Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

È caccia a un giovane tunisino per l’attentato contro il mercato di Natale a Berlino, rivendicato dall’Isis. Un documento intestato ad Anis A., nato nel 1992, è stato trovato nel tir usato per compiere la strage. Secondo tutti i media tedeschi il nordafricano è originario di Tataouine, un’area nel sud della Tunisia da cui sarebbero partiti l’anno scorso diversi giovani per raggiungere la Libia e unirsi ai jihadisti. Il documento recuperato dagli investigatori sotto il sedile del camion dovrebbe essere una “sospensione temporanea dell’espulsione“.

“Affiliato alla rete salafita”
Nell’aprile 2016 il tunisino avrebbe fatto domanda di asilo, ma la sua richiesta era stata sospesa perché coinvolto in una rissa a luglio. Le forze dell’ordine “sono pronte a una imminente operazione” nella zona del Nord-Reno Westfalia, che si trova al confine con l’Olanda e distante oltre 600 chilometri da Berlino, perché il documento è stato emesso nel distretto di Kleve, dove secondo la tv tedesca N24 “il giovane avrebbe vissuto in un centro accoglienza profughi”. Il nordafricano era noto anche altre due diverse identità e avrebbe fatto parte di una rete di fondamentalisti islamici. In particolare avrebbe avuto contatti con Abu Walaa – predicatore 32enne di origine irachena il cui vero nome è Ahmad Abdelazziz A. – considerato negli ambienti di sicurezza “il peggiore” e il punto di riferimento dei salafiti tedeschi. Abu Walaa è stato arrestato dalla polizia tedesca l’8 novembre scorso.

bild

Polizia cerca attentatore anche tra i feriti negli ospedali
Secondo il sito dell’emittente pubblica regionale Rbb la polizia, dopo aver fermato e rilasciato un’altra persona, sta cercando il terrorista anche fra i feriti in tutti gli ospedali della capitale tedesca. Nell’accreditare con proprie informazioni che “nella cabina di guida ci sarebbe stata una colluttazione prima dell’attentato”, il sito del Rbb aggiunge che “gli inquirenti presumono che l’attentatore sia ferito. Nella cabina del camion sono state prelevate tracce di Dna. Perciò la polizia nelle ultime ore ha cercato in tutti gli ospedali di Berlino e del Brandeburgo”, la regione che circonda la capitale tedesca. Secondo la ricostruzione degli inquirenti l’autista polacco, Lukasz Urban, avrebbe lottato con l’assalitore e tentato di impedire che il tir falciasse la folla.

Al vaglio 500 segnalazioni, tre italiani feriti dimessi
Intanto sono oltre 500 le segnalazioni giunte alla polizia come riporta l’agenzia dopo che ieri pomeriggio l’unico fermato, un cittadino pakistano di 23 anni, è stato rilasciato per mancanza di prove. Intanto, gli investigatori stanno conducendo l’analisi del Dna raccolto nel camion utilizzato per l’attacco e stanno studiando i dati del gps del tir e dei telefoni cellulari. Il mercato di Natale di Breitscheidplatz riaprirà già domani. Lo ha annunciato una portavoce del’organizzazione del mercatino, citata da Bild. Gli altri mercatini della capitale, precisa la testata, riapriranno oggi. Tre italiani rimasti lievemente feriti nell’attacco sono stati dimessi dagli ospedali dove erano stati ricoverati e sono già rientrati in Italia.

“Vorrei ricordare quello che è successo nella piazza di Berlino, in un mercato di Natale, l’attentato terroristico e non possono non esprimere la nostra vicinanza al popolo tedesco, ad Angela Merkel e al suo Governo – dice il premier Paolo Gentiloni – e la nostra vicinanza particolare ad una famiglia che è nell’ansia e nel dolore per le sorti di Fabrizia Di Lorenzo, che noi a nome di tutti vogliamo salutare con rispetto che si deve a una giovane cittadina italiana esemplare”.

La Francia innalza i controlli alle frontiere
Stato d’emergenza per l’allerta terrorismo anche in Francia. Il premier Bernard Cazeneuve ha parlato di “minaccia estremamente elevata” e la polizia ha deciso di rafforzare i controlli a Gare de l’Est, la stazione parigina collegata con la Germania e il Lussemburgo. I controlli sono stati innalzati anche alle frontiere con Svizzera, Germania e Lussemburgo. Blindato poi il mercatino di Natale degli Champs-Elysées, come i siti di forte richiamo turistico: Tour Eiffel, cattedrale di Notre-Dame e Disneyland-Paris.

L’articolo Attentato Berlino, è caccia a un giovane tunisino. Trovato documento nel tir usato per la strage. Blitz della polizia nel Nord-Reno Westfalia proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi