Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Revenge porn. L’ultimo guaio in cui è finita l’attrice Mischa Barton è un video porno usato a sfondo ricattatorio, con lei protagonista ma girato a sua insaputa. Secondo il Daily Mail il sex tape incriminato sarebbe già finito nelle mani dei grandi portali di porno gratuito online – pornhub, youporn, redtube – e avrebbe raggiunto una quotazione di “mercato” di 500mila dollari. “Le uniche due persone che potrebbero avere qualsiasi foto o video intimi dove vengo ritratta a fare sesso sono Jon Zaccaria e Adam Shaw, ed ognuno di loro ha disperato bisogno di soldi”, ha spiegato al DailyMail la protagonista della fortunata serie tv The O.C. Tra i due signori citati, tutti ex della Barton, si è anche inserito un certo mister Kevin Blatt che dopo aver visionato il filmato ha assicurato che la donna ritratta in posizioni e pratiche vietate ai 18 anni è proprio Mischa.

Si tratta di revenge pornography, una forma di violenza sessuale che in California è un crimine”, ha spiegato l’avvocatessa Lisa Bloom che difende la ragazza.  “La mia assistita – ha aggiunto poi – non ha mai acconsentito alla diffusione di alcun video, e pensa di essere stata ripresa da qualche persona che stava frequentando ma senza il suo assenso. Sono orgogliosa di difendere la signora Barton, una donna che si sta battendo coraggiosamente per i suoi diritti. Io e la mia cliente perseguiremo in tribunale chi cercherà di vendere foto o filmati privati”. Detto, fatto.

La Barton e la sua legale hanno depositato due ordini restrittivi per violenza domestica nei confronti di Zaccaria e Shaw. “Sono sicura che Jon mi abbia filmata mentre facevo la doccia, mentre facevamo sesso e probabilmente anche alcuni scatti fotografici di me nuda”, ha aggiunto terrorizzata dell’accaduto la Barton. Non è la prima volta che la 31enne giovane star londinese incappa in spiacevoli vicende extraprofessionali: nel 2007 fu bloccata e arrestata dalla polizia di Los Angeles per guida in stato di ebbrezza e poi scarcerata dopo aver pagato diecimila dollari di cauzione; nel 2009, invece, Mischa è finita addirittura in una clinica psichiatrica dopo aver minacciato di suicidarsi. Infine non più di un anno fa l’ennesima lite furente in famiglia, la ragazza che strepita e urla come matta, i vicini che chiamano la polizia, e quest’ultima, a sua volta, che invita la Barton ad una necessaria visita ospedaliera.

L’articolo Mischa Barton protagonista a sua insaputa di un video hot con un valore di mercato di 500mila dollari proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi