del gas. A Massa una frana ha colpito la frazione di Casette. A Carrara la piena del torrente Parmignola ha sfondato l’argine in cemento armato e ha inondato le zone di Marina di Carrara, Battilana e Marinella di Sarzana. In poche ore si calcola che siano caduti circa 130 millimetri di pioggia, e dalle 23 alle 4 di stanotte circa 250 millimetri.

In provincia di Massa Carrara, in località Serricciola, è crollato travolto dalle acque del torrente Aulella in piena, il ponte della strada del Passo del Cerreto. Il crollo ha danneggiato anche le condutture del gas che correvano lungo la struttura del ponte. Questo ha causato il black out di corrente elettrica, gas e acqua in alcune frazioni di Aulla. Nella cittadina lunigianese e a Fivizzano si sono verificati anche frane e smottamenti e nella zona sono stati chiusi diversi sottopassaggi e anche una parte della strada statale Aurelia. Nel Lunigianese sono una ventina le persone sfollate.

Evacuate precauzionalmente anche un centinaio di persone nella provincia di La Spezia. Oltre ai 65 di Borghetto Vara, la località duramente colpita dall’alluvione del 25 ottobre 2011, hanno trascorso la notte fuori casa diverse famiglie di Ameglia sulla foce del fiume Magra costantemente monitorato, che tra qualche ora raggiungerà l’onda di piena ma per il momento ha retto. Si prevede il rientro degli abitanti nelle loro case solo in serata, quando dovrebbero migliorare le condizioni meteo. Molti nella notte gli interventi dei vigili del fuoco e della protezione civile, per allagamenti e piante cadute anche in centro città.

Acqua alta anche a Venezia, dove il Centro previsioni e segnalazioni maree ha registrato, alle ore 9.25, la punta massima di 149 cm. Allagamenti e disagi, dunque, si registrano in tutta la città.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi