Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

miliardi

Ristrutturare per ricapitalizzare. Ma a pagare alla fine sono i lavoratori. Succede in Spagna, dove il quarto istituto di credito del Paese, Bankia, ha annunciato il proprio piano di ristrutturazione indispensabile per ricevere una parte dei 37 miliardi di aiuti in arrivo dall’Europa: chiudono 1.000 delle 3.000 agenzie aperte e circa 6.000 lavoratori finiscono a casa. Soddisfazione da parte del Fondo monetario internazionale che in una nota destinata alla Commissione europea ammette “importanti progressi fatti nella gestione della crisi bancaria secondo la tabella di marcia prevista. Ma i passi più importanti devono ancora essere compiuti”.

Ancora segnata dal ricordo dalla bancarotta che la colpì nel 2008, l’Islanda torna a fare i conti con il più tremendo fantasma del passato: la bolla immobiliare. L’ultima minaccia, in ordine di tempo, arriva da Housing Finance Fund (HFF), il principale emittente di mutui del Paese. La banca, che fa i conti con un tasso di default pari al 9,6% sui prestiti concessi nel settore immobiliare, viaggia verso il collasso con il serio rischio di trascinare sul fondo tutti gli investitori che negli ultimi anni l’hanno finanziata acquistando le sue obbligazioni. Lo scorso 5 ottobre, ha riferito Bloomberg, i bond di HFF sono stati classificati ad alto rischio dall’agenzia di rating Moody’s che ha attribuito loro una valutazione di Baa3: appena un gradino al di sopra del livello junk, quello dei titoli spazzatura. Per questo il governo islandese si sta preparando a iniettare al circa 13 miliardi di corone (oltre 100 milioni di dollari) nell’istituto scongiurandone così il fallimento.

L’arrivo sulla scena degli sceriffi del fisco tedesco, che ha di fatto raddoppiato, portandole anche oltre confine, le inchieste per evasione fiscale a carico della gestione di Unicredit da parte di Alessandro Profumo, arriva in un momento piuttosto delicato per il banchiere genovese. E non solo perché proprio nei giorni scorsi si è aperto il processo per il caso Brontos, quello per cui Unicredit la scorsa estate ha raggiunto un accordo transattivo da 246 milioni di euro. La vicenda, infatti, è venuta alla luce proprio mentre il ministro del Tesoro, Vittorio Grilli e il premier Mario Monti, a Bruxelles stanno trattando sul filo del tempo per avere entro fine anno il via libera agli aiuti di Stato da dare al Monte Paschi di Siena, banca sull’orlo del collasso di cui Profumo è diventato presidente la scorsa primavera. 

I mercati iniziano a capire che la questione del precipizio fiscale da $607 miliardi è gestibile. Pil III trimestre cresce oltre le attese, ma il dato mette in risalto il peggioramento dei consumi. VIDEO: IL VERO STATO DELL’ECONOMIA USA

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Wall Street su, ottime notizie da mercato del mattone

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’accordo per l’ennesimo salvataggio della Grecia raggiunto dall’Eurogruppo martedì notte sfida apertamente le leggi dell’economia, della sociologia e della matematica. La fantasia al potere, noto slogan del ’68, ha trovato la sua concretizzazione nei fantasiosi piani finanziari elaborati dagli euroburocrati.

Il debito Greco, oramai arrivato al 190% del PIL dovrebbe scendere al 110% entro il 2023, questo obiettivo non sarò raggiunto attraverso una cancellazione del 50% dei debiti verso gli altri paesi europei, come proponeva il FMI e l’Olanda, ma attraverso una serie di piccole misure che comprendono: l’abbassamento di 1% dei tassi sui prestiti ricevuti dagli altri Stati (dal 1,50% allo 0,50%), l’allungamento del debito di 15 anni, un periodo di non pagamento interessi di 10 anni.

Mercoledì mattina qualcuno voleva acquistare 4,3 miliardi di contratti warrant, un ordine pari a 131 volte il Pil della Svezia. Immediatamente bloccate le negoziazioni. Le autorita’ indagano.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Borsa Svezia: chi c'è dietro ordine monstre da $69 trilioni?

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Osservato il più massiccio buco nero mai visto finora: ha una massa pari a 17 miliardi di volte quella del Sole e si trova nella galassia NGC 1277. Il buco nero scoperto costituisce oltre il 14 per cento della sua galassia, rispetto all’usuale 0,1 per cento. Lo studio della University of Texas di Austin è stato pubblicato sulla rivista ‘Nature’.

Il settore accelera di quasi il 3% a Piazza Affari: nuova dimostrazione di quanto i mercati siano distaccati dalla realta’. In un mese depositi -26,4 miliardi a quota 1.441 miliardi. I gruppi fanno fatica a finanziarsi e il governo non centrera’ gli obiettivi di bilancio.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Banche corrono in borsa, ma depositi calati 26,4 miliardi

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

L’Italia non riuscirà a conseguire gli obiettivi di riduzione del deficit pubblico all’1,7% del Pil nel 2012 e allo 0,5% nel 2013, e rischia di registrare un disavanzo del 2,5% e dell’1,3% del Pil. “La medicina sta uccidendo il malato“, denuncia l’Osservatorio francese delle congiunture economiche. (Foto: a destra direttore Xavier Timbeau).

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Economisti: Italia, serve manovra da 20 miliardi

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Si buttano 500 miliardi dalla finestra e si chiudono gli ospedali migliori.

Corradino Mineo racconta che in Italia i prezzi dei servizi sanitari sono variabili. Una siringa può costare 60 centesimi, ma anche 2 euro. Un pasto in ospedale 9 euro, ma anche 50 (!!!!). E intanto a Torino chiudono l’Ospedale Valdese, una struttura d’eccellenza (vedi sotto*). Vuol dire che ci pigliano per il culo. Piangono che non ci sono più soldi ma intanto non smettono di tenere in piedi i carrozzoni di clientes e corrotti.
A onor del vero Monti ci ha provato. È stata varata una legge che impone l’uniformazione dei prezzi d’acquisto per prodotti e servizi ma in realtà c’è una cosca mafiosa, fatta di politici, di affaristi, di manager pubblici e di primari che rema contro.

Archivi