Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale
















La maglia viola numero 13 è stata appoggiata sopra la bara di Davide Astori nella camera ardente allestita al centro della palestra del Centro tecnico federale di Coverciano, dove tifosi e sportivi hanno iniziato a sfilare davanti alla salma del capitano della Fiorentina per l’ultimo saluto. Su una parete della palestra, dove è allestita la camera ardente, è stato posto un grande schermo dove scorrono le immagini del capitano.

La bara è stata accolta dai giocatori della Viola, dai tecnici e dai dirigenti della società che erano già all’interno del Centro tecnico.Insieme alla squadra, arrivata in pullman, anche il presidente onorario Andrea Della Valle e il club manager Giancarlo Antognoni, bandiera della Fiorentina.

Presenti anche il dg della Federcalcio Michele Uva, l’ex capitano Manuel Pasqual, ora all’Empoli, e il capitano della Roma Daniele De Rossi. Tra i tanti tifosi c’è anche il padre dello juventino Federico Bernardeschi, legato al padre di Astori da grande amicizia. Presenti anche l’ex arbitro Pierluigi Collina e l’ex attaccante della Fiorentina e della Nazionale Ciccio Graziani.

Astori, trovato morto nella sua camera d’albergo domenica mattina, è morto per una bradiaritmia: in pratica, secondo i primi risultati dell’autopsia, il suo cuore avrebbe rallentato fino a fermarsi. La procura di Udine ha aperto un’indagine per omicidio colposo contro ignoti, anche se al termine dell’esame autoptico, il procuratore capo ha specificato che al momento non sono emersi elementi che possa far pensare a una morte riconducibile a cause non naturali. Tuttavia, in via prudenziale, bisognerà attendere i risultati degli esami che arriveranno nei prossimi due mesi.

L’articolo Davide Astori morto, migliaia di tifosi e sportivi a Coverciano per l’ultimo saluto al capitano della Fiorentina proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi