Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

distanza

Lo denunciavano da tempo molti cittadini. Alcuni di loro già feriti. Come Ester Quintana che, alla manifestazione dello scorso 14 novembre a Barcellona, ci ha perfino rimesso un occhio. Durante le cariche dei Mossos d’esquadra è stata colpita da una pallottola di gomma che le ha spezzato il nervo ottico, come racconta in un video al quotidiano El País. Ma la polizia iberica ha sempre smentito. Adesso però, per la prima volta, l’accusa è arrivata dagli stessi membri delle forze dell’ordine. “Se continuate così rischiamo di essere tacciati come polizia franchista”, hanno detto. Il sindacato unificato della polizia spagnola (Sup) ha infatti mandato una dura lettera di denuncia al ministro degli Interni (qui), Jorge Fernández Díaz. Tutto dopo l’ennesimo incidente. Stavolta nel corso di un allenamento nel centro militare di Linares, in Andalusia.

Nel 1969 il Gruppo Superstudio progettò la “Sopraelevazione del Colosseo”. Esempio nobile di quell’”architettura radicale” che voleva rompere con la tradizione e incarnare la contestazione antiborghese. Il Colosseo rappresentava l’Antichità. Per questo diventava l’oggetto privilegiato sul quale sperimentare la modernizzazione dell’architettura. Sul Colosseo sono gli occhi del mondo. A distanza di un cinquantennio ancora lo sono.

“E’ quanto mai spiacevole che, per l’ennesima volta, notizie atte a procurare allarme vengano diffuse senza verificarne preventivamente la veridicità con le autorità preposte alla manutenzione e alla tutela dell’Anfiteatro Flavio. Ribadisco, alla luce dei monitoraggi continui condotti sulle superfici lapidee, che il comportamento strutturale complessivo del Colosseo non desta preoccupazioni”. Era i primi giorni dello scorso settembre quando Mariarosaria Barbera, Soprintendente per i Beni Archeologici di Roma, volle rassicurare quanti temevano per la tenuta del Colosseo. Nessun frammento caduto, nessun problema di cedimento in alcun punto, nessuna ipotesi di puntellamento alla base del monumento. Fatta chiarezza sul monumento più rappresentativo dell’antichità romana. Il Monumento.

Esistono luoghi che prima di assumere una precisa connotazione geografica sono luoghi della memoria, spazi che sono anche un tempo, momento storico definito e al contempo universali depositari di una particolare condizione umana. A pochi metri di distanza dalle rocce dure del Carso, vicino alle trincee ungarettiane della Grande Guerra, nel Friuli viscerale paradiso perduto di Pasolini, Paolo Rossi c’è nato, ma come spesso capita solo la distanza può aiutare a recuperare uno sguardo distratto su ciò che è più familiare e quotidiano. Così ha deciso di tornare in teatro e portarci la sua terra, in un anelito di necessità di catarsi, sulle orme del passato, in previsione di una rinascita.

Marina Berlusconi smentisce con decisione un proprio futuro in politica. ”Certe ricostruzioni fantasiose tendono ad accreditare, magari per scopi strumentali, l’ipotesi di una mia candidatura in politica, ipotesi che non c’è mai stata e che non c’è”, dichiara in una nota la figlia dell’ex premier e presidente di Fininvest, in risposta alle indiscrezioni su una sua possibile candidatura.

“Intanto, mi pare fin troppo ovvio sottolineare che la leadership in questo campo non si possa trasmettere per via ereditaria o per investitura dinastica”, sottolinea. “Ciascuno se la deve costruire da sé e conquistare passo dopo passo”. La primogenita di Silvio Berlusconi spiega inoltre che “tra il seguire la politica, con tutta l’attenzione e il rispetto che merita, e in politica impegnarsi direttamente c’è una distanza abissale”. Una distanza, conclude, “che non ho mai neppure lontanamente pensato di colmare”.

A 44 anni di distanza il terremoto del Belice ha ancora effetti sul bilancio italiano. Non si tratta di pochi spiccioli ma di 10 milioni di euro. Lo prevede infatti un emendamento a firma di Giuseppe Marinello, deputato siciliano del Pdl e approvato dalla commissione Bilancio della Camera che ha all’esame la Legge di Stabilità. Per quanto riguarda le risorse ai quattordici paesi della Valle, esse serviranno anche a definire i contenziosi ancora in atto e a ripartire i contributi attraverso un decreto del ministero delle Infrastrutture.

Apprendere dell’esistenza della giacca che ti abbraccia mi ha suscitato una vampata di tristezza da gridare alla menopausa dell’affettività.

La cosa è questa: l’idea, che si chiama “Like a Hug”, è venuta ai ricercatori del Tangible media group del Mit, mentre parlavano di relazioni a distanza e dei limiti delle interazioni virtuali rese possibili da tecnologie simil Skype. Da lì è partita la loro inesorabile marcia verso l’Invenzione. Così è nata nientepopodimenoché la “giacca che ti abbraccia”.

Già. “Like a hug” (che poi è un goffo piumino senza maniche) una volta indossata darebbe la sensazione di un abbraccio, “dilatandosi”, peraltro in modo non casuale: l’“hug” arriva ogni volta che qualcuno mette un “mi piace” sul profilo Facebook di chi indossa l’amabile giacca. Ed è qui che siamo alla svolta cosmica, all’apoteosi, à la revolution! No.

Vivo un rapporto a distanza da tre anni: abito a Lecce, il mio compagno in Toscana, (preferisco essere vaga per le cose che riguardano lui). Facciamo di tutto per vederci, ma lui spesso nei week end ha i suoi due figli che sono nati da un rapporto chiuso da 4 anni e vivono con la madre mentre io non ho niente: né lui e né bambini di cui occuparmi. Il nodo è questo: io ho quasi 40 anni e vorrei non avere un rapporto per cui riusciamo a vederci soltanto un giorno a settimana, quando va bene. Capisco che ogni persona sana di mente mollerebbe tutto e scapperebbe a gambe levate. D’altronde io sarò sempre seconda, lo sapevo quando ho conosciuto questo uomo e lo so ora, dopo 3 anni. Ma quando l’ho incontrato erano anni che non frequentavo una persona che davvero mi piacesse. Con cui parlare per tutta la notte sdraiata nel letto di tutto quello che ti viene in mente. Uno con cui è bello fare tutto, andare in vacanza o stare sul divano a guardare la tv, leggere i suoi stessi libri, persino fare la spesa…una persona con cui farei un figlio. A proposito: lui non esclude questa possibilità, fare un figlio con me, anzi. Ma come faccio a pensare di mettere su famiglia con un uomo con cui ho un rapporto di questo tipo? Non conosco nemmeno i suoi due figli perché la sua ex non vuole assolutamente che io li frequenti: che rapporto dovrebbe avere mio figlio con due fratelli che nemmeno conoscerà non so per quanto tempo? Eppure lui dice di amarmi, anzi so che mi ama e mi chiede di andare a vivere nella sua città (lui a parte i figli ovviamente! – ha un lavoro che lo lega lì: impossibile pensare di andar via. Per me effettivamente potrebbe essere meno impossibile, ma molto faticoso). Sono disperata, mi sto davvero “spaccando” la testa, non voglio perderlo ma ho troppa paura del futuro con lui: un consiglio che non sia di parte come può esserlo quello di un’amica cara e da una persona che stimo come tenon mi farebbe male. Grazie e spero che risponderai a questa lettera (Lavi72)

Una coppia di asteroidi si sta avvicinando alla Terra e raggiungerà la minima distanza venerdì 14 settembre. I due oggetti passeranno a una distanza di tutta sicurezza, ben oltre quella della Luna, ma stanno destando l’interesse di astronomi e astrofili perché ben visibili con i telescopi amatoriali. Sono stati chiamati con le sigle 2012 QG42 e 2012 QC8, il primo è una roccia del diametro di 300 metri, viene dalla fascia di asteroidi, compresa tra Marte e Giove, e nel momento di massimo avvicinamento passerà a 2,8 milioni di chilometri dalla Terra, (ossia 7,4 volte la distanza Terra-Luna). Proveniente dalle vicinanze di Giove, 2012 QC8 passerà invece molto più lontano, a 8,7 milioni di chilometri (22,7 distanze lunari). Del diametro di 1,1 chilometri “questo oggetto – ha rilevato l’astrofisico Gianluca Masi, curatore scientifico del Planetario di Roma e responsabile del Virtual Telescope – potrà essere seguito solo dall’emisfero australe, trovandosi a declinazioni molto meridionali”.

Il colosso americano giustifica la mossa anche per motivi di sicurezza: “Operazioni di polizia o del governo possono addirittura richiedere dei blackout completi in determinate condizioni”. Siamo al controllo di tipo orwelliano?

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Smartphone: Apple potrà spegnere l'iPhone a distanza

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Il “decretone” sanità approda, come previsto, in Consiglio dei ministri, ma restano da sciogliere alcuni nodi, come quello sulla natura stessa del provvedimento che alcuni auspicano diventi, almeno in parte, disegno di legge. Il testo è stato asciugato e svuotato di diverse norme, tra cui quella sulla non autosufficienza, la tassa sulle bibite e la distanza delle slot machine dalle scuole, mentre sono rimaste, con delle modifiche, quelle su cure primarie, governo clinico, responsabilità professionale e intramoenia. Saltano le norme più contestate, dunque: la tassa sulle bibite e la distanza dei giochi d’azzardo dalle scuole. Su questo punto, però, verrà introdotta una normativa più stringente per la pubblicità dei giochi finalizzati alla riscossione di denaro. 

Archivi