Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

fiducia

Il governo ricorre alla sua 47esima fiducia per far votare al Senato la disposizione che taglia i costi della politica. Approvati i tagli al numero e agli emolumenti dei consiglieri regionali. Che fine fanno i vitalizi?

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Gli sprechi della Casta: ecco cosa cambierà con il decreto

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

C’ero anch’io, alla festa del “Fatto” di Marina di Pietrasanta, domenica scorsa. E non fra le seimila persone assiepate sotto e intorno al palco. Proprio sul palco. Insieme con Antonio Ingroia, Nino Di Matteo, Marco Travaglio e Marco Lillo. Per assistere e partecipare – dall’inizio alla fine – all’iniziativa organizzata in occasione della consegna di oltre 150mila firme di cittadini raccolte dal “Fatto” per solidarietà verso i magistrati della Procura di Palermo. Posso quindi dire – serenamente – che le reazioni del collega Rodolfo Sabelli, presidente dell’Associazione nazionale magistrati (Anm), mi sono sembrate decisamente sopra le righe. Sostiene Sabelli che la legittimazione della magistratura si fonda sulla fiducia e non sulla ricerca del consenso della piazza. Vero. Ma a Marina di Pietrasanta i magistrati di Palermo si sono limitati a prendere atto che un numero enorme di cittadini voleva esprimere loro proprio e solo fiducia.

“Alcuni parlamentari hanno anche votato platealmente al posto di altri colleghi, svilendo ulteriormente il ruolo delle istituzioni, ma è evidente che la maggioranza non esiste e i pianisti stanno solo suonando il ‘de profundis’ di un’esperienza fallimentare”. L’Italia dei valori, per bocca del loro capogruppo Felice Belisario, ha accusato il governo di aver tentato di votare al Senato la convenzione per la protezione delle Alpi, sebbene mancasse il numero legale. La denuncia del partito di Di Pietro è correlata da alcune immagini, dove sono ritratti due onorevoli che nella foto sembrano “allungare le mani” verso gli scranni di loro colleghi.

L’indice Thomson Reuters/University of Michigan sul sentiment della fiducia di luglio degli americani e’ in calo a 72 da 73.2 del mese precedente. Gli economisti avevano stimato una lettura di 73.5.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Usa: fiducia consumatori Reuters/Michigan in calo a 72

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Si conclude a Unicredit, Gafi Sud e Compagnia delle Opere all’unisono: “Più fiducia alle imprese in credito con la Pubblica amministrazione”. E’ quanto emerso nel corso del workshop su “Banche e imprese: un dialogo possibile” nell’ambito di Expandere with matching, organizzato dalla Compagnia delle Opere con la partecipazione di Gafi Sud e Unicredit.
All’incontro prendono parte il presidente di Gafi Sud Rosario Caputo, il responsabile del Territorio Centro-Sud di Unicredit Felice Delle Femine, il numero uno di Compagnia delle Opere Campania Salvatore Del Monaco e il vice presidente della Camera Maurizio Lupi.
“Sostenere le imprese che vantano crediti verso la Pubblica amministrazione – sostiene il presidente di Gafi Sud – è la sfida che Confidi e banche, con il sostegno delle istituzioni, devono assolutamente affrontare e vincere per dare una boccata di ossigeno a un sistema ormai collassato. I Confidi con il loro know-how – osserva – permettono di ampliare l’accesso al credito in una situazione in cui la liquidità diminuisce e le garanzie personali si depauperano, grazie a una profonda conoscenza del territorio. Il nostro supporto può solo permettere il rilancio del sistema economico”.
Risponde il vice presidente della Camera invitato al workshop: “Misureremo il Governo su questi temi: finanziamenti alle piccole e medie imprese, pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione verso le Pmi, sburocratizzazione e semplificazione amministrativa. Le imprese senza il supporto della finanza – chiosa Lupi – non vanno da nessuna parte. La finanza che è la principale causa di questa crisi, deve prendere coscienza di ciò e tornare ad essere al servizio dell’impresa reale”.
Infine Caputo chiede a Lupi di farsi promotore con il Governo affinché venga incrementato il Fondo nazionale di garanzia a sostegno delle piccole e medie imprese.
G. S.

Il presidente della Repubblica sprona gli italiani a essere ottimisti. L’atteggiamento personale gioca un ruolo fondamentale in un momento in cui consumi, investimenti e spesa sono stagnanti

Il presidente Napolitano ci esorta ad avere fiducia in noi stessi e negli altri. E nei mesi scorsi ha sottolineato l’importanza della credibilità. Essere credibili per ispirare fiducia, verrebbe ora da dire. Si tratta certo di aspetti fondamentali della convivenza civile e della stessa sopravvivenza quotidiana.
Mi nutro, ad esempio, grazie alla fiducia riposta nel fornaio o nel fruttivendolo. Ma si potrebbe andare ancora più alla radice e cogliere in una sorta di patologia o di deficit della fiducia uno dei tratti che caratterizzano addirittura i disturbi psichiatrici.
Il paziente psicotico si sente sovente minacciato o perseguitato da “voci” o da “complotti”, che esprimono proprio il venir meno della fiducia nel prossimo. È lo scacco dell’intersoggettività; la mancanza di un orizzonte condiviso con l’altro.
Lo psicopatologo e filosofo tedesco Wolfgang Blankenburg si è spinto oltre, individuando nella “perdita dell’evidenza naturale” il fenomeno peculiare della psicosi schizofrenica, almeno in alcune sue forme. Ciò che in genere si dà in maniera spontanea ed è accolto come ovvio, precedendo qualsiasi discorso e qualsiasi pensiero, viene vissuto come strano ed estraneo, divenendo oggetto di riflessione o caricandosi di incertezza e di indeterminazione.
Nulla è più scontato. Viene meno, appunto, l’evidenza naturale, quella che normalmente ci permette di non soffermarci troppo su ogni particolare e di mettere in parentesi tanti dubbi e tanti interrogativi. Detto altrimenti, si perde quella confidenza e quell’intimità col mondo grazie alle quali lo sentiamo familiare. E, come noto, il disturbo psichiatrico, specie quello grave, comporta anche una patologia della libertà: il ridursi dei margini e delle possibilità di scelta, a motivo di una divorante angoscia.
L’esortazione del Capo dello Stato, dunque, si sporge sul terreno di ciò che caratterizza gli umani, superando l’ambito delle istituzioni e del loro rapporto con i cittadini. La fiducia e la diffidenza condizionano l’equilibrio dei singoli e il loro libero associarsi, regolano i conflitti e le tensioni e orientano i popoli verso la pace o la guerra.

Il premier e i suoi ministro perdono consensi. Da un sondaggio realizzatoda Ipr marketing per Repubblica.it,  emerge che la fiducia al premier è in netto calo: la sua fiducia passa dal 55% di fiducia al 51%. Il punto è  che Silvio Berlusconi nel primo anno del suo mandato era stato sistematicamente sopra questa soglia. E non poteva godere, come invece il senatore a vita, su una grossa coalizione in Parlamento, un sostegno trasversale a tutti i partiti politici, della sospensione temporanea del bipolarismo. E nemmeno il Cavaliere aveva dalla sua il favore di tutta la stampa. Ma va decisamente peggio ai ministri di Monti se confrontati con il gradimento che avevano quelli di Berlusconi: il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, aveva un indice di fiducia del 57%; oggi la sua successora, Anna Maria Cancellieri, si ferma al 53%. Dietro il leghista, al secondo posto, ad ottobre c’era Maurizio Sacconi, ministro del Welfare. Il forzista godeva della fiducia del 51% degli italiani; oggi Elsa Fornero, in picchiata, si ferma al 42. 

Leggi l’articolo integrale di Paolo Emilio Russo su Libero in edicola oggi venerdì 27 aprile 

Scende ad aprile la fiducia delle imprese nel settore manifatturiero.L’indice calcolato dall’Istat cala a 89,5, contro il 91,1 registrato amarzo. Si tratta del livello più basso da ottobre 2009.

tovato su: Il Denaro

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Archivi