Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Egitto

Il nuovo presidente e’ dovuto scappare dopo che manifestanti hanno sfondato il cordone della polizia. Sparati lacrimogeni. Feriti e intossicati. Non dovremmo tutti dirci egiziani, anche noi codardi italiani che subiamo dittature soft senza battere ciglio?

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Egitto: Morsi asserragliato dalla folla lascia il Palazzo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Le proteste di piazza contro il presidente egiziano Mohammed Morsi continuano a essere sempre più forti dopo il nuovo decreto costituzionale e la ratifica lampo della stesura finale della costituzione che andrà a referendum il 15 dicembre. E per la terza volta in una settimana, piazza Tahrir ha visto un’affluenza record. Oggi, però, le manifestazioni sono arrivate sino al palazzo presidenziale, nel quartiere cairota di Heliopolis, dove decine di migliaia di persone si sono radunate dal primo pomeriggio per gridare il dissenso verso il tentativo di Morsi di accentrare ulteriormente il potere nelle sue mani. Una protesta pacifica che ha visto ripetersi gli slogan della rivoluzione rivisitati in chiave anti Fratelli musulmani.

 

In Egitto la tensione ormai è salita alle stelle. La polizia ha sparato lacrimogeni sui manifestanti davanti al palazzo del presidente egiziano Mohamed Morsi mentre tentavano di scavalcare le barriere in filo spinato. Alcune persone sono rimaste intossicati dai gas. Il presidente egiziano Morsi, valutando la situazione come rischiosa, ha lasciato il palazzo presidenziale dopo che manifestanti hanno sfondato il cordone della polizia. “Il presidente ha lasciato il palazzo”, ha detto una fonte presidenziale, che non ha voluto essere identificata. Anche una fonte della sicurezza ha detto che il presidente ha lasciato l’edificio. Alcuni manifestanti hanno sfondato il cordone della polizia che stava proteggendo il palazzo e sono arrivati a protestare sotto le mura del palazzo. Insomma Morsi sarebbe fuggito in un luogo più sicuro. Le forze di sicurezza si sono ritirate dal perimetro esterno del palazzo presidenziale di Mohamed Morsi dove si sono radunate decine di migliaia di manifestanti. Lo riferisce la tv di stato egiziana. ”Il popolo vuole la caduta del regime”, “vattene“, “Sei tu che te ne devi andare , noi restiamo”,  hanno gridato i manifestanti. In movimento varie marce organizzate dal Fronte di salvezza nazionale per protestare contro il decreto presidenziale di Morsi e la costituzione approvata quattro giorni fa. Morsi ha intanto presieduto una riunione al palazzo presidenziale di Ittahadeya in vista del referendum costituzionale del 15 dicembre. 

 

Il gioco non ha pagato e nonostante il timore di brogli – l’annuncio dei risultati è stato rinviato per due volte – i militari alla fine sono stati costretti ad ammettere la sconfitta. Mohamed Morsi è il nuovo presidente dell’Egitto. Così dopo aver vinto le elezioni parlamentari – anche se il parlamento al momento è sciolto dopo la sentenza della corte costituzionale che ha annullato l’esclusione dei candidati legati al vecchio regime – i Fratelli Musulmani conquistano anche la presidenza dell’Egitto. All’annuncio della tanto agognata vittoria, ci sono state scene di esultanza in piazza Tahrir dove da tre giorni i militanti della Fratellanza sono accampati per protestare contro i due decreti emessi pochi giorni fa dai militari per sciogliere il parlamento e limitare i poteri del nuovo presidente.

Archivi