1 M5s Sicilia, Cancelleri candidato alla presidenza. Di Maio: “Vincere qui per dimostrare come governiamo” | Notizie italiane in tempo reale!
Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Giancarlo Cancelleri è il candidato presidente alla Regione Sicilia del Movimento 5 stelle. Il favorito, uomo stimato da (quasi tutti) i suoi e fedelissimo di Beppe Grillo, ha ottenuto la più scontata delle incoronazioni dopo il voto in rete. I grillini ripartono dall’isola che già in passato portò fortuna a tante battaglie nazionali e lo fanno con lo spirito di chi inizia la sfida più difficile: vincere le regionali in Sicilia per riuscire a provare a conquistare quelle nazionali. Un’impresa, specie dopo il flop alle amministrative e proprio dopo il brutto risultato a Palermo dove sono arrivati terzi e si sono spaccati tra mille faide. Questa volta però Davide Casaleggio e Beppe Grillo vogliono tenere alto il controllo sul territorio e gestire direttamente la corsa. Non a caso, proprio il leader e il figlio del cofondatore M5s, questa sera si sono presentati tutti e due per annunciare davanti a migliaia di attivisti radunati di fronte al Castello al Mare il nome del candidato ufficiale. Al loro fianco anche il candidato premier quasi designato Luigi Di Maio. “La Sicilia è un paradosso, come l’Italia, è colta e incolta, è intelligente e stupida, se non si fanno le cose qua difficilmente possiamo farle nel continente”, ha detto Grillo dal palco poco prima di aprire la busta con i risultati del voto sulla piattaforma Rousseau, cui hanno partecipato 4.350 iscritti certificati.

Cancelleri è l’uomo simbolo del Movimento in Sicilia. Deputato all’Ars e già candidato alla presidenza della Regione che sfidò Rosario Crocetta alla scorsa tornata, è tra i fondatori del M5s a Caltanissetta, sua città di origine. Negli anni si è guadagnato la fiducia di Beppe Grillo ed è considerato tra gli esponenti più rappresentativi anche a livello nazionale. A sfidarlo per la corsa alla presidenza erano in otto: tra loro, l’unico che nutriva qualche speranza era Giampiero Trizzino, tra i deputati uscenti più vicini all’ex candidato sindaco M5s a Palermo Ugo Forello. Non sono mancati i malumori nelle ultime ore per la corsa quasi a senso unico e l’incoronazione già annunciata per Cancelleri: si è trattato comunque di critiche isolate, soprattutto di fronte alla consapevolezza generale che per avere qualche speranza nelle urne serve un nome già accreditato e conosciuto a livello regionale.

Il primo a parlare è stato proprio Di Maio. E il messaggio è sempre lo stesso: “Vincere in Sicilia per dimostrare agli italiani cosa vorremmo fare al governo”. La Sicilia quindi come il trampolino di lancio per riuscire a conquistare Palazzo Chigi. “Noi vogliamo avviare un Rinascimento in questa regione”, ha detto il deputato M5s, “abbandonare il vecchio Medioevo politico e dare spazio ai giovani, che stanno emigrando. C’è tanto da fare e il voto siciliano è sicuramente un voto di cambiamento. Cambiamo la Sicilia e cambiamo il Paese”. E ancora: “Io capisco che nel 2012 gli elettori hanno deciso di dare il governo Sicilia al Pd, forse pensavano che votarci era un salto nel buio, era un azzardo: ma era un discorso accettabile 5 anni fa e oggi noi siamo qui più forti di prima”. “I veri europeisti sono i siciliani”, ha continuato Di Maio, “quel popolo a cui prima hanno fatto le basi militari per bombardare la Libia chiudendo aeroporto di Trapani e poi si sono ritrovati centinaia di migliaia di migranti. Macron e Merkel sono europeisti, ma io ho smesso di illudermi di chiedere aiuto all’Ue, l’Ue non ammetterà mai di aver sbagliato. Noi siamo stati gentili, ma fessi no, cominciamo farci rispettare in Ue”.

Tornando alla prospettiva delle elezioni, il vicepresidente della Camera Di Maio ha rifiutato, come sempre, l’opzione alleanze: “Più che il sistema elettorale e il contesto elettorale che spinge alle alleanze perché qui proveranno a mettersi insieme tutti quanti contro di noi perché sanno bene di essere ai minimi termini. Questa Regione è il fallimento del Pd, quindi come nella città di palermo anche in Regione il Pd proverà a nascondersi così come il centrodestra proverà a unirsi al centrosinistra”, afferma Di Maio che sulla possibilità che il M5S, a causa della legge elettorale, faccia alleanze all’Ars sottolinea: “Qui chi è primo fa il governatore, poi c’è la composizione dell’assemblea, ma su quello siamo molto fiduciosi e non stiamo discutendo di alleanze. Non ci saranno alleanze con vecchi partiti”.

Grillo ha detto di provare “un po’ di commozione” nel “vedere questi ragazzi trasformarsi in sindaci, consiglieri e parlare di politica, mi fa venire in mente come è nata questa storia qua. Non digerivo, non dormivo, mi aggiravo di notte come una prostituta senza marciapiede. Questo Movimento nasce perché mi sono iscritto al Pd, facevamo le battaglia sull’acqua, sul wi-fi libero, e c’era una visione e mi chiedevo come mai una sinistra non si occupava di questi temi”. “Allora un giorno hanno fatto un congresso e sono andato – ha aggiunto – a fare il “masochista consapevole” insieme a un manager per dirgli prendetevi voi queste idee e sono andato a iscrivermi al Paese di Arzachena. Ma mi arriva il monito della dirigenza che mi dice “non possiamo accettare l’intervento di Grillo perché il suo movimento è ostile al nostro”. E allora Fassino disse la prima profezia: “Si faccia il suo partito e vediamo quanti voti prende””.

L’articolo M5s Sicilia, Cancelleri candidato alla presidenza. Di Maio: “Vincere qui per dimostrare come governiamo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi