Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

ben

Nell’Unione Europea fanno peggio solo Grecia e Bulgaria, Italia si piazza 72esima nella classifica del rapporto di Transparecy International. Voto ben lontano dalla sufficienza e dalla media Ue.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Corruzione: Italia come la Colombia, peggio di Romania

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Roma, 30 nov. – (Adnkronos) – Si prevede un Natale all’insegna della sobrietà: pochi regali ma utili ma non si rinuncia ai prodotti alimentari tradizionali. Complice la crisi, sotto l’albero potrebbero spuntare anche regali frutto del riciclo, riuso e baratto. Sarà così il natale 2012: pochi sprechi e acquisti più oculati. Secondo un’analisi di Coldiretti sulla base dell’indagine ‘Xmas Survey 2012’ di Deloitte, si riduce del 9% il budget degli italiani per i regali di Natale che spenderanno in media 263,6 euro.

Se, insieme ai regali si considerano anche il cibo e il divertimento, gli italiani affronteranno una spesa media di 551 euro a famiglia, in calo del 3,7 per cento rispetto allo scorso anno. Il taglio nella spesa in regali di Natale penalizza soprattutto l’abbigliamento per il quale secondo l’indagine Coldiretti/Swg il 53% degli italiani ha rinunciato o rimandato gli acquisti ma a seguire c’è anche l’acquisto di prodotti tecnologici per il 42% degli italiani.

La spinta verso regali utili peraltro premia l’enogastronomia anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento a ridurre gli sprechi che si esprime con la preparazione fai da te di ricette personali per serate speciali o con omaggi per gli amici. In Italia, infatti, la maggioranza dei cittadini a Natale preferisce infatti spendere soprattutto nel cibo (29%) che supera i regali (28%), i divertimenti (23%) ed i viaggi (20%).

Ma la risposta alla crisi economia arriva anche dal riciclo, riuso e baratto. A rilevare com’è cambiato l’atteggiamento degli italiani nei confronti del Natale è la ricerca commissionata a Ipsos da eBay Annunci. Dopo aver dichiarato che il Natale, oggi, è soprattutto un’occasione per stare in famiglia (61%), gli italiani prendono le distanze dal consumismo sfrenato degli anni passati dichiarando che il regalo ideale del Natale 2012 deve essere soprattutto utile (46%). Non solo. Il 24% sottolinea che, per essere apprezzato e non apparire anacronistico, deve essere anche economico. Insomma, oggi conta soprattutto il pensiero.

Se da una parte gli italiani sono sempre più vicini alla pratica del riciclo, di cui si fanno portavoce al punto di dichiarare di apprezzare molto (55%) o abbastanza (17%) un regalo riciclato, dall’altra non è stato ancora del tutto abbattuto il tabù da parte di chi, il regalo, lo deve invece fare. Il 61% degli intervistati, infatti, ancora oggi reputa che regalare oggetti usati per Natale sia ‘poco carino’, a fronte di un 37% che dichiara invece sia assolutamente lecito.

Fenomeni dilaganti come quello del riuso, del riciclo e del baratto, trovano la loro dimensione ‘allargata’ proprio nel mezzo internet. Secondo l’indagine, infatti, ben il 72% degli intervistati che utilizzano tutti i giorni internet ha avuto almeno un’esperienza di compravendita di usato nella sua vita (ha quindi venduto e/o acquistato sul web). La sensibilizzazione dell’opinione pubblica, negli ultimi anni, ha portato ad un incremento delle abitudini ecosostenibili adottate nella vita di tutti i giorni.

Tanto che quasi totalità del campione intervistato (ben il 98%) ha dichiarato che ‘riciclare oggetti è un ottimo modo per rispettare l’ambiente e ridurre gli sprechi’. Ma non è tutto: più del 60% del campione afferma che “acquistando oggetti usati si fanno spesso ottimi affari: buona qualità a buon prezzo”. A confermare il propagarsi di un atteggiamento sempre più votato al riciclo, sono i dati confortanti rilasciati sempre nell’ambito dell’indagine Ipsos per eBay Annunci: ben il 35% ha dichiarato di riciclare spesso, il 52% di averlo fatto almeno una volta ma, soprattutto, il 74% degli intervistati ha dichiarato di riciclare in egual misura o addirittura di più rispetto agli anni passati.

