Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Carrara

Salgono a 81 persone le persone evacuate a Massa Carrara in seguito alle forti e intense piogge che stanno flagellando la Toscana da questa notte. Tre le persone che hanno dovuto lasciare la propria casa a Massa in località Romagnano; 28 a Carrara in seguito all’esondazione del torrente Carrione e del Parmignola che hanno causato una serie numerosa di allagamenti, e 50 in Lunigiana, nella frazione di Monzone dove il fiume Lucido ha rischiato di tracimare minacciando alcune case. Dopo ore di pioggia battente la situazione sta lentamente tornando alla normalità e presto gli abitanti di Manzone, fanno sapere dala protezione civile, potranno rientrare nelle loro case. Nel territorio circostante franano ancora le colline del Candia a Massa teatro di violenti smottamenti solo alcune settimane fa in seguito all’alluvione. La situazione continua ad essere molto critica in tutta la provincia apuana dove si stanno monitorando tutte le aree segnate dalla pioggia. Problemi alla viabilità, cantine, garage e scantinati allagati nella zona di costa. La strada 445 per Cerreto, in Lunigiana, è chiusa, disagi per raggiungere le frazioni del Comune di Carrara di Gragnola e Noceto.

Firenze e il Grossetano – A ripreso a piovere a Firenze e in provincia. I livelli idrometrici dei fiumi sono in leggero incremento ma sono tutti sotto il primo livello di criticità. Il personale del Servizio di Piena e della Protezione Civile provinciale continua il monitoraggio sul territorio. Secondo quanto si legge in una nota della protezione civile della Provincia di Firenze la strada 86 è stata riaperta pertanto tutte le strade di competenza provinciale sono transitabili. Permane la chiusura per frana della strada comunale via Villamagna (Bagno a Ripoli) e via Castellana (Incisa Valdarno). L’ondata di maltempo non ha risparmiato il grossetano e, in particolare, le zone di Albinia e Orbetello, colpite duramente dall’alluvione del 12 novembre scorso. Secondo quanto riferisce la sala operativa della protezione civile della Provincia di Grosseto, in alcuni poderi agricoli intorno ad Albinia a scopo precauzionale alcune famiglie sono state fatte evacuare dalle loro abitazioni. Al lavoro squadre di vigili del fuoco e uomini del comune di Orbetello.

La circolazione – Circolazione rallentata dalle 6 di questa mattina fra le stazioni Massa Centro e Carrara Avenza, sulla Direttrice Tirrenica Genova-Pisa, per l’esondazione dei torrenti Carrione e Parmignola. Lo rende noto Rfi spiegando che il traffico ferroviario era stato sospeso alle 0.55 della scorsa notte, ma l’intervento delle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana ha permesso la riattivazione del binario in direzione Sud alle 6. In particolare, spiega ancora la nota, l’Intercity Notte 799 Torino Porta Nuova-Salerno è stato deviato sulla linea Pontremolese per poi proseguire su Salerno via Firenze-Roma con un allungamento dei tempi di viaggio di circa 120 minuti. L’Intercity Notte 796 Salerno-Torino Porta Nuova è stato deviato sulla linea Pisa-Firenze-Bologna- Piacenza-Genova con un allungamento dei tempi di viaggio di circa 120 minuti. Solo alcuni treni del traffico regionale sono attestati a Sarzana e Massa Centro, previsti tra le due città servizi con autobus sostitutivi. Tutte le informazioni utili ai viaggiatori vengono comunicate a bordo dei treni e nelle stazioni interessate. 

Pioggia battente e massima allerta in Liguria e Toscana e in particolare nella provincia di Massa Carrara, già duramente colpita dal maltempo nell’autunno scorso. La pioggia caduta dopo la mezzanotte ha provocato allagamenti, frane e smottamenti in buona parte del territorio. Decine gli interventi dei vigili del fuoco. Secondo un primo bilancio della Protezione civile sono 70 le persone evacuate, di cui 50 sulla costa e 20 in Lunigiana. Alcuni torrenti e canali sono esondati.

Un triangolo amoroso a cielo aperto. Un menage a trois nel giardino di un condominio di Romito Magra (Massa Carrara) imposto a un ragazzo di vent’anni più giovane e a una ragazza minorenne, che si è però rifiutata di prendere parte all’orgia. Così Lucia Cecchinelli, casalinga toscana di 41 anni con precedenti per spaccio, ha deciso di impegnare il pomeriggio del 23 luglio 2010.

