Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

economia

Dato peggiore delle previsioni.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Usa: fiducia consumatori Michigan in calo a 75,7 ad aprile

Notizie del italia,
economia,
notizie italia,

Quotidiani

Il Denaro,
Il Fatto Quotidiano,
Libero Quotidiano

Non serve attendere di liberare da lacci e laccioli il nostro sistema economico per attuare lo sviluppo, è necessario piuttosto individuare i settori ove gli investimenti potranno portare il massimo incremento al fatturato Italia (Pil) e conseguentemente alla crescita dell’occupazione. Monti purtroppo ha usato due pesi e due misure in quanto si è fatto intimorire da Fondazioni, Partiti, Sindacati e Città del Vaticano, graziando le loro immense fortune dal prelievo Imu; un intervento riparatore è necessario. Come è necessario che il Governo intervenga autonomamente per azzerare i rimborsi elettorali, non si può accettare di chiedere enormi sacrifici a tutti e poi consentire ad alcuni soggetti privilegiati di utilizzare privatamente risorse pubbliche senza obbligo di rendicontazione e senza il rispetto delle norme fiscali. Se occorre trovare le risorse per lo sviluppo anche le istituzioni devono fare sacrifici. Per rimettere in moto la nostra economia bisogna varare, e subito, una legislazione di incentivi molto articolata. Ricordo una visita a Roma in cui l’economista Thurow disse: ”Fai qualchecosa, non stare seduto senza far niente!” erano i terribili anni ’70 poi superati. Nell’attuale situazione, bisogna coinvolgere soprattutto i capitali dei privati, in quanto, molti business attendono di essere raccolti nei comparti dei settori del turismo e delle infrastrutture urbane e nel manifatturiero avanzato. L’attività del turismo darebbe ulteriori incrementi al Pil se destagionalizzata, il settore deve poter lavorare tutto l’anno, un intervento legislativo sarebbe utile per finanziare fusioni e concentrazioni tra alberghi piccoli ed operatori del settore della salute (saune, massaggi, fanghi, diete personalizzate, sport, ecc.). La copertura finanziaria potrebbe avvenire da emissioni di prestiti obbligazionari erogati da banche specializzate nel campo; il governo potrebbe utilizzare le proprie risorse per le agevolazioni fiscali sulle fusioni, sul tasso dei prestiti, sulle agevolazioni IRES triennali, ecc.; riduzioni fiscali potrebbero anche essere applicate, nella stagione morta, alle tariffe di luce, gas, imu, ecc. Le agevolazioni sulle concentrazioni dovrebbero essere estese soprattutto ai settori minacciati dalla competizione europea. Progetti rilevanti, con l’aiuto finanziario dei privati, potrebbero altresì sorgere nelle numerose aree industriali dismesse nelle più belle zone di mare del meridione, realizzando porti turistici, officine meccaniche, capannoni di rimessaggio, parcheggi, alberghi autostrade telematiche ed autostrade reali per collegare queste grandi aree con le tangenziali e metrò delle grandi città dei d’intorni. Anche in questo caso le risorse finanziarie potrebbero venire dalle emissioni di obbligazioni bancarie finalizzate ai singoli progetti e collocate sul mercato con la garanzia dello Stato o delle Regioni. Così si distoglierebbero le banche dal lucro sul trading finanziario, che mortifica ed allontana il risparmio degli italiani, per riportarle nella sana economia reale, la sola, che può produrre ricchezza per le generazioni future. Una volta realizzati i progetti, le obbligazioni potrebbero contenere una o più opzioni, per essere convertite in azioni, per acquistare ad esempio un posto barca, o altri beni reali. I Comuni potrebbero, a loro volta, diventare attori dello sviluppo proponendo alle loro collettività progetti per il recupero dei centri antichi specialmente delle città che hanno moltissimi vani non abitati, che hanno bisogno di riqualificazione urbana, di ricostruzione di fabbricati fatiscenti, di campi sportivi, palestre, parcheggi sotterranei, ecc. tutti progetti da affidare a privati con risorse raccolte dal pubblico risparmio offrendo ai risparmiatori la conversione dei loro titoli in società delle varie attività menzionate che potrebbero avere ritorni economici interessanti. In questi casi andrebbe studiato per legge un efficace sistema di controlli con pene severe. Considerato il periodo di pesante recessione, sarebbe anche il momento di indurre le banche ad assumere partecipazioni nelle imprese per alleviare il pesante indebitamento esistente in molti settori fondamentali per la nostra economia. La finanza italiana trasformandosi in home banking potrebbe consentire alle imprese di correggere le strategie e trovare spazi di nuovo sviluppo, coprire i fabbisogni di investimento per le ristrutturazioni ed i rinnovi.

I numeri: coltivare la cannabis è capace di iniettare nell’economia locale 550mila euro all’anno, creando circa 40 nuovi posti di lavoro. E così Rasquera, villaggio rurale della Catalogna, ha detto sì alla…

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Dalla Spagna: marijuana anti-crisi per risanare i conti disastrati

L’ex ministro dell’Economia era a conoscenza, insieme all’ex leader della Lega, degli investimenti dei fondi della Lega all’estero, inclusi in Tanzania. E diceva: “fate bene a diversificare perchè tra due mesi l’euro salta”.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Scandalo Lega, spunta il nome del "complice": Tremonti

Il documento è sicuramente di alto livello, dal mio punto di vista difetta di aggancio al fenomeno, ben più grave del passato, della deindustrializzazione. I settori messi sotto la lente dell’articolo sono spesso, quantunque di effetto come la vocazione turistica, marginali ai fini dell’economia di Regioni ormai da mezzo secolo votate al Manifatturiero con specifiche eccellenze che si stanno smobilitando. La velocità e la aggressività dei fenomeni di erosione attuali non sono né paragonabili né riconducibili a fatti del 1979, ne sono purtroppo l’effetto e gli acceleratori sono tutti legati all’ultimo decennio nel quale aldilà del contesto ( per alcuni versi meno cruento che in altre regioni del Nord dove il fenomeno malavitoso pesa maggiormente sulla economia) ha avuto preponderanza la nuova politica di esclusione del Sud a favore del Nord. La questione meridionale deve essere affrontata senza il timore di apparire di parte. Lo sviluppo delle infrastrutture è uno degli indicatori forti della valutazione delle società di Rating ne è un esempio per il quale è facile vedere che lo Stato Italiano ( che aveva il dovere di non discriminare) ha fatto grandi progressi e razionalizzato una rete il cui anello si chiude poco dopo il Garigliano. Il sud non è comunicante nemmeno tra le due sponde. La conseguenza ? ieri di ritorno dalla presentazione di AMC alla Camera dei deputati del VI rapporto sulla classe Dirigente, ho preso il treno AV proveniente da Milano; a Napoli è sceso un esercito di Giovani, con valige moderne e porta computer, che tornavano a casa per la Pasqua. Sarebbe stata interessante una foto degli anni 70’ – 80’ da confrontare per capire la differenza e comprendere il dramma della perdita di talenti e di competenze avvenuta nel ventennio del Craxi- Berlusconismo.
Auguri a Voi tutti per una serena Pasqua con i vostri cari
G.B.

Pesano la crescente attenzione sui rendimenti dei bond, i rischi legati alla possibilità di un “atterraggio duro” dell’economia in Cina e nessun segnale di nuovi stimoli monetari da parte della Fed negli Usa.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Wall Street accelera al ribasso, fa da volano il ribasso in Europa

”La mancanza di occupazione deriva da una scarsa capacita’ dell’economia di reagire, bisogna intervenire li’. Ecco perche”
chiediamo di fare un patto nazionale su fisco e crescita: noi, il governo centrale, i governi locali, le parti sociali e i partiti”. Lo afferma il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, in un’intervista al Gr Rai. ”E’ il momento di impegnarsi di piu’, se continuiamo in questo modo assisteremo a un crollo dell’occupazione ancora piu’ grave di quello che abbiamo avuto finora”, aggiunge.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

In calo il processo di ripresa del mercato del lavoro nella più grande economia al mondo. Cautela degli investitori in attesa di maggiori dati. Nikkei (-1,15%), Seul (-1,51%), Singapore (-0,81%). Euro a $1,3066.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Azionario Asia: reazione negativa ai dati lavoro Usa

Archivi