Ma quali sono le caratteristiche che definiscono il profilo del ‘Riciclatore ideale’? Il riciclatore ideale è un individuo che ha un’età compresa tra i 35 e i 44 anni, che possiede un elevato titolo di studio e che occupa una buona posizione nel mondo del lavoro. E’ dirigente, imprenditore, libero professionista, impiegato o insegnante. Territorialmente risiede nelle regioni del Centro Italia (Emilia, Toscana e Marche) e si connette ad Internet tutti i giorni, più volte al giorno. Tra le categorie che più si prestano al riciclo di oggetti, in testa c’è ‘Abbigliamento e Accessori’ (71%).

Seguono Arredamento e mobili (23%) con soffitte cariche di oggetti accumulati nel tempo, che ben si prestano a essere riciclati. Infine l’Elettronica (16%), soprattutto per via della vita breve dei prodotti tecnologici che si trovano oggi sul mercato (ritrovati Apple ma non solo). Quali sono, infine, le ‘realtà’ con cui si ricicla più volentieri e senza troppi scrupoli? In testa amici e parenti, con il 30% delle preferenze, pronti a comprendere il motivo del gesto, senza lasciar spazio a inutili fraintendimenti. Seguono le Associazioni (26%) e la Chiesa (21%).

La giornata di ieri, 14 novembre 2012, passerà senz’altro alla storia come data simbolica di una nuova consapevolezza che sta maturando a livello europeo, specie nell’Europa mediterranea e specie tra le giovani generazioni.

Il fatto che in ben ventitré Paesi europei si sia manifestato contemporaneamente, sotto l’egida di organizzazioni sindacali, movimenti studenteschi e sociali ed altre entità, dimostra il forte radicamento di un orientamento di netta opposizione alle politiche neoliberiste, caratterizzate dalla violenta compressione della spesa sociale e dalla ricerca del beneficio esclusivo di ristretti circoli finanziari, che stanno condannando tutto il nostro continente alla recessione e stanno derubando i giovani di ogni futuro degno di essere vissuto.  

Idee di cibo che come molte parole si confondono nel tempo della non comunicazione, dove solo un 🙂 ti dà la certezza di un sorriso e un 😉 della complicità scherzosa. Via, sù, non prendiamoci troppo seriamente per quel che non riusciamo più a dirci con semplicità.
Già un “vi voglio bene” chissà quante perplessità scatenerà. Eppure altro non ho da dirvi dopo troppi giorni di assenza.
Ma questo ho da darvi: siete sempre nei miei pensieri e per questo vi racconto il mio affettuosissimo “Passato di spinaci”.

Chissà cosa avrà pensato Mario Balotelli quando ha visto Raffaella Fico sfilare in abito da sposa e col pancione ben in vista. La showgirl, al settimo mese di gravidanza è stata la madrina di E’ Sposa. (foto Splash)


pubblicato da Libero Quotidiano

Sposa per un giorno e la Fico sfila in bianco

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Mercoledì sera il Cielo® mi si è aperto in una stanza ed è apparso il volto gonfio di Flavio Briatore, un eroe dei nostri tempi, l’ultimo dei poeti maledetti viventi , un modello di bisnesmen molto gettonato negli ambienti incravattati, lider indiscusso di  The Apprentice®, format televisivo dove un gruppo di disperati della nazione insegue un sogno ben preciso: lavorare con Flavio Briatore, detto IL BOSS.
Non ho visto le altre puntate di questa roba, ma ho intuito che negli episodi  precedenti i concorrenti hanno subito tantissime angherie e a loro va la mia solidarietà, anche se credo che se le siano meritate.
E’ l’ultima puntata.
Sono rimasti solo due.
I migliori, i più motivati, i più gregari.
Il billionario li ha messi alla prova e gli ha fatto organizzare una festa fighissima.
I concorrenti avevano un bagget e ai telespettatori orfani del pulsante “mi piace” veniva mostrato nei minimi dettagli come lo stavano amministrando. 
Il modello di bisnes era semplice e molto in voga:  pagare poco i collaboratori, dare un tocco di classe all’evento, qualche troione che serve ai tavoli, far pagare apparentemente poco i clienti e curare la loro satisfecscion che ai chen’t ghet no.
Due locali scic, due feste, due maggnate stracafonal, due temi: il circo e l’arte.
Queste le serate organizzate dai concorrenti nelle quali un imprenditore ha incassato quasi 3000 euro (arte) e l’altro poco più di 5000 (circo), ma tra collaboratori da pagare, cuochi, camerieri, attori, siae, tasse e altri cappi, entrambi hanno fatto un buco di qualche migliaio di euro.
Flavio Briatore si è complimentato con loro per l’ottima organizzazione e dopo aver analizzato entrambi gli eventi, domandato punti di forza e di debolezza dei candidati e fatto altre domande terribili che chiunque abbia fatto un colloquio in un’azienda ben conosce e ancor meglio conosce cosa deve rispondere per farsi assumere, ha testato il loro livello di sudditanza, la capacità di dire sempre si, la disponibilità a lavorare 25 ore su 24 per 380 giorni all’anno e infine ha scelto il più giovane e motivato che da domani potrà lavorare con IL BOSS.
Fantastico!
Era quello che voleva.
Ora ha quello che si merita.
E’ stato ciusi ed è stato premiato.
A lui vanno i miei complimenti e spero anche i vostri.

Il video editoriale del vicedirettore di Libero Pietro Senaldi sulla vittoria di Barack Obama alle elezioni americane del 2012, una vittoria ben diversa da quella di quattro anni fa. Dopo un mandato caratterizzato dalla forte crisi globale, il sogno di un’America solidale si è infranto e il “voto del sogno” è diventato “voto della paura” con Obama che pesca voti degli immigrati, disoccupati e americani più spaventati. Per quanto riguarda lo sconfitto Mitt Romney “Si è meritato la sua sconfitta perchè non è riuscito a dare un’anima al suo programma liberista”.


pubblicato da Libero Quotidiano

“La banca centrale tiene ben segreto quanto è depositato all’estero. Cittadini trattati come sudditi”. Associazioni consumatori che chiedono la vendita dei lingotti per rilanciare l’economia. E la proposta assurda di certa stampa. Opinione di Beppe Scienza.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Oro Bankitalia: quanti segreti

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Si chiama Ileana Calabrò, ha 46 anni e un ricco pedigree che di politico, però, ha ben poco. La bella soubrette argentina (fate un giro su Internet e vedrete qualcuna delle sue foto decisamente sexy) sarebbe in pole position per la candidatura al Senato italiano nel collegio Sud America. A rivelaro, su Twitter, un’anticipazione rilanciata dalla stessa Calabrò, dalle chiare origini italiane: il suo grande sponsor sarebbe il senatore Esteban Juan Caselli del Pdl.

La gallery: guarda le foto della sexy Ileana


pubblicato da Libero Quotidiano

Bella, sexy e argentina: ecco la Calabrò, futura senatrice italiana

Notizie del italia, economia, notizie italia

Silvio Berlusconi ha dato il via alla sua trasferta in Kenya dall’amico Flavio Briatore e con sé ha portato una squadra di fidatissimi. La “squadra” che si muove con l’ex premier è ben nutrita, molti i volti “freschi”, magari quei volti sui quali Berlsuconi vuole puntare per ripartire in politica, con o senza il Pdl. E di tempo per pensare, Silvio, ne avrà: secondo le indiscrezioni rilanciate da Philip Chai (manager che lavora per Briatore), la pattuglia resterà in Kenya per una settimana, nella villa del padrone del Billionaire.

I membri della squadra – E allora andiamola a passare in rassegna, questa squadra, nel rigoroso ordine in cui sono scesi dalla scaletta dell’aereo. Dopo Flavio e Silvio, ecco l’architetto Antonino Battaglia, quindi l’avvocato Maurizio Cicero. Poi la presunta fidanzata di Berlusconi, Francesca Pascale, ex deputata del Pdl napoletano. E ancora, la deputata azzurra Mariarosa Rossi, Dafni Di Boni e un altro architetto, Giovanni Battista Gamondi. Sull’aereo, in compagnia di Silvio, c’erano poi il giovane deputato Valentino Valentini, il produttore cinematografico tunisino Tarek Ben Ammar e il medico personale del Cav, Alberto Zangrillo. Una truppa ben nutrita, e sulla quale si potrebbe speculare: tra queste persone c’è la “bozza” della nuova squadra di Silvio? Possibile.

 

Archivi