A due anni di distanza, arrivano le condanne: per la donna, che ha patteggiato, cinque mesi e dieci giorni di reclusione da scontare in carcere; per il suo toy-boy, Daniele Siciliano (23 anni), quattro mesi con sospensione della pena. Tra i reati contestati ci sono atti osceni in luogo pubblico in concorso, ma anche lesioni aggravate, molestie e minacce aggravate. I due avrebbero picchiato la sedicenne, colpevole di non volersi aggiungere al festino hard.

La campionessa della pallavolo Francesca Piccinini paparazzata a Massa Carrara dove si sta godendo qualche giorno di riposo e relax in famiglia. Grazie a un bikini mozzafiato, la sexy Piccinini mette in mostra il suo fisico scolpito. Dopo una chiacchierata con la sorella a bordo piscina, la campionessa trova il tempo per far divertire i nipotini in vasca.


pubblicato da Libero Quotidiano

La Piccinini e il bagno più hot dell'estate

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Dopo i focosi amanti di Firenze e di Milano, arriva anche la coppietta di Massa Carrara. I due ragazzini sono stati scoperti in pieno giorno a fare sesso sulle scale di un condominio. La giovane coppia si è subito giustificata: “Pensavamo non ci fosse nessuno”, ma lo scambio un pò troppo esplicito di coccole è costato ai due minorenni una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. I abitanti del palazzo rivelano che da tempo il ragazzo e la ragazza utilizzavano lo stabile per i loro momenti più intimi.


pubblicato da Libero Quotidiano

Toscana sempre più hot altro caso di sesso in pubblico

Notizie del italia, economia, notizie italia

Per Grillo si tratta di un ‘inciucio’ tra Pd e Pdl per scavalcare il Movimento. Succede a Carrara, dove alle scorse amministrative i 5 Stelle sono diventati il primo partito di opposizione ma a cui il Pd, partito di maggioranza, ha negato il posto di vicepresidente del consiglio comunale. 

A maggio è stato riconfermato al primo turno per il secondo mandato Angelo Zubbani, socialista sostenuto da una coalizione di centrosinistra che vince al primo turno col 54,69% delle preferenze. Mentre il Pdl col suo capolista Lanmarco Laquidara incassa soltanto il 10,37%, superato col 14,08 % dei voti da Matteo Martinelli dei 5 Stelle. Alla prima seduta della nuova giunta il 1 giugno, all’ordine del giorno c’è l’elezione dei due vicepresidenti del consiglio, solitamente eletti tenendo conto del peso elettorale dei partiti più votati. Quindi uno va alla maggioranza e l’altro al primo partito di opposizione. Ma le cose non sono andate così.  

”E’ davvero paradossale che uno dei tre coordinatori del Pdl si dichiari pubblicamente contrario alla decisione di Berlusconi e di Alfano di incontrare il premier Monti per un confronto sui problemi del paese”. Lo dicono, in una dichiarazione congiunta, i senatori del Pdl Paolo Amato, Valerio Carrara, Salvatore Mazzaracchio, Massimo Palmizio e Ferruccio Saro, che aggiungono: ”Non condividiamo la posizione di La Russa perché non accettiamo un gioco al massacro”.

Non è inventata, è una notizia vera diffusa dall’Ansa nel primo pomeriggio del 16 maggio. Si tratta di un documento pericolosissimo, già al vaglio del Copasir e della Digos. Da nostre fonti riservatissime, sappiamo che già si sono formati gruppi spontanei di protesta. Se ne segnala uno a Brindisi, due a Poggio Mirteto, a Cologno Monzese la sede di “Sotto il Pamizio” è già discretamente sorvegliata da settimane. Un volantino firmato dal sedicente gruppo del “Mazzaracchismo per la libertà” (da non confondere con il Maccartismo) è stato trovato a Biella e sequestrato su ordine della Procura.

Il marmo non passerà più dalle vie della città. Niente più scaglie né polveri. Niente più smog né scossoni per il passaggio dei camion. Mai più il rischio di dover attraversare la strada vedendo avvicinarsi un autotreno appesantito da blocchi giganti. Carrara ce l’ha fatta: da una settimana o poco più ha una strada che, senza passare dal centro urbano, collega le cave all’Aurelia e quindi all’autostrada e ai porti, compreso il suo.

Dopo aver compiuto una rapina una persona si sarebbe barricata in una casa nel centro di Carrara.  Subito sono arrivate le forze dell’ordine che hanno delimitato la zona. Si sono sentiti anche degli spari. Una persona sarebbe stata portata via.


pubblicato da Libero Quotidiano

Spari a Carrara: rapinatore si barrica in una casa

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Archivi