Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

sede

Sette targhette all’ingresso della sede milanese  di “Io amo l’Italia” di Magdi Allam che promuovono associazioni a lui legate a favore di Israele, identità nazionale e cristianità. Siti che, a quasi un anno di distanza, continuano a non funzionare o, peggio ancora, non sono riconducibili in nessun modo all’eurodeputato (qui la lista). Sembrava che Internet giocasse un ruolo fondamentale per la campagna elettorale: ma i portali ideati ad hoc, nella migliore delle ipotesi, sono contenitori vuoti. 

Un’operazione della Guardia di Finanza è in corso nelle sedi di tutti i gruppi politici regionali del Friuli-Venezia Giulia. Sarebbero in atto sequestri di documentazione contabile. I sequestri – riferisce l’Ansa – sono stati richiesti dalla Procura regionale della Corte dei Conti nell’ambito di un’indagine sulla contabilità dei gruppi. Fonti della Procura della Corte dei Conti, interpellate, hanno riferito che le verifiche riguardano tutti i gruppi regionali . “Partiamo da qualcosa”, hanno indicato le fonti.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Dopo il poliziotto imputato per la manganellata che spaccò quattro denti alla giovane Martina Fabbri, gli scontri del 12 ottobre 2011 tra forze dell’ordine e Indignati davanti alla sede della Banca d’Italia a Bologna portano a nuovi sviluppi sul fronte giudiziario. La Procura del capoluogo emiliano ha infatti inviato 43 avvisi di fine indagine ad altrettanti ragazzi che quel giorno scesero in piazza e fecero anche irruzione alla sede dell’Unep, l’ufficio notificazioni della Corte d’appello.

Tra i 43 indagati per quei tafferugli il nome di spicco è quello di Gianmarco De Pieri, leader del centro sociale Tpo accusato tra le altre cose di aver organizzato una manifestazione non autorizzata.

Vittorio Feltri è scosso. Davanti alla sede de Il Giornale in via Gaetano Negri, a Milano, parla con i giornalisti e dice la sua sul caso Sallusti. Feltri è molto nervoso e non prende bene le domande che gli fanno i cronisti davanti alla sede del quotidiano. Un giornalista gli chiede: “Secondo lei Sallusti è troppo determinato nel voler andare in carceree?”. E  Feltri seccamente risponde: “Ma che domanda è? Se uno sotiene le proprie idee è un pirla? A me lei (riferito al giornalista) mi sembra un pirla!”. Poco dopo un altro cronista gli chiede: “Lei avrebbe fatto scrivere l’agente Betulla (Renato Fraina)?”. E Feltri sbotta: “Che cazzo di domanda è? L’agente Betulla? Certo che l’avrei fatto scrivere. Lei conosce la Costituzione? Se sì sa che ognuno ha il diritto di scrivere quello che vuole”. Poi Feltri afferma anche di aver dato una mano a Sallusti per evitare che finisse in carcere. “Io di consigli ad Alessandro ne ho dati tanti. Quali? sono fatti miei. Cose private fra me e Alessandro. Esiste anche l’amicizia nella vita”. 

GUARDA IL VIDEO CON VITTORIO FELTRI


pubblicato da Libero Quotidiano

Sallusti: la Digos lo arresta nella sede de Il Giornale

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Il direttore del Giornale Alessandro Sallusti ha proposto uno “scambio” alle forze dell’ordine che devono eseguire l’ordine di carcerazione. Su Twitter ha scritto: “Voi non violate la sede de Il Giornale, io mi consegno a San Vittore e poi fate quel che volete”. 

Ha quindi cambiato idea Sallusti che la scorsa notte aveva twittato: “Notte al giornale. Se vogliono mi arrestano qui. Grazie a tutti”. Condannato definitivamente a 14 mesi di carcere per diffamazione, il giudice della sorveglianza di Milano ha dispostogli arresti domiciliari, ma il giornalista li ha rifiutati ribadendo la sua volontà a voler andare in carcere. Nel frattempo alla redazione di via Negri è arrivata anche Daniela Santanchè.

L’altro ieri, nella sede del comitato centrale del Pd, Pier Luigi Bersani ha avuto un incontro a porte chiuse con Riccardo Scamarcio. Il Corriere racconta che a ricevere l’attore c’era Miguel Gotor “il biografo del leader” (Bersani ha anche un biografo). I due non hanno parlato di cinema o televisione, ma di economia: Scamarcio ha illustrato al segretario del Pd una sua teoria monetaria che dovrebbe far uscire l’Italia dalla crisi. Già pronto lo slogan per la campagna elettorale: “Tre metri sotto terra”.


pubblicato da Libero Quotidiano

Dà lezioni di economia a Bersani. Lo slogan è "Tre metri sotto terra"

Notizie del italia, economia, notizie italia

La Santa Sede ha annunciato che Benedetto XVI aprirà tra pochi giorni il proprio profilo. L’ex Presidente del Consiglio pronto a cinguettare la nascita del suo nuovo partito. Foto: il Papa prova un iPad

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

È arrivato il loro momento: anche Ratzinger e Berlusconi su Twitter

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Tre giovani sono stati arrestati dalla polizia di Bologna la scorsa notte dopo aver compiuto un attentato incendiario ai danni della sede di Casapound in via Malvolta. Con una molotov è stata danneggiata una saracinesca. Nelle fasi dell’arrestato due poliziotti della Digos sono rimasti feriti, con ecchimosi e contusioni, con prognosi di 10 e 5 giorni. Uno dei due ha riportato una lesione alla fronte su cui sono stati applicati alcuni punti di sutura.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Proseguono anche oggi i sit-in e i presidi davanti alla sede del Pdl, in via dell’Umiltà a Roma. Le manifestazioni contro l’azzeramento delle primarie sono iniziate ieri, giorno in cui sono scaduti i termini per la presentazione delle firme a sostegno delle candidature. A manifestare affinché le primarie si facciano comunque, nonostante l’intenzione di Silvio Berlusconi di tornare in campo e lanciare una nuova formazione politica, sono innanzitutto alcuni ex An, capitanati da Fabio Rampelli, che spiega: “Il sit-in proseguirà finché il segretario Alfano non confermerà le primarie”. ”La mobilitazione, sullo stesso tema, di altri ambienti del PdL dovrebbe indurre gli osservatori ad apprezzare un’unità di vedute e d’intenti invece che a fantasticare su divaricazioni inesistenti che, oltretutto, quando ci sono state, nessuno ha mai nascosto”.

Archivi