Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“Ma non vedi come ti trattano? Non dovresti stare con loro un minuto di più”. Silvio Berlusconi è uno che le cose non se le tiene dentro, le dice chiaramente. Di fronte al comportamento del premier Letta e dei suoi ministri, nonostante Nunzia lo abbia abbandonato in favore di Alfano, si è preoccupato di farle sentire la sua vicinanza. La De Girolamo, travolta dal ciclone Asl, ha trovato nel Cav un amico magnanimo pronto a spalancarle le porte di Forza Italia nonostante lei lo abbia abbandonato per fondare con Angelino Alfano il Nuovo Centrodestra. 

La telefonata – “Le porte del nostro partito sono sempre aperte per te”, le avrebbe detto Berlusconi al telefono quando Nunzia lo ha chiamato nelle immediate ore che hanno preceduto l’annuncio delle dimissioni. Dimissioni che però sono state tutt’altro che un fulmine a ciel sereno. Come aveva anticipato il quotidiano Libero Nunzia De Girolamo si sarebbe dimessa prima della mozione di sfiducia calendarizzata per il 4 febbraio e prima del rimpasto di governo. Così è stato. Venerdì scorso, l’ultima volta che è stata vista in Parlamento (c’era il voto sul decreto Imu-Bankitalia) è stata tutto il tempo con le amiche di Forza Italia, Annagrazia Calabria e Gabriella Giammanco. Con loro, secondo il retroscena di Carmelo Lopapa su Repubblica, si sarebbe sfogata confidando la voglia di tornare tra i banchi da semplice deputato, “ma tra volti amici”. Dalla sua Nunzia avrebbe anche Francesca Pascale che in queste ore sta facendo il ruolo di mediatore per convincere anche chi nel partito non sembra così entusiasta del ritorno della “figliol prodiga”. Comunque, se passaggio in Forza Italia ci sarà, avverrà con una tappa nel gruppo misto. 

La reazione di Alfano – Da parte sua Angelino Alfano non ci crede. Oggi nell’intervista rilasciata a Repubblica il vice premier spende parole di stima per la collega: “Con le dimissioni di Nunzia De Girolamo il governo ne esce indebolito”. “Le ho detto che non condividevo le sue dimissioni e ho provato, invano, a trattenerla”, racconta Alfano. “Ma ha la testa dura, ha insistito ad andare avanti”. Per il leader del Ncd l’ormai ex ministro dell’Agricoltura “in Parlamento si è difesa bene, ha usato parole chiare. Io – racconta – le ero seduto accanto e lo rifarei. Sono convinto che sia stata un bravo ministro e sia una persona appassionata e perbene”. Il rapporto tra De Girolamo e il premier Letta secondo Alfano “è sempre stato molto solido e amichevole. Evidentemente – osserva infine – si aspettava un’attestazione più calorosa da parte del presidente del Consiglio”.


pubblicato da Libero Quotidiano

La telefonata a Silvio prima di dimettersi Ecco cosa farà Di Girolamo dopo le dimissioni

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi