Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Tagli di salari, premi e permessi; sei ore lavorative, stop agli scatti di anzianità e al pagamento delle festività, riduzione delle pause. Sono queste, in sostanza, le proposte che Electrolux avrebbe avanzato oggi, lunedì 27 gennaio, in un confronto coi sindacati, che si è tenuto in un hotel di Mestre. L’obiettivo è abbassare i costi di produzione, specialmente quelli sul lavoro, con tagli sulla retribuzione, che dovrebbero scendere da un massimo attuale di circa 1400 euro a cifre comprese fra i 700 e i 900 euro circa. In particolare, i tagli ai compensi orari varierebbero dai 3 euro per lo stabilimento di Forlì ai 5 e 20 per quello di Susegana, passando per i 3 e 20 di Solaro: lo stipendio netto dei lavoratori, dunque, passerebbe da un massimo attuale di circa 1400 euro.

Il costo del lavoro – Caso a sè lo stabilimento friulano di Porcia, dove sono impiegati 1200 dipendenti: nemmeno un taglio di 7,5 euro l’ora sarebbe sufficiente per far tornare competitiva la produzione, e sarebbero quindi necessari interventi della Regione Friuli Venezia Giulia e del governo. Che, tuttavia, non hanno molto tempo per muoversi, visto che l’obiettivo è chiudere la discussione entro l’aprile di quest’anno, pena – se il piano non verrà accettato – il blocco dei 90 milioni di investimenti complessivi sugli altri tre stabilimenti del gruppo. Gli elettrodomestici italiani, ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, “sono di ottima qualità, ma risentono di costi produttivi superiori ai nosrti concorrenti” e bisogna quindi ridurli. Fra i punti critici, ha aggiunto, “c’è il problema del costo del lavoro“. Il ministro ha assicurato che “il governo è pronto a dare una mano a questo comparto strategico per la nostra industria”, ma i sindacati sono, per ora, critici verso l’azione dell’esecutivo. 

La mobilitazione – Se già domani, martedì 28 gennaio, infatti, nelle fabbriche del gruppo si preparano assemblee e sono possibili scioperi, i rappresentati dei lavoratori puntano a coinvolgere lo stesso premier, Enrico Letta, sulla vertenza. “Andiamo direttamente da Letta perchè Electrolux per sbarcare in Italia ha usato soldi degli italiani ed ora per guardare ad Est utilizza fondi Ue che in parte sono sempre nostri”, hanno attaccato. Per il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, quello presentato dall’azienda “è un piano irricevibile” che “impedisce il confronto” e la situazione è un paradigma delle “desertificazioni industriali” che l’Italia rischia. “Così il Paese si avvita su sè stesso quando il mondo metalmeccanico avrebbe meritato un altro destino. Per quanto ci riguarda questo è il tempo della lotta dura e ad oltranza. Il governo, se c’è, almeno si faccia sentire”, ha aggiunto. 

“Il governo intervenga” – “Il Paese non può assistere inerme a pezzi d’industria, di lavoro e di reddito per i lavoratori e per il territorio che se ne vanno. Servono immediatamente risposte efficaci e rapide il Governo intervenga”, gli fa eco il segretario nazionale Fim Cisl Anna Trovò. “Il confronto sindacale non può essere la sede nella quale si prende atto della crisi e dei problemi e ci si arrende alla concorrenza dei paesi a basso costo del lavoro”, ha aggiunto. A chiedere l’intervento del governo, in mattinata, anche la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che dalla giornata di oggi si aspettava “chiarezza” da parte dell’azienda, ma “soprattutto che finalmente l’esecutivo intervenga, apra il tavolo di trattative e permetta alle istituzioni, alle parti sociali, alle categorie e all’azienda di confrontarsi”, con l’obiettivo di “mantenere il manufatturiero qui e tenere aperti tutti e quattro gli stabilimenti in Italia”.


pubblicato da Libero Quotidiano

Electrolux, il piano choc: "Stipendi da 1.400 a 700 euro"

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi