Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Il capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra nominò il fratello Renato a capo della direzione turismo del Comune. E questo è un “palese conflitto d’interessi“. Ma la sindaca Virginia Raggi non solo non fece niente per escludere il suo ex braccio destro da questa procedura, ma si è presa la responsabilità di quella decisione. Tuttavia, “una tale dichiarazione non è sufficiente per rimuovere il conflitto”, perché le normative in materia non accettano deroghe. A dirlo è l’Autorità Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone. L’Anac si è pronunciata dopo un esposto della Direr, il sindacato dei dirigenti delle Regioni. La decisione dell’Authority diventa non solo l’ennesimo imbarazzo provocato dalle decisioni di Marra – in carcere per corruzione da una settimana – come minimo “mal gestite” dalla Raggi. Ma soprattutto diventa l’ennesimo problema da risolvere.

L’inchiesta sulle nomine della Raggi raddoppia
Su alcune nomine della sindaca c’è già un’inchiesta della Procura di Roma, avviatadopo gli esposti dell’ex capo di gabinetto Carla Romana Raineri e di Fratelli d’Italia. Tra le nomine contestate quelle dell’ex capo del segreteria Salvatore Romeo, della stessa ex responsabile dell’ufficio di gabinetto Raineri, dell’assessore al Bilancio Andrea Mazzillo e del delegato al personale Antonio De Santis. Su tutto questo la scorsa settimana è stato ascoltato per 4 ore l’ex capo dell’avvocatura del Campidoglio. Al momento non ci sono né reati contestati né iscritti nel registro degli indagati. Ma ora nello stesso fascicolo entrerà anche il caso dei fratelli Marra: l’Anac ha infatti trasmesso la propria relazione sulla delibera “censurata” a varie magistrature. Non solo a quella penale, ma anche a quella contabile, cioè alla Corte dei Conti. Ma non solo: alla Corte dei Conti finirà – dopo la trasmissione degli atti da parte dell’Anac – anche la questione dell’inquadramento dello stesso Marra come dirigente del Campidoglio.

Marra e la nomina del fratello: la delibera dell’Anac from ilfattoquotidiano.it

L’istruttoria dell’Anac. La Raggi: “Ho deciso da sola su quelle nomine”
Le verifiche dell’Authority guidata dal magistrato Raffaele Cantone erano partite da un esposto della Direr. A quel punto l’Anac ha chiesto una relazione alla responsabile per la prevenzione della corruzione del Campidoglio Mariarosa Turchi. La delibera dell’Anticorruzione ripercorre tutti i passaggi che hanno portato Renato Marra a capo della direzione turismo, con firma e controfirma della sindaca Raggi e del capo del personale, cioè il fratello di Marra, Raffaele. Come sottolineano sia la Raggi sia la Turchi, era la prima volta nella storia del Comune di Roma che le decisioni sui nuovi incarichi dirigenziali passavano da un “interpello”, cioè da un concorso interno per tutti i dirigenti di ruolo: tutte le candidature sono state protocollate, raccolte e consegnate alla sindaca dal Dipartimento del Personale, cioè dall’ufficio diretto da Raffaele Marra. E’ stata poi la Raggi – che ha la delega al Personale, mai affidata a assessori – a analizzare la documentazione e a valutare le candidature. A quel punto la sindaca ha rimandato tutto all’ufficio del personale (cioè a Marra) per preparare le ordinanze per conferire gli incarichi. E questo è successo, con tanto di controfirma di Marra.

Le contraddizioni della sindaca
Qui c’è una di quelle che l’Anac definisce “contraddizioni” della Raggi. Da una parte, infatti, dichiara alla Turchi (che poi trasmette all’Anticorruzione) che lei sola ha esaminato – “tenendo conto delle prioritarie esigenze organizzative” – i curriculum, coinvolgendo nell’iter assessori, presidenti di municipio e consiglieri di maggioranza. “Esaurita tale fase, ho impartito le conseguenti direttive al Direttore del Dipartimento” (cioè Marra). Tuttavia nell’ordinanza della stessa sindaca si dice che gli incarichi sono stati conferiti “con il riconoscimento della fascia retributiva come risultante dall’istruttoria svolta dalle strutture competenti“. Quindi anche dell’ufficio del Personale, quello diretto da Marra. La responsabile dell’Anticorruzione in Campidoglio, Mariarosa Turchi, precisa – nella relazione mandata all’Anac – che l’ufficio del Personale ha svolto attività “prive di discrezionalità”, ossia solo operative: ha raccolto le candidature, le ha trasmesse alla Raggi eccetera. Non ha svolto invece “alcuna attività preventiva di valutazione/selezione di curricula“.

La sindaca: “Sapevo della parentela tra i Marra dal giorno dell’insediamento”
Marra non ha mai segnalato che tra i candidati e poi tra i dirigenti “incaricati” c’era suo fratello, almeno fino al 15 novembre, quando lo ha detto alla Turchi. E d’altra parte la Raggi – in una dichiarazione inserita nella documentazione trasmessa all’Anac – ammette di sapere del rapporto di parentela tra i due Marra “sin dal giorno del mio insediamento“. La spiegazione della prima cittadina M5s è che nel caso della nomina del fratello il ruolo di Raffaele Marra è stato “di mera pedissequa esecuzione delle determinazioni”. Marra, insiste la Raggi, “si è limitato a compiti di mero carattere compilativo”.

Le regole sul conflitto d’interessi dei dipendenti pubblici
Ma secondo l’Anticorruzione non basta. A regolare tutto, ricorda infatti l’Anac, ci sono varie normative: l’articolo 6 della legge sul procedimento amministrativo (che regola appunto il conflitto d’interessi), il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, il piano nazionale anticorruzione (partorito dalla stessa Anac nel 2013 su impulso della legge anticorruzione approvata l’anno prima). In più ci sono varie decisioni e pronunciamenti della stessa Authority. Tutte queste disposizioni, scrive l’Anac, “mirano a prevenire situazioni di conflitto di interessi che possono minare il corretto agire amministrativo”. E la “ratio dell’obbligo di astensione va ricondotta nel principio di imparzialità dell’azione amministrativa”. Insomma, non c’è margine per deroghe o fraintendimenti: “Il riferimento alla potenzialità del conflitto di interessi – scrive l’autorità guidata da Cantone – mostra la volontà del legislatore di impedire ab origine il verificarsi di situazioni di interferenza, rendendo assoluto il vincolo dell’astensione“. “L’obbligo di astensione dunque non ammette deroghe”, conclude l’Anticorruzione.

“La sindaca rivendica la responsabilità? No, doveva esonerare Marra da tutto”
Quindi l’assunzione della responsabilità di quella decisione da parte della sindaca – la copertura politica dell’atto si potrebbe dire – non vale e non cambia niente. Cioè “non esclude – scrive l’organismo anticorruzione – che un funzionario che partecipa alla sua adozione si trovi in situazione di conflitto di interessi che impone l’obbligo di astenersi totalmente dal compimento di qualunque atto”. La rivendicazione della responsabilità “non vale ad escludere che l’organo politico si sia avvalso della collaborazione, anche solo ai meri fini istruttori di funzionari del Comune”. Dunque alla Raggi l’Anac contesta due cose. Le contraddizioni, di cui si è già detto. Ma soprattutto l’omissione, per giunta consapevole: pur sapendo della situazione di conflitto di interessi, non ha fatto niente per evitare la partecipazione del funzionario a quei procedimenti. In sostanza l’Anac risponde alla Raggi che “la sindaca, consapevole del conflitto, avrebbe dovuto esonerare il dott. Marra da ogni partecipazione, anche se solo ‘meramente pedissequa’, all’atto di nomina del fratello Renato”.

Inchiesta per corruzione: gli investigatori lavorano su cellulare e pc
Quanto invece all’inchiesta giudiziaria sulla presunta corruzione di Marra, gli inquirenti sono al lavoro sul materiale sequestrato al funzionario del Campidoglio, in particolare il cellulare e il pc portatile. Più precisamente gli investigatori vogliono capire di più della galassia di contatti che Marra ha intessuto in questi ultimi anni durante i quali ha rivestito ruoli strategici sia al Campidoglio che alla Regione Lazio (durante il mandato Polverini). Nei prossimi giorni gli avvocati di Marra presenteranno una istanza al tribunale del Riesame per l’annullamento o la riduzione dell’ordinanza di custodia cautelare. Secondo quanto si è appreso, l’istanza sarà presentata entro la fine di questa settimana. Già stamani invece è stata depositata l’istanza di scarcerazione degli avvocati di Sergio Scarpellini: i difensori Massimo Krogh e Remo Pannain nel provvedimento puntano in primo luogo sull’età del loro assistito, sulle sue precarie condizioni di salute che non sarebbero compatibili con lo stato di detenzione e sull’atteggiamento avuto ieri nel corso dell’interrogatorio di garanzia durante il quale, a detta dei difensori, l’imprenditore ha fornito chiarimenti rispondendo alle domande del gip Maria Paola Tomaselli. Secondo l’accusa, Marra avrebbe acquistato un appartamento in via dei Prati Fiscali, poi intestato alla moglie, con 367mila euro provenienti dai conti correnti di Scarpellini.

Romeo se ne va: “Passo indietro per non nuocere allo straordinario lavoro della giunta”
Oggi è stato anche il giorno dell’addio di Salvatore Romeo all’ufficio di gabinetto della sindaca Raggi. “Faccio un passo indietro per evitare che attaccando la mia persona si possa nuocere allo straordinario lavoro che si sta svolgendo in Campidoglio” scrive Romeo in una nota. La scelta del passo indietro, aggiunge romeo, è “l’unica seria e possibile per il bene della città e delle istituzioni”. Come raccontato da tutti i giornali, peraltro, Romeo – così come l’ex vicesindaco Daniele Frongia – è stato rimosso nel fine settimana dopo una lunga riunione tra la Raggi e i vertici del Movimento Cinque Stelle. “Purtroppo – aggiunge Romeo – ho commesso degli errori di valutazione in considerazione delle vicende che hanno coinvolto Raffaele Marra, e di questo chiedo scusa a tutti i romani. Voglio però sottolineare la mia assoluta estraneità alle inchieste giudiziarie che attualmente lo riguardano”.

L’articolo Roma, anche l’Anac contro Marra: “Conflitto d’interessi sul fratello. E la Raggi doveva esonerarlo dalle decisioni” proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi