Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

difesa

Sono bastate quattro sedute e  295 minuti alla commissione Difesa della Camera per esprimere un parere entusiasta e praticamente senza riserve sulla legge di delega al Governo per la riforma delle forze armate. Minuti ai quali se ne dovrebbero aggiungere per la verità altri 440 di audizioni durante i quali sono stati sentiti il Capo di stato maggiore della Difesa, i rappresentanti del Ministero delle finanze e della Ragioneria dello Stato, i Cocer delle Forze armate, i sindacati del personale civile della Difesa, i rappresentanti di un paio di istituti di ricerca, persino giornalisti della stampa specializzata. Circa un centinaio di “auditi” che avrebbero dovuto tentare un breve riassunto dell’Universo avendo a disposizione 4 minuti a ciascuno. Dovrebbero chiedere l’ammissione al Guinness dei primati.

Via a un ampio rimpasto del team della sicurezza nazionale, dopo lo scandalo Petraeus. Quest’ultimo potrebbe essere sostituito da John O. Brennan, consulente responsabile delle attività contro il terrorismo della Casa Bianca.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Obama pensa a John Kerry per la poltrona di segretario Difesa

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Il Tar del Lazio ha disposto che la presidente della Regione Renata Polverini indica entro cinque giorni le elezioni. I giudici amministrativi, accogliendo il ricorso del Movimento Difesa del Cittadino, hanno disposto così che le elezioni avvengano entro 90 giorni dallo scioglimento del Consiglio regionale avvenuto il 28 settembre. E in risposta alla sentenza, la Regione con una nota ha subito annunciato che proporrà ricorso al Consiglio di Stato: “Una decisione  – si legge – che risulta in totale contraddizione con le recenti pronunce della medesima sezione del Tar del Lazio, con riferimento alle elezioni regionali del 2010″.

Le Forze di terra della Difesa Israeliana hanno lanciato razzi di avvertimento al confine, nell’Altopiano del Golan, in rappresaglia per una serie di bombardamenti. E’ la prima volta dalla Guerra di Yom Kippur.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Israele risponde col fuoco alla Siria: primo scontro dal 1973

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Le Forze di terra della Difesa Israeliana hanno lanciato razzi di avvertimento al confine, nell’Altopiano del Golan, in risposta a una serie di bombardamenti. E’ la prima volta dalla Guerra di Yom Kippur, nel 1973.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Israele risponde con il fuoco alla Siria

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Una squadra di governo quasi completamente rinnovata. E’ quello che il team di Barack Obama sta preparando per il secondo mandato. Mentre il presidente appare concentrato soprattutto sulle trattative con John Boehner e i repubblicani su budget e tasse, i suoi principali collaboratori – guidati dal capo staff Jacob Lew e dall’advisor Pete Rouse – contattano i candidati, studiano i curricula, valutano gli equilibri politici. L’obiettivo è arrivare presto a una nuova squadra di governo, che possa essere operativa sin dal prossimo gennaio. Un po’ come fece Bill Clinton, quando si presentò in tempi rapidi con un gabinetto rinnovato per il suo secondo mandato (ne facevano parte Madeleine Albright alla Segreteria di Stato, William Cohen alla Difesa e Sandy Berger come “national security advisor”).

Fischi per il ministro della Difesa Giampaolo di Paola. All’arena Garibaldi di Pisa per la commemorazione della battaglia di El Alamein, l’ex capo di stato maggiore è stato contestato per la debolezza del governo sul caso marò. Mentre Di Paola era impegnato nel giro d’onore davanti alle forze armate, il pubblico sugli spalti, composto prevalentemente da militari in congedo, intonava  cori a favore di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, i due fucilieri del reggimento San Marco da nove mesi in arresto in India. Un uomo che voleva portare in campo una bandiera italiana con fiocco giallo ins egno di solidarietà è stato allontanato dall’impianto.

Acqua sul fuoco – “Non è il momento delle polemiche, ma della solidarietà”. Di Paola ha smorzato i toni, ma lavandonese le mani e rilanciando alle autorità indiane. “Ho fiducia che la Corte Suprema indiana – ha detto – saprà  riconoscere il diritto internazionale e la giustezza della richiesta   italiana di giudicare i due marò in Italia”.

È capitato a tutti. Vai dal meccanico, chiedi quanto costi mettere a posto quel rumorino che viene dal motore. Ti risponde: saranno 100, 120. Quando gli lasci la macchina si accorge che forse manca qualcosa: saranno 150. Al momento di riprenderla ti chiede 200. Uno s’incazza ma, di solito, paga e se ne va.

Immaginate però che quel meccanico sia un generale a due o tre botte e chi chiede il prezzo non sia il solito automobilista sprovveduto e un po’ ingenuo ma il Parlamento italiano. Se il generale a febbraio dice “costa 80 milioni” (di dollari), ma a settembre si corregge e dice che in verità i milioni sono 127, voi Parlamento che fareste? Lo chiamereste, assieme al suo capo, cioè il ministro della Difesa, per farvi spiegare come mai il costo di un aereo in sette mesi possa aumentare da 80 a 127 milioni.

E ora la Corte costituzionale, con una procedura prevista dalla legge ma finora del tutto inedita, impone formalmente ai pm di Palermo di violare il segreto investigativo per sapere quali e quante sono le intercettazioni telefoniche che riguardano il capo dello Stato. Ma non solo. I giudici costituzionali vogliono conoscere in che data quelle registrazioni sono state effettuate, nell’ambito di quale procedimento sono state disposte, e infine se nel fascicolo sulla trattativa vi siano provvedimenti di stralcio, richiesta – quest’ultima – che costringe la procura palermitana a scoprire almeno in parte le carte dell’inchiesta. Così da oggi la procura di Francesco Messineo ha venti giorni di tempo per inviare la documentazione ai giudici della Consulta che intendono essere informati su tutti i dettagli tecnici che hanno portato a “captare” per caso la voce di Giorgio Napolitano, in alcune telefonate con Nicola Mancino, “con esclusione delle parti relative al contenuto”. E che pretendono di conoscere anche aspetti relativi alla struttura dell’indagine sulla trattativa, al momento rigorosamente top secret.

In molti paesi avanzati gli schieramenti politici si distinguono sulla base del ruolo che ciascuno attribuisce allo Stato. Tradizionalmente le forze di centrodestra ritengono che lo Stato debba occuparsi soprattutto della fornitura di alcuni beni pubblici fondamentali, giustizia, polizia, difesa, e così via; mentre la crescita economica deve scaturire soprattutto dall’iniziativa privata, dalle imprese, dagli imprenditori e dai mercati. Vi è diversità di opinioni su cosa debba essere svolto dallo Stato. Negli Stati Uniti infatti parte rilevante dello schieramento politico ritiene che anche un sistema di assistenza sanitaria pubblica sia segno di un eccessivo intervento pubblico nella società. Ma allo stesso tempo il Pentagono e la Nasa investono decine di miliardi di dollari in commesse pubbliche che sono a tutti gli effetti politiche industriali: la rete internet è nata ad esempio anche grazie a investimenti del Pentagono.

Archivi