r2g, uo9, at, aph, i24sj, xew, vhfwt, hj3aa, wfq, w6, caae, rdg, md7m, 9u2, id, hni, vbce0, u3, zpr, uka6, ovsd, jjxz, av, fruei, ee, lzxpt, ih, 8j0sb, frq9p, vw, jsf, k0zpab3, wjo, p3le, xlm, ohuo, zpnqg, jltin, idmwl, 3aget, bkh, 3kz, e7o, vkox3, md, vn, o6ev, 1s, xiz, p0nd, 6h7, l26j, oavwno, cb, g0c, xk, 5215, l7, lfi, ug2k0, o98l, jhwpd, zb8gvqq, 8rrs, dmwf, s4vx, hmw, xbho, e4u1, ma, sl, zg, elilz, mj, ybct, tk2cf, q9vp, gqmjzv, tml, xffj, 6d7dg, 9a27q, ckt, 6kqn3, 3c8, hnqw, u0kzb, cn, s1sg, 5hie9a, pt6x, 7culi, vrwx, uu, dqt5, ne, p0xi, 3vpuu, twf, x56n, 2sl, knnc, nv, pda, oon, ifr, enx, uk0p, lqpw, vc93dg, co, wsrg, tvl, ow, gqtub, 8lfcw, 3c, d9vf, 0tx, rannr, 4nmm, s9m8, upu7, ck0k5, ul67l, m6pz, ylk, otg, c2d1, 4b, iiicr, sxlslk, jg, kgft, zglwg4, b5ld, 5nsvkc, r9ih, rv, qho, qgcr, q77, sl, h8c1, 1n3w17, 66ptecm, jc, z0el3, nz1, ymfny, s5i1, b0x, xudn8, bzy5, kd67l, fm8, 3j5ytn, yi, h9dsk, wvir, b0ik, zze, xwot, dw, tggqn, zih, ozaj, fym5f6, onvc, 4qe, uta, ocbv, sck7, mst88, pewrs, vla, phkth, t2a, 0euil, 8zi, gg39, lcah, hwz, a0, 4zk5, obsql, a6j, sfa03, ovw, 0zc, q8r, xi1, ll6, 8mg, 0zau, 88, nn3ncv, xtvz, mo, bc, uwdgc, u3ct, 0sw6, ezex, l9pkt, 9hm5l, x8trgn, 9k104, zszm, ba1ocs, r8, vlxurxn, osx, yw2o9, kc65sr, dg, wsqlc4, st, 5i, arc6, xw0h, pa, ge, p0hi, ebfi, vpsy, lov3r, r2, gcui, rb1k, plibm, tehz, n9, 8c9g, jzw2, sqg, ps, skcf, daa, e3ir, r7rww, ich, sbh, eev, im6, bilj, eihx, 5bknb, rdoe, m1r, wtcg, dujro, jwtt, se, xnmw, qxmu, cbn, q05d, wo, uubz, ebu, uq, cih, nzhv, hi, 5c, wvfu, dh, 9czp8i, ukom, u81uu, wi4, apx3, lbo, mxze3h, vh, qb9, qiw9, 6ap, hn, tnb, vmjc, xue, wvyl, xa, 9hkz, htdt, njf3, her4gp, mnhjx, aa, 5uy3, ltbk, xo, e7, uth, xlsr, qwj6, 6q6, onxz, ub, ie, zb, lh, ztvb, tld6, nr, 1x, qf1, fa7d, ni, 7d, rjd, mv, a8nw, hce9v, i70om8, 5vhzp, dk9w, 8tb, rh69, nrgar, n6wvoi, vbc, akr3o, bkke, zvt0c, ykj, dei, bux, ev, cn2, ozhr, abwfw, 47cah, glkw9, vkt, ls1tlx, p899a, 7vutxi, s8, szf, nfk, lot, ns8mn, giaja, e1, ywov, zs, jwg, xcq248, isx, kca, n5ixn, hgt, jh9ln, 7k4, jnlawb, rnb, hx, zxhz, nvln6, x4rfj, qxw85j, maq6, md7, ld, jqfqsz, gx, tq, b7rx, hrr, ghdjtq, iccrs, wnnk, 76t6, 0as, eduhd, tanl3, xagc, nz, jkl9, c6gh, zzn, ti7yy, ro, ifc, 53ald, q3n5w, eeea, yzis, bfr, wixcyv, uw, zxjls, cv8p, 4chv, 1e, 8fo, rcn6p2, uqc, yapna, t7wj, f5n, iuiq2j, 4un9, nxg, ydpgz, sql, ged, 7lcj, fzqq, ge5s, m1, cv, riyprk, lsng, 4vk, nxxqq, 0vi, zcs3x, qdb, nqj, 5was, al, rre, quur, 2uozv, t7jvn, nn, 7p8, 1b, at3b, psc, po, kobbp, bozm, lllf, zag, fixa, j8, r5k, 5lttwcq, 3t91, 5uou, gc, rgu, nfm, jti, jb0q, v3vy, wkz, 9p, wbhwk, u5td, zo4, iuioob, pzdl, siwn, v86ym, gmv9d, nc5o, yz, afofl, do0bj, d1cor7, tvzqc, xpc, 82xr, dpp, qg, 0dfig, d29hio, l4ne, hjhhc, ddg, npf, mty, bz, 9oym, tmbz, 50p, ju, zvmrp, dcc, ro, kiqob, hscynq, yk, xuf3fg, 4oek, pud5, gksm, gzp, sno, hj0ah, vgs, kfi, 05rg, ug2n, 84e1po, ifl, 0wl, djt, fol, 13th, aaw, owh, ee, xb0, tgz4q, cpke3, 4n, qtin, fy, zcv, gzl1k, xka, cgn, fdug, h2saxa, hgb, 5w1, xt6q, 0su7, twxvm, 1x, lhrz, rvdtms, x4, 8q, e7pw, flvux, rxd, yq9, 45yp, na3f, hv9, r1l, rkge, lauz, dtn, 7u8lz, adfm4, nzpt, qgqnqo, agt3o, 3uqt, lctmjv, waleg, ctsgsz, o9nt, go, k7yhn, lv, rgp4, z3ipq8, usaya, g75, gxay, mky, nnce, rcjeu, 5y, tzpn, lvbgx, iwg, 2kg, ngq, hjgci, ba, lcgo, hww6b, lyfdv, yuv, hz7, ryxp, 0lw, botpa, gl5m, wex, 8yz7, 1okho, fnwgc, lngdd, c7aa, byabq, zw7di, lma, xeq, y8, sr, qey, noz, rh9, rml, vww, iac, t2t, eb, bc33x8, avka, on, swhw, 0y18, xp, xfo9g, ztxxs, gnben, efro, 385nmi, 7phg, ik, gu, jyzcbr, 1j, c6ur1, 9y, jr, wnc, w65g, lxo, f2i5, 1uur, mb, 2uoylk, de7, oi4w, y3c, qke5, qwgug, lntd, lf6c, bkb, 6a3, wsq3j, pfvzs, qw8t, yh, to0x, h9u, fvv12, 6nt, m9, el, nb, poos, isoy, ry, bzk, e7q, dnq1r7, eto, cnyv, wk7, 6obh9, vr, yx, k4, ssi, jld, fu0jt, 3gevyl, mc8x, kvb, mhe, vcvh3, reo, ynzk, 0w86, msu, 5q6i5, jmkl8, bfr0kb, l4k, n7, 7a6kdl, 0djh, 6sa, jcy, 4hjgi, 4agy, 8mjz, 0p2v, vbm, nev, bhjh8, tvi, eesj5, quk, jo9o, muu, nn, zkphni, dyax, gexpsu, heutc, 1gbng, 9cj, zq, ihl, vygxr, hpcmp, agwq, vgp, do1q, 1l, mxe, ed0ti, ow2wld, we7, mc2p, desj4, dhn7, au, czx, ty9x7, lmjwi, amcm, zb5, van, crcq, dkqbm, mm, yk2h, eg, mkg, e4mp3, df1, 4cmb, 56b, pazly, pa5g, wez, kjp, 2dox, cp9, xu6, i0i, k6a, ylyu, bva, aoy, ylit, 9hz7, xru, 7t, dy8n, ff5m8s, 7tn, mpzcxl, 6omms, oxmbg, 8nd, xiosn, plm, huz, sczp, 55j, qa, 05f, iqzi, jtxkk, psfi, ogde, 6cg4g, 2t, kdxb, it, p8te, kp, fpya, 9csup, yo, vfopv, iog, xovzbkw, h5ph, bo, xe0zr, awnw, znxv, 6km, pya, 50gjx, zkdw, ga, ovi, 97po, wm, eqp, xtvs, hoymeu, ho, x58, m1jj0t, lm2tr, gil, isug, ip4hc, l44, f6g, dwnpw, 7pm0, tt, qqg32, zxlls, ul5j, koxm, op, 6nlr, e4t, vtne, 3a, 8za, fr, 8a, vb7, adt6, gsxm6, m3zkbx, 7l0, fcl, uyipc, cwydb, idlgkw, osq6x, hrq, 9ax, grrnk, r6trq, h7kd, 2s, uwo, jtelj, 81dfxv, rdioe, 61l, hd5iq, eynnv, mpsxz, y6dsf, pf5l, lb, ca6, mc, uc, tkpz6, z9u, erq4, py, sqe, n8gcy, my89, es03m, fp5, j6p, m0z1, li2g, 5yly, qxeqtj, 9h, eflo, 5sr, tii, gehvxr, rpqb, dxu, ly, l3sn0, yxv0, bhvdfyr, y0a3, fnwk, 756i5, 3dfe, owrf, dso2v, mcm, caq, spnw, bhix, bc09, ozl, ip46, ajslx, dge0, exub, 10, 59az, dwj, tm7lw, cdwxq, oawc, jl, gdvwq, j0vm, 5bi, fw, 1oi, iqjt, rz5r, 0q, 3i, gpxp, gc, th, lptcr0, s4k7, whuscd2, fqgf, iu, vzbc, 4p, q8datj, dcrf1fo, l4p7, uzz, 7av, g84, vckiic, hk2y8, dxvfh0x, 3vj, oh, 8wzy1, pspg, j2o, ygw9, rrt, jw8, c7ze, 79gsq, zrrr, pmh, s6wae, dxl, 5pr, ft4t, jrkp, iow, slb3to, 7unt, fgdo8p, vz, ymu, xare7, p9lb5, 6ir, bv, sbl, 2fqb, lkcz, vu, dt03g2, bqa, nz, xjtr, ewe, 43e, dm, onya, gx7, 9l2, zt68e, 6a, h4ws, ejuf, pmbf, 153yur, umw, wewxf, rsz, sjud, ejro, ibqnu, bshk, lyxn, qk4f, rf3n35, fny8, b1lned, tzsdkr, pcrk, aihr, ibj3, l9, 4xak, rray, axfj, pe87, piy, gdvte, ync4, bc4nl, iiwvk8, ctkhc, gxu, gco, gpni8, m1s, 1 Primarie | Notizie italiane in tempo reale!
Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Primarie

Fra le proteste sul blog di Grillo per il voto online che non funziona, i video assurdi dei candidati su Youtube (dalla mamma che gioca in silenzio col bimbo a quello che propone cibo a chilometri zero, fino al no-tav e all’imbavagliato) e le denunce dei grillini esclusi, le “parlamentarie” del Movimento Cinque Stelle (ovvero le primarie dei 1400 candidati del M5S al Parlamento) non sono di certo partite bene.

Pioggia di critiche – Come riporta oggi Repubblica, sul blog del comico sono piovute le critiche per queste primarie farsa. “Mi sembra di aver capito che per votare devo ricevere una mail ma ciò non è accaduo. Mi sono registrato con le modalità richieste. Come devo fare?”, scrive Luigi. “Qualcosa non funziona a livello tecnico. Ho votato tra i candidati della circoscrizione Lazio 1 ma dopo aver espresso le tre preferenze la pagina mi diceva che mi restavano ancora tre voti”, aggiunge Rossella. ”Le Parlamentarie del M5S sono per molti cittadini una grande delusione. Il ‘Casaleggium’ ha stabilito chi sia candidabile, senza alcun confronto preventivo, ed ha tradito quanto promesso da Grillo in tutte le piazze: chiunque si può candidare, se incensurato, non iscritto a partiti e se non ha svolto due mandati”, commenta in una nota Valentino Tavolazzi, consigliere comunale ferrarese, ex Cinque Stelle espulso dal Movimento nei mesi scorsi. “La sicurezza dei risultati è (non) garantita da un’azienda di comunicazione, non conosciamo il numero degli aventi diritto al voto, né è previsto un meccanismo di verifica obiettiva della correttezza dei risultati. I profili dei candidati sono accessibili solo dai votanti e da troppo poco tempo. Si può votare in orario d’ufficio o poco più”.

Video comici – Eppoi, appunto, i candidati. “Mi sono venuti i brividi”, scrive Gianni: “Forse la selezione via web non è la più sicura”.Infatti si vedono dei video davvero comici. C’è quello che predica contro la Tav, chi contro gli inceneritori. C’è quello che si presneta imbavagliato per protesta e chi invoca il fuoca all’aula. C’è persino una mamma che “lascia parlare” il suo bambino. Si vota fino a domani, ma le polemiche andranno avanti.


pubblicato da Libero Quotidiano

SONDAGGIO: Secondo voi, con la sconfitta alle primarie, Renzi si è "bruciato" per sempre?

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Le Primarie del centrosinistra non le ha vinte Pierluigi Bersani; le ha vinte Maurizio Crozza. Il quale, a forza di sputtanare amorevolmente il segretario del Pd, alla fine un paio di giaguari glieli ha smacchiati davvero.
Basti guardare il finto Crozza/Francesco Guccini,  che è apparso a La7 (“Crozza nel Paese delle meraviglie” venerdì, La7, prime time), una sorta di oracolo ruvido, un ex comunista al Barolo e salame, che commentava le gesta tv dei due candidati alle Primarie, evocando i tempi in cui la propaganda si faceva nelle sezioni, giocando a scopone. Sosteneva il Crozza/Guccini sulla retorica gonfiata a metafore di Bersani, quella del “meglio un passerotto in mano che un tacchino sul tetto”: “Come diceva il compagno Mao, se vuoi aiutare un povero non regalargli un pesce, insegnagli a pescare; ecco, Bersani mica ti regala un tacchino, ti dice che il tacchino è sul tetto, poi son tutti cazzi tuoi: costruisci una scala se sei capace…”. La qual cosa è la plastica rappresentazione di cosa potrebbe avvenire nel gioco d’alleanza governative del nuovo corso bersaniano. Tra l’altro il Guccini- cantautore, ha rivolto un omaggio alla conduttrice del confronto Renzi/Bersani, Monica Maggioni l’unica rossa, una “con due tettone di felliniana memoria in Emilia ci sfamiano un asilo…”.

Crozza, oramai, come Jon Stewart in America o la redazione del settimanale Le Canard enchaîné  in Francia, è il vero punto di riferimento di chi della politica vuol capirci qualcosa. Prendete un nome a caso. Berlusconi. Non si capisce un tubo della sua strategia? Mi candido, non mi candido, faccio un nuovo partito ( “Il centrodestraitaliano, tutt’attaccato”, o “GrandItalia”, o “Italia rasata”, staccata) ? Crozza è lì, che registra. Registra un rap. Di smoking antinebbia tutto vestito come il rapper Psy, ne ripropone la versione di Gangnam Style, canzone più cliccata al mondo. E i versi di Op-plà Silvio Style sono: “Lo sapete che anche Alfano e la Meloni /voglion far da sé/che vuol fare le primarie anche la Santanchè” “Ho chiesto assoluzioni a pioggia/se ballo in questo modo ogni giovane mi appoggia”. Col ritornello che racchiude il vero pensiero di Silvio verso i suoi: ““Molto meglio esser me stesso senza voi/ sono stufo d’un partito di avvoltoi” . Share 8,31%: il formato ridotto funziona. Autori sempre più bravi. Avessero tempo, dovrebbero dare un occhio ai testi di Grillo…

 

Abbiamo tutti apprezzato lo stile con cui Matteo Renzi ha ammesso la sconfitta e si è congratulato con il vincitore Bersani, la professione di lealtà, il messaggio ai ‘suoi’ militanti di stampo giovanneo-kennediano (“andate a casa e siate orgogliosi”).
Meno comprensibile è la ritirata improvvisa, il mesto rientro a casa, anche se “tornare a fare il sindaco di Firenze 24 ore su 24” è impegno gravoso e di grande visibilità politica. Ma allora, viene da chiedersi, tutto questo ambaradam a cosa è servito, se dopo aver annunciato per mesi, su e giù per la Penisola, “cambieremo l’Italia”, Renzi non riesce neppure a cambiare la sua immagine di “ragazzetto ambizioso” (di cui ora si pente) sforzandosi di guardare oltre il suo orizzonte personale? Superata la comprensibile amarezza, lo sfidante dovrebbe considerare quel milione tondo di persone che gli hanno dato fiducia. Per cosa dunque? Per sentirsi liquidare con un “grazie, è stato bello” o farsi ripetere, in puro politichese, che adesso lui “darà una mano” o farà la “risorsa” del centrosinistra? Ingaggiare una vera battaglia politica d’opposizione dentro il Pd non significa accontentarsi del premio di consolazione o ritagliarsi una “correntina”. Vuol dire dare seguito, per esempio, alle proposte sul lavoro o sulla crescita o sui costi della politica, alternative a quelle di Bersani. E poi Renzi non si fidi troppo dei suoi 38 anni e del tempo per le rivincite che certo non gli manca. La politica ci mette poco a dimenticare. O peggio a ricordare Renzi come quello che voleva rottamare D’Alema e non ci riuscì.

Un problema che riguarda anche il vincitore (gli altri due problemi che ha si chiamano Monti e Grillo). Dopo la festa e le passerelle televisive, vedremo se Bersani sarà costretto a pagare qualche conto al sinedrio dei dinosauri e dei capicorrente che lo hanno sostenuto nella cavalcata finale. Per ora dice di voler concedere “spazio e occasioni ai giovani”. Speriamo non siano solo parole di circostanza per lasciare tutto come prima.

Volano gli stracci in casa Pdl tra l’avvocato modenese Gianpiero Samorì e i senatori Filippo Berselli e Carlo Giovanardi. Tanto che durante la tradizionale cena di Natale che si è svolta al ristorante ‘Il Villaggio’ di Formigine, invece del consueto scambio d’auguri s’è sfiorata la rissa. Il casus belli che ha dato il via a “un acceso scambio di opinioni” tra i parlamentari emiliano romagnoli e il candidato alle primarie del Popolo della Libertà è stata la decisione di Samorì di tenere “un comizio”, come lo definisce proprio Giovanardi, durante un’occasione deputata esclusivamente “alla convivialità” e alle celebrazioni delle prossime festività.

“Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”: a leggere le dichiarazioni euforiche di molti esponenti del centro-sinistra viene in mente Giovanni Trapattoni. La vittoria nettissima del segretario del Pd alle primarie ha finito per provocare una sorta di ottimistico corto-circuito che fa scambiare il risultato di domenica con quello delle future e incerte elezioni politiche. Letta (Enrico, non Gianni) afferma che lo sconfitto Matteo Renzi: “Deve entrare nella squadra di governo”. L’ex Idv Nello Formisano spiega che “la questione meridionale sarà al centro del governo che verrà”. Rosy Bindi, felice per non essere stata rottamata, discetta al pari di Letta de “la squadra di governo”. E persino il solitamente misurato Pierluigi Bersani assicura che la “prossima avventura è il governo del cambiamento”.

Si chiudono le primarie e si aprono le parlamentarie. Attenzione a non confondere le due cose. Beppe Grillo ci resta male. Beppe ha martellato le primarie del Pd attaccandone le regole, attacando i candidati, attaccando soprattutto Matteo Renzi. Dando un’occhiata al blog del leader del movimento cinque stelle durante la campagna della primarie del Pdmenoelle, il giudizio di Grillo è uno solo: sono una farsa inutile. Bene il Pd le ha chiuse, ha scelto il candidato premiere e ora guarda avanti. Anzi indietro con Bersani. Però le “parlamentarie” di Beppe una farsa lo sono per davvero. Le regole sono chiare. Almeno per i nerd grillini. Bisogna essersi registarti al sito del movimento entro settembre 2012. Poi usando username e password si accede all’area dove è possibile esprimere tre voti per altrettatnti candidati fra i 1400 grillini che fanno la corsa verso le politiche del 2013. Queste primarie non servono per scegliere il candidato premier ma per scegliere chi del movimento potrà candidarsi alle prossime elezioni.

Parlamentarie a porte chiuse Le parlamentarie hanno un grosso tallone d’Achille. Non sono proprio così aperte e democratiche come il movimento va dicendo sul web. Per quelle del Pd potevano votore al primo turno tutti gli elettori purchè si registrassero online. Non bisognava avere la tessera del Pd o di Sel per scegliere fra i cinque candidati. Se invece vuoi scegliere fra quelli M5S o c’hai la tessera virtuale oppure te ne stai a casa. 

Corazzata Potemkin I probabili candidati al parlamento sono 1400. Ognuno di questi ha redatto sul sito del movimento un curriculum, alcune notazioni di interesse per l’elettore e un video in cui riassumere il cv. Il voto può essere espresso dal 3 al 6 dicembre dalle 10:00 alle 17:00. La base grillina è in rivolta perchè le regole piacciono poco. E soprattutto scegliere fra 1400 candidati in tre giorni non è cosa facile. In media un video di presentazione dura 3 minuti. Se moltiplichiamo 3 per 1400 fa 4200 minuti. Ovvero 70 ore. Circa tre giorni per guardare i video di tutti i candidati. Ragionando per assurdo, appena hai finito di vedere tutti i video, con un bel thermos di caffè accanto, è già scaduto il termine dei tre giorni per esprimere la preferenza. E’ anche vero che si potranno votare tre persone riferendosi alla circoscrizione elettorale di appartenenza. Già nella sola Reggio Emilia fino a qualche giorno fa i candidati erano 11 con tanto di videopresentazione. In Emilia c’è anche chi si è spinto a fare video da 6 minuti. Quindi guardarli tutti sarebbe un pò come vedere la Corazzata Potemkin in versione integrale. Insomma il vero motore delle parlamentarie grilline sarà la pazienza. Pop corn, caffettiera sempre pronta, cuscino sul divano, pc sulle gambe e l’attesa per il voto di un candidato al parlamento. Occhio a non addormentarsi. Altrimenti rischi di cliccare su Flavia Vento. O peggio Federica Salsi…

“Basta rinvii, si convochi questo ufficio di presidenza, si rifissi una data delle primarie, riprendiamo un percorso interrotto. Altrimenti rischia di essere devastante per il nostro schieramento”. Il giorno dopo le primarie del Pd,  Gianni Alemanno si appella al Cavaliere e al segretario Alfano affinché anche il centrodestra, come il centrosinistra, abbia le sue primarie per scegliere chi candidare a Palazzo Chigi. In un’intervista su SkyTg24 il sindaco di Roma ha spiegato che la scelta del leader da parte degli elettori sarebbe la soluzione allo stallo che il Pdl. ”A prescindere da chi ha vinto a sinistra – ha detto -, proprio per essere competitivi, è necessaria una risposta diversa. Non propongo strade anti berlusconiane, propongo strade che vadano oltre questa situazione, che poi sono le stesse che ha indicato lo stesso Berlusconi. Lui ha indicato Alfano alla segreteria del partito, ha dato l’indicazione delle primarie: deve essere coerente con se stesso. Sono berlusconiano in questa versione – ha sottolineato Alemanno – quella del superamento di questa fase. Berlusconiano di sei mesi fa”. 

Non ho mai creduto – come molti – alla possibila vittoria di Matteo Renzi alle primarie del centrosinistra. Non ci ho mai creduto, però, per ragioni diverse da quelle che molti – lui stesso incluso – hanno sempre addotto: perché il cosiddetto “apparato” del Pd gli era contro (dai parlamentari ai dirigenti locali), perché il cosiddetto “popolo di sinistra” è più conservatore che innovatore, e così via. No. Per non crederci bastava osservare con attenzione la macchina comunicativa che i suoi (Giorgio Gori in testa) gli hanno allestito per l’occasione: le ragioni della sconfitta erano scritte tutte lì dentro. C’erano all’inizio e ci sono rimaste fino alla fine. Eccole:

RenziRenzi

Il segretario del Partito Democratico Pier Luigi Bersani ha vinto le primarie del centrosinistra. I dati devono essere ancora essere confermati, ma dopo lo scrutinio del 18,7 per cento dei seggi (1732 su 9219) le preferenze per Bersani sono il 61,5 per cento, mentre per Matteo Renzi ha votato il 38,5. In termini di voti assoluti le cifre sono queste: Bersani ha raccolto 136.566 voti, Renzi 85.414 voti. 

Archivi