Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Marco Zigon, presidente di Getra, gruppo industriale manifatturiero campano che opera da 70 anni nel settore energetico, su invito del presidente Vincenzo Boccia entra nell’Advisory Board di Confindustria nazionale, organo consultivo introdotto dalla Riforma Pesenti quale luogo di elaborazione strategica, laboratorio di idee e competenze da cui, attraverso un confronto dialettico tra imprenditori ed esperti, si attendono contributi sui temi prioritari dell’agenda economica. Con lui un altro nuovo ingresso, quello di Paolo Scudieri, presidente di Adler Pelzer Group, gruppo manifatturiero italiano leader internazionale nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di componenti e sistemi per l’industria del trasporto“Sono grato al presidente Boccia per avermi offerto l’opportunità di partecipare ad un consesso così prestigioso – dichiara Zigon – . Sono lusingato di potermi confrontare con colleghi che rappresentano le più importanti aziende italiane. Mi auguro che l’esperienza da me maturata alla guida di un’azienda manifatturiera che opera in un settore strategico come quello dell’energia in un contesto fortemente internazionalizzato possa offrire un utile contributo alla discussione ed alla definizione dei temi di interesse del sistema confindustriale”. Classe 1953, laureato in ingegneria elettrica, Zigon è a capo dell’azienda di famiglia fondata a Napoli nel 1949.
Tra il 1994 e il 1999 è stato vicepresidente vicario dell’Unione industriali di Napoli. Insignito nel giugno 2017 della carica di Cavaliere del lavoro dal presidente Sergio Mattarella, membro del Consiglio Superiore della Banca d’Italia, Zigon dallo scorso anno è consigliere del Cnel, il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, in rappresentanza di Confindustria.
Il Gruppo Getra conta oggi 5 società, 300 dipendenti diretti più altrettanti addetti mediamente impegnati nei cantieri all’estero, 2 stabilimenti di produzione in Italia, 2 branch all’estero (in Marocco e negli Emirati Arabi Uniti). Esporta l’80 per cento del fatturato nei mercati emergenti del Nord Europa (UK e Penisola scandinava), Africa, Medio Oriente, America Latina. Negli stabilimenti di Marcianise e Pignataro Maggiore (Caserta) vengono progettati e prodotti trasformatori elettrici di potenza e distribuzione e sistemi di interconnessione delle reti elettriche in alta tensione.

La Campania fa il pieno
Soddisfazione anche per Scudieri. “Ringrazio il presidente Boccia – dichiara  – per avermi  invitato a partecipare all’advisory board di Confindustria, segno di considerazione e apprezzamento per l’operato del nostro gruppo, in un momento così delicato per la Nazione e per l’economia globale. È importante contribuire, con proposte ed analisi accurate, ad elaborare le strategie più opportune per la crescita del Paese”.
Dell’Advisory Board fanno già parte Francesco Caio, Francesco Gaetano Caltagirone, Gianfranco Carbonato, Elio Catania, Carlo De Benedetti, Claudio Descalzi, Vittorio Di Paola, Luca Garavoglia, Edoardo Garrone, Claudio Gemme, Mauro Moretti, Mario Moretti Polegato, Giuseppe Recchi, Roberto Snaidero e Francesco Starace.

L’articolo Marco Zigon e Paolo Scudieri nell’Advisory Board di Confindustria proviene da Ildenaro.it.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi