Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

La Stalingrado di Beppe Grillo alza la testa e prende le distanze dall’espulsione dei quattro parlamentari “dissidenti”. E’ da Parma, roccaforte emiliana dei Cinque stelle, e dal suo sindaco Federico Pizzarotti, che arriva una dura critica alla decisione della base del Movimento di cacciare i senatori Francesco Campanella, Lorenzo Battista, Luis Orellana e Francesco Bocchino.

Il giorno dopo la votazione della Rete, il primo cittadino commenta le vicende di Roma, dicendosi amareggiato per quanto accaduto in un lungo messaggio affidato ai social network. “Ieri è stata una giornata che mi ha lasciato con l’amaro in bocca, e sapendo che i problemi degli italiani sono altri, perdere tempo in spaccature e dissidi interni ci indebolisce e delude tante persone che ci sono vicine” scrive Pizzarotti su Facebook, specificando di avere atteso il termine delle votazioni per dare un giudizio sulle espulsioni.

Il primo cittadino si interroga soprattutto sulle ragioni che hanno portato gli iscritti al Movimento a votare per l’uscita dei parlamentari. Pizzarotti chiede chiarezza ai colleghi romani: “Lo dico con estrema buona fede ai nostri deputati e senatori – continua – Dateci elementi sulle colpe dei quattro senatori espulsi; convincetemi su quest’azione così forte e che non concede appello, perché io non l’ho capita. Non ho capito che cosa è stato commesso, e se ciò che è stato commesso riguarda la violazione precisa del vostro regolamento”.

Il sindaco di Parma dice anche di avere osservato l’operato degli espulsi e di non essere riuscito a trovare elementi validi per una scelta così drastica: “Ho verificato le restituzioni – spiega – e sono allineate con quelle degli altri senatori. Ho controllato l’attività di questi senatori su OpenParlamento, e oltre ad essere superiore alla maggioranza dei rappresentanti degli altri partiti, sono in linea con l’attività dei nostri altri rappresentanti”. Poi Pizzarotti punta il dito anche contro le presunte mozioni di sfiducia arrivate dalle varie province di appartenenza: “E’ stata citata la sfiducia dei territori, ma senza documentare quali sono state le modalità delle deliberazioni, le motivazioni e i votanti”.

Parole che fanno emergere una posizione del tutto contraria a quella che è stata la decisione della base del Movimento, ma anche di Beppe Grillo, che per primo aveva proposto alla Rete di votare per l’espulsione dei quattro senatori dopo le critiche ricevute dai “ribelli”. A Parma Pizzarotti non è il solo a pensarla in questo modo: diversi consiglieri Cinque stelle nelle ultime ore hanno espresso perplessità e contrarietà rispetto alla cacciata di Orellana, Bocchino, Battista e Campanella, a partire dal capogruppo in consiglio comunale Marco Bosi. E molti sono stati i consiglieri parmigiani che hanno ammesso di avere votato contro l’espulsione.

Parma dunque non si allinea alla maggioranza del Movimento, collocandosi tra le fila di quanti, tra i Cinque stelle, non hanno digerito i conflitti delle ultime ore, che secondo il sindaco non fanno altro che indebolire il M5s. “Sono convinto – conclude Pizzarotti – che il confronto sia molto più funzionale dello scontro. Quando ci si sposta dai contenuti a favore dei giudizi, si indebolisce una delle caratteristiche che ci ha sempre contraddistinto”.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi