Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

“Ho bisogno di un po’ di tempo per verificare la mia situazione processuale”. “Devo fare mente locale su quella firma, perché non ricordo di avere firmato documenti predatati”. Sono le espressioni usate da Giuseppe Sala per giustificare la sua decisione di auto sospendersi (in realtà si tratta formalmente di una “assenza temporanea”, la stessa di quando è in vacanza) da sindaco di Milano ai capigruppo del consiglio comunale nel corso di una riunione che si è tenuta nel pomeriggio a Palazzo Marino. Espressioni di un Sala “preoccupato”, come dice di averlo trovato Alessandro Morelli della Lega, tanto da arrivare a fare riferimento addirittura agli impedimenti che potrebbero arrivargli dalle conseguenze della legge Severino. Legge che però interviene a interrompere l’incarico di un sindaco in caso di una condanna e non delle semplici indagini a cui è sottoposto al momento l’ex commissario unico di Expo, con l’ipotesi che sia responsabile della retrodatazione di un atto relativo al più sostanzioso appalto dell’esposizione universale, quello per la realizzazione della piastra. Una preoccupazione che gli viene attribuita anche da Gianluca Corrado del M5S e che fa il paio con le parole usate dallo stesso Sala nella lettera inviata alla vicesindaco Anna Scavuzzo, sua sostituta nei prossimi giorni, in cui fa riferimento “alla personale necessità di conoscere le vicende e i fatti contestati”.

“Deve dimettersi se è colpevole. E questo lo può sapere solo lui”, ha detto più di un esponente di opposizione. Come è il solo Sala a sapere se la sua decisione a sorpresa di prendersi del tempo sia motivata anche dal timore che dietro la richiesta di proroga delle indagini della procura generale, che ha avocato a sé l’inchiesta dopo la richiesta di archiviazione della procura di Milano, possa esserci dell’altro. Non solo una firma messa in fondo a un documento predatato. Sono molti, del resto, gli aspetti poco chiari dell’appalto che nel 2012 la Mantovani è riuscita ad aggiudicarsi per 149 milioni, con un ribasso sulla base d’asta di ben il 42%. C’è da chiarire per esempio come mai Expo non abbia eseguito le opportune verifiche di congruità sull’offerta ricevuta dalla Manotovani, alla luce anche di quanto raccontato due anni fa ai pm da Antonio Rognoni, ex numero uno di Infrastrutture Lombarde: “Sala mi rispose che non avevamo tempo”. Ci sono gli extra costi che Mantovani si è fatta riconoscere in seguito e grazie a cui è arrivato quel profitto altrimenti impossibile con un maxi-ribasso del genere. C’è poi l’appalto per 6mila alberi da piantare nel sito. La fornitura viene affidata senza gara alla Manotovani nel luglio del 2013 per 4,3 milioni, 716 euro a pianta. Quattro mesi dopo la Mantovani stipula un contratto di subfornitura con un’impresa vivaistica per 1,6 milioni, 266 euro a pianta. Dietro la scelta di Expo ci sono ancora una volta motivi di urgenza, ma gli alberi, alla fine, vengono piantati solo nell’autunno del 2014.

Nuovi grattacapi per Sala potrebbero poi saltare fuori da questioni non legate all’appalto della piastra. Come il pasticcio delle bonifiche. Preventivate inizialmente per 6 milioni, ma in seguito causa di almeno 30 milioni di extra costi fatti valere dalla cooperativa Cmc nell’ambito di un altro appalto vinto con un massimo ribasso da record, quello sulla rimozione delle interferenze. Extra costi riconosciuti per non intoppare la corsa verso Expo da una riunione del cda del novembre 2012, nonostante un mare di dubbi espressi dai consiglieri di amministrazione. Costi di bonifica e smaltimento delle terre inquinate che un anno fa Expo è arrivata a stimare in ben 73 milioni di euro, salvo poi l’aprile di quest’anno mettere nero su bianco la cifra di 29,5 nell’accordo siglato per il passaggio di consegne del sito espositivo con Arexpo, società proprietaria delle aree. Importi che salgono e scendono quando si parla di bonifiche. E che non sono mai stati chiesti indietro ai precedenti proprietari delle aree.

Arexpo si era impegnata a fare loro causa entro lo scorso 30 settembre. Ma le cause non sono mai state avviate, perché, come ha fatto presente ieri l’ad di Arexpo Giuseppe Bonomi nel corso di un’audizione in commissione al Pirellone, Expo non ha ancora trasmesso ad Arexpo la documentazione tecnica che mette in relazione la presenza di inquinanti con le aree di provenienza. Perché da aprile a oggi Expo, attualmente in liquidazione e non più guidata da Sala, non è stata in grado o non ha voluto rendere disponibili quei documenti ad Arexpo? E’ solo una delle domande che sinora non hanno trovano risposta riguardo al pasticcio delle bonifiche, su cui i magistrati della procura generale potrebbero decidere di estendere le loro indagini. Intanto sarà la giustizia civile a doversene occupare, dal momento che a fronte delle mancate cause di Expo e di Arexpo, è stato uno dei vecchi proprietari dei terreni, la società Bastogi dei Cabassi, a muoversi contro di loro con un atto di citazione in cui tra le altre cose chiede indietro 250mila euro. La somma pagata per attività di bonifica che dopo tre anni Expo e Arexpo non hanno mai rendicontato. Tutte questioni su cui Sala avrà modo di ragionare nei prossimi giorni.

Twitter: @gigi_gno

L’articolo Sala indagato per la Piastra, ma non è l’unico grattacapo: dall’appalto degli alberi alle bonifiche, i casi da chiarire proviene da Il Fatto Quotidiano.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi