Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

La Tribù Umana immaginata da Jorit Agoch, affermato e celebre street artist, è una tribù insolita. Non ha una fisionomia condivisa, si differenzia per tradizioni, cultura, assetti sociali. La tribù di Jorit prende forma e vive sui muri in cemento dei palazzi, in luoghi e latitudini tra loro lontanissimi. Ogni volto dipinto conserva in sé una specificità legata al topos ed un’universalità che dichiara chiaramente gli intenti dell’artista. Perché la tribù di Jorit è variegata, multietnica, cangiante, ma innanzitutto la tribù di Jorit è una tribù umana, dove è proprio quel valore di umanità a far da massimo comune denominatore.
È a Buonalbergo, comune sannita in provincia di Benevento, che Jorit fa tappa per ampliare con un nuovo tassello quel mosaico di visi, occhi e bocche con cui sta ridisegnando, di volta in volta, il profilo urbano del pianeta. L’iniziativa, dal titolo Presta il tuo volto, nasce da un’idea del Maestro Giuseppe Leone in collaborazione con la Pro Loco ed il Comune di Buonalbergo. L’obiettivo, in linea con le strategie di sviluppo culturale della corrente amministrazione guidata dal Sindaco Michelantonio Panarese, è quello di integrare la realizzazione dell’opera con il percorso formativo offerto dal Palazzetto delle Arti del Fortore e del Sannio. Il Palazzetto delle Arti, che trova sede nel Palazzo Angelini, nel cuore del centro storico , è stato difatti pensato come punto di snodo di iniziative culturali, workshop, conferenze volte ad una diffusione di un pensiero artistico che possa materializzarsi in attività concrete, nonché in un incentivo di crescita economica e turistica.
Il crono programma degli eventi stilato nell’ambito delle attività del Palazzetto prevedeva la realizzazione dell’opera nel mese di ottobre 2017, dopo la fine dei lavori di realizzazione dei sottoservizi ed il completamento del Palazzo Angelini, in fase di restauro. Purtroppo i due lavori hanno subito dei ritardi e come spiega il Sindaco Michelantonio Panarese: “Precludono l’accessibilità all’area individuata per la realizzazione dell’opera. Poiché si ritiene che l’esecuzione della stessa richiami un considerevole numero di visitatori, la mancata accessibilità all’area determina una grave problematica e pertanto si ritiene opportuno procrastinarne l’esecuzione non appena ultimati i lavori, compatibilmente con condizioni climatiche che consentano all’artista di lavorare in un ambiente favorevole”.
L’iniziativa Presta il tuo volto, che in questo caso contempla l’idea di rappresentare due personaggi chiave della storia locale, Boemondo e Alberada da Buonalbergo, sarà dunque rimandata alla primavera 2018, in data da destinarsi in accordo con l’artista, con l’intento di assicurare un’atmosfera vantaggiosa all’attuazione del progetto artistico. Mentre sul piano intellettuale, si vuole andare a favorire la messa appunto di un linguaggio visivo capace di rispettare la storia e le tradizioni di un luogo, le sue specificità, le sue esigenze culturali, ma ben annodandole a quel piano universale che si configura nell’operato artistico di Jorit Agoch.
L’appuntamento con Presta il tuo Volto è solo rimandato, quello con l’arte non si rimanda mai: saranno tante infatti le iniziative che, come protagonista il centro storico di Buonalbergo, andranno a susseguirsi nel calendario proposto dal Palazzetto delle Arti del Fortore e del Sannio, insieme all’impegno della Pro Loco e forte dell’esperienza e dell’attenzione del Maestro Giuseppe Leone. Non ci resta che aspettare.

L’articolo Presta il tuo volto, Jorit a Buonalbergo in primavera proviene da Ildenaro.it.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi