Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

E’ stata del 19,36 per cento l’affluenza alle urne rilevata alle 12 per le elezioni comunali in 849 centri chiamati al voto. Nelle precedenti omologhe a mezzogiorno la percentuale dei votanti si era attestata al 13, ma si era votato in due giorni. In questo dato non sono compresi i Comuni delle Regioni a statuto speciale. In tutto le amministrazioni che saranno rinnovate sono oltre mille. Tra i capoluoghi di regione chiamati alle urne, alta affluenza a Catanzaro (22,13%), intorno alla media nazionale L’Aquila (19,35%); a Palermo ha votato il 14,91 per cento, mentre Genova, con il 7,43%, è fanalino di coda tra tutti i capoluoghi. Tra i capoluoghi di provincia, Lecce è la città dove si è votato di più, con il 27,38%; percentuali di affluenza sopra la media nazionale a Frosinone, Gorizia, Lodi, Oristano, Padova, Piacenza e Rieti; di poco al di sotto a Alessandria, Asti, Belluno, Como, La Spezia, Parma, Pistoia, Verona, Taranto e Trapani. Chiudono Monza con il 17%, Cuneo con il 16%, Lucca con il 15,03. La prossima rilevazione è prevista alle 19.

L’unico leader nazionale che può votare in questa tornata è Beppe Grillo che si è presentato al seggio di Sant’Ilario, sulle colline a levante di Genova dove il garante dei Cinquestelle è residente. Grillo è arrivato al seggio nella scuola di Sant’Ilario sullo scooter assieme alla moglie Parvin alle 12,30 e non ha rilasciato dichiarazioni. Dall’interno della cabina Grillo ha chiesto alla moglie – forse scherzando – se avesse un paio di occhiali perché se li era “dimenticati a casa” ma poi ha deciso di “far lo stesso”. Sul suo profilo Facebook Grillo ha scritto, poco prima di recarsi al seggio: “Oggi, insieme a nove milioni di italiani, sono chiamato al voto per scegliere il sindaco della mia città. Invito tutti ad andare a votare: è importante! Il MoVimento 5 Stelle è presente con le sue liste in 225 comuni ed è la forza politica nazionale più presente a questa tornata, il Pd infatti si presenta con il suo simbolo in appena 134 comuni” aggiungendo poi a grandi lettere “Andate a votare”.

I seggi sono aperti dalle 7 alle 23 in 1.004 città, per il rinnovo di sindaci e consigli comunali. Complessivamente a questa tornata elettorale sono interessati 9.172.026 elettori, in 10.822 sezioni elettorali. Lo scrutinio dei voti inizierà a partire dalle 23, al termine delle operazioni di voto e dell’accertamento del numero dei votanti. La tornata amministrativa interessa, in particolare, quattro capoluoghi di Regione: Palermo, Genova, Catanzaro e L’Aquila; e 21 di provincia: Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani.

LO SPECIALE AMMINISTRATIVE 2017 DEL FATTO.IT

L’articolo Elezioni amministrative 2017, affluenza al 19 per cento. Dato in aumento, ma nel 2012 si votò per due giorni proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi