Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

arrivo

A 20 mesi dal loro matrimonio, il 29 aprile 2011, i duchi di Cambridge William e Kate, aspettano un erede. Lo ha annunciato ufficialmente St. James Palace, residenza ufficiale dei principi. Il principe William è il secondo in linea di successione al trono, dopo il padre Charles, principe di Galles. Il 28 ottobre del 2011 i capi di governo del Commonwealth, di cui è formalmente sovrana Elisabetta II, proposero all’unanimità di cambiare la legge di successione al trono per consentire anche ad una erede donna di diventare regina, in presenza di una fratello minore. Ma il processo legislativo non è stato ancora completato. St. James Palce in un comunicato ha specificato che la gravidanza è “nelle prime fasi” e che la principessa è stata ricoverata stamane in ospedale a Londra perché ha sofferto di “nausee mattutine”. 

Un vescovo di Comunione e Liberazione nella terra di Giuseppe Dossetti. Sembrava impossibile e invece, a partire dal 16 dicembre prossimo, nel duomo di Reggio Emilia si insedierà don Massimo Camisasca, sostituendo Adriano Caprioli. E se la scelta si dice spirituale, a preoccupare sono le conseguenze politiche. È la città di uno dei padri democristiani della Costituzione italiana, un tempo capitale della patria rossa dalle vie Stalingrado e piazza Lenin e ora si trova a dover incassare il più inatteso dei colpi, l’arrivo di un vescovo ciellino. Massimo Camisasca, nato nel 1946, una delle colonne portanti di Comunione e Liberazione è conosciuto come lo storiografo ufficiale di don Luigi Giussani. Cappellano del Milan di Sacchi e per un certo periodo professore di filosofia all’università cattolica di Milano, il sacerdote va ad occupare l’ambito posto nella diocesi che fu in origine del cardinale Camillo Ruini. Un passato impegnativo che renderà la permanenza reggiana una sfida senza paragoni.

Roma, 21 nov. (Adnkronos Salute/Washington Post) – In arrivo un giaguaro e un lupo dalla criniera ‘fotocopia’. I due animali fanno parte di uno zoo di otto esemplari di specie minacciate, che un gruppo di esperti di conservazione della fauna brasiliani intendono clonare prima che sia troppo tardi. Un progetto approvato da altri gruppi di animalisti, che però sottolineano come la priorità dovrebbe essere preservare le specie nella natura, riducendo al minimo la caccia e tutelando l’habitat.

“La clonazione è un sorta di ultima spiaggia, ma può essere valida per alcune specie”, dice Ian Harrison del Biodiversity Assessment Unit ad Conservation International di Arlington. “Sperimentarla ora, con specie non a immediato rischio di estinzione, è importante”. Nessuno degli animali bersaglio del progetto è gravemente a rischio, ma l’agenzia brasiliana Embrapa vuole iniziare così. Lavorando insieme al giardino zoologico di Brasilia, il gruppo ha raccolto circa 420 campioni di tessuto, per lo più da carcasse. Le otto specie obiettivo della ricerca vivono nel Cerrado, una savana tropicale, ma i cloni saranno tenuti in cattività come ‘riserve’, nel caso la popolazione di esemplari selvatici subisse un drastico calo.

Entro un mese Embrapa spera di iniziare a clonare il lupo dalla criniera o crisocione, classificato come specie vicina a essere minacciata (ne restano circa 13 mila esemplari in Sudamerica). Insieme al giaguaro, i ricercatori sperano di clonare anche il black lion tamarin (Leontopithecus chrysopygus, una scimmia), il ‘perro de agua’, il coatis (un procionide), il formichiere dal collare, il cervo gray brocket e il bisonte. Non è in programma la liberazione degli esemplari clonati nella natura, spiega Carlos Federico Martin di Embrapa, associazione che ha creato il primo clone brasiliano nel 2001, una mucca (morta l’anno scorso). Finora Embrapa ha clonato oltre 100 animali, per lo più cavalli e mucche.

Togliere ai ricchi per dare allo stato: per fare cassa sono molto gli stati che stanno aumentando o inserendo la patrimoniale. Prima dell’arrivo del Professore, l’Italia si trovava sotto la media Ue, dopo il suo arrivo è balzata al secondo posto dopo la Francia: LEGGI REPORT

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Con Monti Italia seconda in Ue per tassazione patrimoni

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

 

Sull’Imu alla Chiesa il governo intende bypassare le obiezioni del Consiglio di Stato: i tecnici avrebbero in mente, secondo Repubblica, di varare  una modifica sul regolamento della dichiarazione dei redditi che consentirebbe a Chiesa ed enti no profit di avere un’imposta più leggera grazie a una semplice modifica del loro statuto da effettuare entro dicembre. Allo studio ci sarebbe una definizione precisa che non varrà per i cittadini o per le imprese di quello che non è attività commerciale in un contesto immobilitare: se una parte di una proprietà è destinata a un’attività che porta profitti (per esempio ostelli, o mense, o veri e propri esercizi), sarà possibile evitare il versamento. Ma il Consiglio di Stato avverte che una modifica di questo tipo creerebbe problemi all’Italia in sede Europea in quanto Bruxelles potrebbe multare gli aiuti di Stato illegali e recuperare tali somme condondate a partire dal 2006. Un danno che può valre fino a tre miliardi considerati gli incassi stimati dal governo (300-500 milioni l’anno). 

 

In arrivo tre miliardi per le famiglie: la maggioranza e il governo hanno raggiunto un accordo secondo cui le detrazioni più importanti saranno spalmate in tre anni e riguarderanno 12 milioni di contribuenti. La legge di stabilità prosegue il suo faticoso cammino. i tempi sono stretti e domenica 11 novembre arriveranno gli emendamenti dei relatori sul pacchetto fiscale, sulla scuola e anche sugli esodati.  L’intesa di massima raggiunta  prevede un incremento  delle agevolazioni fiscali tra 120 e 150 euro, per i tetti di redditi   da individuare ma sicuramente inferiore rispetto al tetto attuale di   95.000 euro. . I tecnici del Ministero sono quindi al lavoro per trovare   la quadra tra le risorse disponibili, pari a tre mld nel triennio   2013-2015, e la distribuzione nella platea. Dalla manovra scompare anche la stretta sulle agevolazioni fiscali: non ci sarà più l’ipotizzata franchigia di 250 euro sulle detrazioni e sulle deduzioni così come viene eliminato il tetto massimo dei tremila euro previsti per le sole detrazioni dell’imposta. L’aumento dell’Iva riguarderà dal primo luglio 2013, solo l’aliquota massima del 21% escludendo gli aumetni dell’imposta per i medicinali e i beni alimentari di prima necessità. 

In arrivo un declassamento del rating Usa? Alert da Fitch e Moody’s. Pioggia di Buy sui Treasuries. Dal 1984 il giorno successivo alle presidenziali l’indice S&P500 ha chiuso in rialzo appena 2 volte su 7. Obama promette di ridurre il deficit ma il ‘precipizio fiscale’ e’ alle porte.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Wall Street: sell pesanti (-2,4%) il giorno dopo l'Election Day. Pesa spaccatura al Congresso

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Dopo Sandy, New York si prepara ad una nuova tempesta. Mercoledì il sindaco della città Michael Bloomberg, a causa della tempesta Nor’Easter in arrivo sulla costa orientale degli Stati Uniti, chiederà ai residenti di alcune aree della città vicine alla costa di allontanarsi dalle abitazioni per qualche ora pomeridiana. A New York l’uragano la settimana scorsa ha causato enormi danni e più di 40 morti, sul totale di 110 – in tutti gli stati americani – e una settantina nei Caraibi.

Prima la crociata contro i talk show delle televisioni generaliste, a breve il lancio del canale tv tematico. La strategia di comunicazione del Movimento 5 Stelle corre sulla Rete, dove viene annunciato l’arrivo dell’house organ del ‘non partito’ con un messaggio netto: “Iscrivetevi al canale TV 5 Stelle per le prossime dirette e spegnete la tv!’. Un assaggio di come comunicherà il movimento di Beppe Grillo, del resto, si era già avuto in occasione delle elezioni siciliane con una lunga diretta che ha ospitato interventi, tra gli altri, di Giancarlo Cancelleri, Federica Salsi Valentina Palmeri. A Salvo Mandarà il compito di condurre le trasmissioni del canale, in cui a farla da padrone saranno le dirette streaming in rete, note come hangout.

Una boccata d’ossigeno per quelli di Mediaset e l’arrivo di Barbara D’Urso a Domenica Live al posto di Alessio Vinci ha portato i suoi frutti in termini d’ascolto. Infatti, il contenitore domenicale di Canale 5 condotto dalla Barbara nazionale ha doppiato negli ascolti il suo predecessore e batte la concorrenza di Lorella Cuccarini sulla Rai. La D’Urso, che ha portato con sé una dose notevole di lacrime e un consistente cambio di rotta nelle tematiche, ha portato il programma ad un invidiabile 11.43% di share con 2.379.000 telespettatori nella prima, 2.312.000 (12.99%) nella seconda e 2.908.000 (16.47%) nell’ultima parte, cosa che Vinci in ben quattro puntate non era riuscito a fare arrivando a malapena ad un deludente 10% di share. Momenti salienti della domenica targata D’Urso sono stati il ritorno in tv dopo l’incidente di Vittorio Sgarbi, la “grillina” Flavia Vento e la gravidanza di Carmen Russo, passando per il giornalista Rai che giudicava i napoletani “puzzolenti” e l’ospitata in tv di Giacomo Scazzi, padre di Sarah Scazzi

Archivi