Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

feriti

E’ di 127 morti accertati il   bilancio dei morti del tifone Bopha che ha colpito le Filippine   meridionali, ma i dispersi sono più di 200 e si teme che il numero   delle vittime possa drammaticamente salire. Lo riferiscono le   autorità locali.   Il tifone Bopha, che ha travolto ieri l’isola di Mindanao con   violente piogge e raffiche di vento, è considerato la tempesta più   forte ad aver colpito quest’anno le Filippine. Diverse aree dell’isola  sono rimaste isolate, senza comunicazioni ed elettricità, mentre più  di 120mila persone hanno abbandonato le loro case. Lorenzo Balbin,  sindaco di New Bataan nella valle di Compostela, ha riferito che nella  sua città sono stati rinvenuti 66 morti ma vi sono 230 dispers

Oggi pubblico la parte iniziale del mio saggio che esce nel libro collettivo «Piazza Fontana 43 anni dopo», Mimesis edizioni.

Il lato ‘oscuro’ del potere

C’è una frattura nella società italiana che non si è ancora ricomposta. E pensare che sono passati 43 anni. La cosiddetta frattura data infatti dal 1969. Quell’anno, segnato da una sequenza impressionante di attentati piccoli e grandi, ha il suo drammatico epilogo il 12 dicembre 1969.

Bombe a Milano: alla Banca Nazionale dell’Agricoltura (17 morti e quasi cento feriti) e una bomba inesplosa alla Banca Commerciale Italiana di piazza alla Scala.
Bombe a Roma: alla Banca Nazionale del Lavoro in via Veneto (14 feriti) e all’Altare della Patria, in piazza Venezia (quattro feriti).

La “rivoluzione dei gelsomini” a Siliana, nella Tunisia sudoccidentale, non pare mai arrivata, e non solo per la crisi economica. Circa 300 persone sono rimaste ferite a causa dell’uso eccessivo della forza da parte della polizia, nelle manifestazioni convocate dall’Unione generale dei lavoratori tunisini, manifestazioni che dal 27 novembre al 1° dicembre hanno attraversato e bloccato la città.

I manifestanti, che chiedevano le dimissioni del governatore locale, un piano di sviluppo economico e il rilascio di 13 dimostranti arrestati nel corso delle proteste dell’aprile 2011 e mai processati, sono stati affrontati dalle forze di polizia con gas lacrimogeni e armi da fuoco.

Lo denunciavano da tempo molti cittadini. Alcuni di loro già feriti. Come Ester Quintana che, alla manifestazione dello scorso 14 novembre a Barcellona, ci ha perfino rimesso un occhio. Durante le cariche dei Mossos d’esquadra è stata colpita da una pallottola di gomma che le ha spezzato il nervo ottico, come racconta in un video al quotidiano El País. Ma la polizia iberica ha sempre smentito. Adesso però, per la prima volta, l’accusa è arrivata dagli stessi membri delle forze dell’ordine. “Se continuate così rischiamo di essere tacciati come polizia franchista”, hanno detto. Il sindacato unificato della polizia spagnola (Sup) ha infatti mandato una dura lettera di denuncia al ministro degli Interni (qui), Jorge Fernández Díaz. Tutto dopo l’ennesimo incidente. Stavolta nel corso di un allenamento nel centro militare di Linares, in Andalusia.

Il maltempo sconvolge l’acciaieria: crolli, danni e almeno 20 feriti. L’azienda: gravi danni all’impianto, evacuato. Traffico in tilt, lavoratore travolto da un gru. Mobilitati mezzi di soccorso. Intanto dal governo arriva il decreto per garantire la ripartenza.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Ilva: tromba d'aria, un morto e rischio di scoppio

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Una violenta ondata di maltempo si è abbattuta su Taranto e una tromba d’aria ha causato il crollo del camino delle batterie 1 e 2 dello stabilimento Ilva, reparto cokerie. Sono caduti diversi quintali di cemento e vi sono alcuni feriti. La direzione ha disposto immediatamente l’evacuazione dello stabilimento. A causa del crollo di un camino delle cokerie, potrebbe essere compromessa la sicurezza degli altri impianti, e pertanto sono al lavoro anche le squadre di soccorritori. Sul posto ci sono diverse ambulanze, mezzi dei vigili del fuoco, carabinieri e polizia.

Violata la tregua annunciata mercoledì sera al Cairo. Un palestinese è stato ucciso dal fuoco di militari israeliani nel Sud della striscia di Gaza. Nell’incidente altri venti palestinesi sono rimasti feriti. Secondo le prime informazioni l’incidente è avvenuto nella zona agricola di al-Qarara, presso Khan Yunes, quando un gruppo di persone ha cercato di raggiungere appezzamenti di terra vicini alle linee di demarcazione con Israele. A seguito dei disordini i militari, secondo una fonte dell’esercito di Tel Aviv, hanno ”sparato inaria” colpi di avvertimento. 

Intanto, il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che potrebbe recarsi “a sorpresa” a Gaza. Lo ha riferito il sito web del quotidiano Today’s Zaman. “Potrei andare inaspettamente”, ha spiegato Erdogan ai giornalisti sull’aereo che da Islamabad, dove ha partecipato al summit del D-8, lo ha riportato ad Ankara


pubblicato da Libero Quotidiano

Texas, maxi incidente stradale: 35 feriti e 50 veicoli coinvolti

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Caschi infilati e volti coperti alcuni tifosi della Lazio ieri notte, intorno all’una, sono entrati in un pub di Roma e hanno aggredito un gruppo di supporter inglesi del Tottenham che si trovavano all’interno di un locale in piazza Campo de’ Fiori. Gli stranieri, una decina nella Capitale per vedere la partita prevista stasera per la coppa di Europa League, sono finiti in ospedale: uno di loro è stato ricoverato in gravi condizioni e dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico. Gli altri feriti sono stati medicati, negli ospedali Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina e del San Camillo, e dimessi con prognosi che vanno dai sette e venti giorni.  La polizia, arrivata sul posto con diverse volanti, ha fermato alcuni italiani che potrebbero essere coinvolti nella rissa.

Doveva essere la prima notte di tregua, ma per Gaza è stata la notte di bombardamenti più pesanti dall’inizio dell’operazione israeliana ‘Colonna di nuvola‘, otto giorni fa. Fonti mediche hanno aggiornato nelle ultime ore il bilancio delle vittime a 139. Il numero dei feriti invece supera il migliaio. Le vittime israeliane sono cinque. Secondo Foad Aodi, presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e del Co-mai (Comunità del mondo arabo in Italia), in costante collegamento telefonico con il direttore generale della Mezzaluna rossa palestinese, Kalad Gjwda: “La situazione sanitaria e umanitaria è drammatica. Manca di tutto: sacche di sangue, farmaci, attrezzature mediche. Ma, soprattutto, non c’è elettricità sufficiente per garantire gli interventi chirurgici”. Aodi si rivolge quindi al ministro degli Affari Esteri, Giulio Maria Terzi di Sant’Agata, affinché attivi “un corridoio sanitario per curare i feriti e consentire a medici e infermieri che rispondono al nostro invito di recarsi sul posto”.

Archivi