Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Ci sono contatti tra il Pd e il Movimento 5 stelle. Se pubblicamente tutti smentiscono che ci sia davvero la possibilità di dialogare con gli storici nemici grillini, in privato sono al lavoro per riuscire a creare un ponte. Come confermato a ilfattoquotidiano.it da fonti che chiedono di restare anonime, le manovre sono in corso già dal giorno dopo il voto: l’anima dissidente del Pd renziano, che fa capo soprattutto ad alcune delle figure più istituzionali e agli ex ds, sta lavorando all’intesa per fare in modo che i 5 stelle possano formare il governo. La condizione imprescindibile per tutti era l’addio di Matteo Renzi, fatto che nella serata del 7 marzo è diventato ormai sicuro. E anzi, i movimenti sono cominciati proprio in chiave anti-renziana.

“Ci chiedono di aspettare che venga silurato ufficialmente dal partito e intanto vogliono vedere se il nostro gruppo parlamentare è compatto”, spiegavano nel pomeriggio dal M5s. “E’ chiaro che ora devono dire il contrario, ma per far fuori il segretario hanno bisogno di un po’ di tempo e vogliono garanzie che noi facciamo sul serio”. Intanto la strategia di Luigi Di Maio è di dare segnali pubblici di apertura a sinistra (ne è un chiaro esempio la lettera inviata a Repubblica) e far passare alla base di entrambi i partiti ed elettori l’idea che loro “rappresentano tutta l’Italia”. Di Maio punta molto sui buoni rapporti che ha costruito ultimamente con Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato – è il ragionamento di una fonte che chiede di non essere citata – è arbitro e custode della Costituzione. Un concetto particolarmente caro al costituzionalista Mattarella, che non è assolutamente “interventista” come il predecessore Giorgio Napolitano. Ma vede comunque con favore il fatto che il partito più votato abbia la possibilità di far nascere un governo. In questo senso anche Pietro Grasso, leader di Leu e figura istituzionale vicina al presidente della Repubblica, potrebbe essere strategico: da una parte i suoi hanno già detto di essere disponibili ad appoggiare i grillini, dall’altra continua ad avere buoni contatti dentro il Partito democratico. E ora che Renzi si farà da parte davvero, raccontano, tanti di Leu valutano di rientrare dentro il Pd.

Renzi dal canto suo ha da subito capito quello che stava iniziando a muoversi, ed è anche per questo che nel discorso di lunedì pomeriggio – quello delle dimissioni post datate – ha attaccato il Quirinale e Paolo Gentiloni senza citarli mai. “Il riferimento alle mancate elezioni del 2017 e alla campagna elettorale troppo tecnica sono vere e proprie bordate. Così come quel ‘vado a sciare’: Renzi sa bene cosa deve dirgli il Colle e non intende sentirselo dire”, continua la fonte al fatto.it. E la linea “mai con il M5s, chi la pensa diversamente lo dica in direzione”, era considerata “il suo unico modo per sopravvivere, ovvero incarnare il Pd anti grillino senza se e senza ma”. Un attimo dopo, tutti i dissidenti più noti – Dario Franceschini, Andrea Orlando, Luigi Zanda, che è l’uomo più vicino a Mattarella – si sono affrettati a correggere le loro dichiarazioni sull’appoggio a un governo pentastellato. Almeno in pubblico.

Insomma la situazione è in evoluzione e dietro le dichiarazioni ufficiali ci sono manovre che nelle prossime ore potrebbero rivelarsi decisive. Gli occhi sono soprattutto su quello che potrebbe succedere a sinistra. “Noi stiamo all’opposizione”, è quello che ripetono i renziani più fedeli. Puntano infatti sull’idea che se si dovesse tornare al voto in breve tempo, Luigi Di Maio dovrebbe fare i conti con la regola che vieta agli esponenti del M5s di ricoprire due mandati e “sarebbe fuori gioco”. Un’ipotesi tutta da confermare però, specie se la diciottesima legislatura dovesse durare pochi mesi. “In ogni caso perderebbe credibilità”, dicono con ottimismo i renziani. Ma il ragionamento vale anche al contrario. “Gli eletti del Pd hanno solo un problema: rimanere eletti più a lungo possibile”, continua la fonte dem a ilfattoquotidiano.it, “se tornano al voto ora, o addirittura dopo aver fatto un accordo con il centrodestra, nessuno di loro ha speranza di essere rieletto”. Tutto naturalmente si gioca sui numeri: quanti sono gli anti renziani disposti a mediare con i 5 stelle? Sulla carta non sono tantissimi, ma i movimenti sottotraccia raccontano un’evoluzione diversa. “Anche nel 2013”, spiegano, “erano pochi i renziani contro Bersani. Poi sappiamo come è finita…”.

Per i 5 stelle resta la speranza che prima vada avanti il Centrodestra e che si bruci nel tentativo di cercare la maggioranza. Poi entreranno in gioco loro. Il nodo naturalmente sarà capire le modalità di dialogo con il Pd e per questo è presto. Beppe Grillo, il garante il cui giudizio tutti temono, solo ieri ha pubblicato un video in cui dice che “loro si adattano a tutto”. Sembra una benedizione, ma Di Maio e i suoi sanno che c’è un limite anche alle trattative. Il nodo più difficile sono le poltrone: i grillini hanno un governo di ministri già designati e quelli vogliono proporre. Si può però ragionare per concedere qualche posto a figure tecniche: “Di sicuro non possiamo accettare scambi di poltrone con figure politiche, ma diverso è se ci propongono figure istituzionali”. Sono tutti dibattiti prematuri e gli equilibri sono molto delicati. “Non abbiamo mai vissuto una fase simile“, racconta un altro esponente dei vertici M5s. Anche per questo lo staff della comunicazione ha chiesto ai neo-eletti di moderare le dichiarazioni e le interviste. Venerdì pomeriggio ci sarà il primo incontro ufficiale e proprio quell’occasione sarà il momento per dare alcune indicazioni su come muoversi, imparando anche dalle ingenuità e dagli errori del passato. A loro hanno chiesto di condividere il più possibile la cartina dell’Italia con colorato di giallo le regioni che hanno il M5s come primo partito (praticamente quasi tutta la penisola): “Devono vedere che rappresentiamo tutti e che siamo la figura migliore per il governo”, dicono. “Dobbiamo fare in modo che aumenti la pressione sul Pd. Stiamo picconando Renzi da tutti i lati”. Il risultato, per il momento, sembra quello annunciato da Matteo Orfini. Adesso bisognerà capire come si muoveranno i dem in fase di consultazione. Insomma la strada per il governo è lunga, ma il tentativo di dialogo è già iniziato.

L’articolo Governo, i contatti tra Pd e Movimento 5 stelle sono in corso. Già da due giorni proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi