Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

sospetto

Doppio allarme bomba a Torino. Un pacco sospetto, dal quale spuntano alcuni fili elettrici, è stato scoperto nei pressi della stazione Marconi della metropolitana, non lontano dalla stazione ferroviaria di Porta Nuova. Sul posto sono intervenuti gli artificieri della polizia. Per precauzione la stazione è stata chiusa, ma la metropolitana continua a funzionare.

In contemporanea, un secondo pacco sospetto è stato trovato nei pressi del dehors di un bar, in via Silvio Pellico, quartiere di San Salvario, non lontano dalla stazione della metropolitana dov’è stato trovato il primo pacco. Anche in questo caso è in corso l’intervento degli artificieri. Per precauzione l’intera area è stata isolata in attesa delle verifiche della Polizia. I vigili urbani stanno deviando il traffico nelle vie limitrofe. Sul posto anche vigili del fuoco e sanitari del 118.

La busta conteneva una sostanza polverosa. Messaggio di minaccia, ma non e’ antrace. Il 118 sta organizzando il trasporto all’ospedale Spallanzani di sette persone entrate in contatto con il contenuto.

pubblicato da Wallstreet Italia
Link articolo:

Pacco sospetto al ministero Lavoro, 7 in ospedale

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano


pubblicato da Libero Quotidiano

Pacco sospetto al ministero dell'Economia: 7 in ospedale

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Una scatola nera abbandonata, con un’antenna radio, batterie e un led intermittente: è quanto stato ritrovato accanto a un muro ai piedi di una statua a Castel San’Angelo a Roma. Il personale del museo ha evacuato la struttura e sul posto sono intervenuti gli artificieri della polizia per esaminare l’oggetto. L’allarme, però, è subito rientrato dopo che gli agenti della squadra artificieri della questura di Roma hanno terminato l’ispezione ed accertato che si trattava di una finta bomba: nella scatola, di colore nero, è stato trovato infatti un congegno inoffensivo creato con due batterie, dei cavi elettrici e un led di colore rosso.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Un pacco sospetto è stato trovato a Villa Certosa, davanti ad uno degli ingressi secondari della residenza sarda di Silvio Berlusconi. Al suo interno gli artificieri di Sassari e Nuoro hanno rinvenuto petardi e un foglio con minacce all’ex premier. 

La scatola è stata trovata alle 19.30 e il presunto ordigno era stato confezionato con del nastro adesivo. Su un lato la scritta “per Silvio Berlusconi” e al suo interno, fanno sapere gli inquirenti, sono stati ritrovati dei comuni petardi, di quelli legalmente venduti nei negozi, e scritte minacciose contro il Cavaliere. Il pacco era situato nei pressi della villa, sulla strada che dal bivio di Marinella (Golfo Aranci) conduce a Punta Lada. La zona è stata chiusa dalle forze dell’ordine che hanno intensificato i controlli nelle strade adiacenti.

Il consolato Usa a Berlino è stato parzialmente evacuato a causa di un plico postale sospetto. Secondo i vigili del fuoco tre uomini hanno avvertito difficoltà respiratorie dopo aver aperto il plico, nel quale era contenuta una sostanza sospetta.  L’allarme è  scattato alle 11.15. Sul posto, nel quartiere di Dahlem a sud ovest della città, ci sono polizia, vigili del fuoco e tecnici specializzati. ”Prendiamo molto sul serio questo incidente”, ha detto un portavoce della rappresentanza diplomatica statunitense.

 

Rihanna pizzicata all’uscita di un ristorante di Santa Monica. Nulla di strano, se non fosse per un sospetto livido sulla coscia destra, che mette in allarme i suoi fan. La cantante, infatti, negli ultimi tempi sembra essersi riavvicinata molto al suo ex fidanzato Chris Brown, star dell’r’n’b che la pestò brutalmente la sera dei Grammy Awards del 2009. Magari è stato solo un infortunio durante le prove di una coreografia, ma alla vista di questo segno c’è già chi è pronto a scommettere che a Chris il solletico alle mani non sia mai passato. 

 


pubblicato da Libero Quotidiano

Giorgio Napolitano in lacrime sulla bara di Loris D’Ambrosio, il consigliere giuridico del Quirinale morto giovedì 26 luglio dopo essere finito al centro di una dura campagna di stampa che lo voleva coinvolto nella presunta trattativa tra Stato e mafia. L’addio a D’Ambrosio è stato dato nella chiesa di Santa Susanna, e il Capo dello Stato si commuove anche quando si accomiata dal feretro, uscendo dalla chiesa. Poi le parole del ministro della Giustizia: “D’Ambrosio ha molto sofferto – ha commentato Paola Severino -, non riusciva a capacitarsi di come potesse essere accusato, con tanta veemenza, di aver voluto interferire su indagini in tema di mafia, proprio la materia che aveva costituito il centro di un impegno così intenso.

Dimissioni respinte – E la Severino, anche lei visibilmente commossa, svela un retroscena: nei giorni successivi alla pubblicazinoe delle telefonate con l’ex ministro Nicola Mancino, D’Ambrosio aveva presentato le dimissioni a Napolitano, che però le ha respinte. Successivamente, in un passo dell’orazione funebre, la Severino ha denunciato “i danni” che reca alla giustizia e a tutti i cittadini italiani “la cultura del sospetto”. 

Nessun “mea culpa” – Eppure, mentre ora tutti si commuovono dopo che proprio la “cultura del sospetto” potrebbe aver mietuto una vittima (il cuore di D’Ambrosio travolto dalle pressioni non ha retto ed è morto per infarto), mentre la politica sfila in chiesa per piangere una persona scomparsa a quattro anni, fa ancora più specie notare come nessuno, in precedenza, abbia alzato la voce per denunciare la pubblicazione delle telefonate di D’Ambrosio con Mancino. Nessuno, in un giorno di profondo cordoglio, recita un necessario mea culpa.

Si è rivelato falso l’allarme bomba scattato all’aeroporto di Palermo. All’interno del bagaglio sospetto intercettato nella zona bagagli in transito, c’era solo un letto da campeggio.

Il bagaglio, destinato a essere imbarcato sul volo Palermo-New York, è stato fatto brillare dalla polizia in un’area di sicurezza. 

Oggi ricorre fra l’altro il ventesimo anniversario della strage palermitana di via D’Amelio e molti politici e cariche istituzionali sono atterrati a Punta Raisi.

tovato su: Il Fatto Quotidiano

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Dopo le vacanze sexy a Miami, in compagnia di Tomaso Trussardi, Michelle Hunziker avrebbe confidato di aver trovato, nel rampollo di casa Trussardi, l’uomo giusto con cui poter pensare ad una nuova maternità. Ora, come racconta il sito SocialChannel, sembrerebbe che la presentatrice abbia avuto un improvviso malore. “La bella Michelle infatti, dopo essersi messa la mano sulla fronte, ha sentito le gambe cedere e stava quasi per svenire. A quel punto, il fidato autista-bodyguard l’ha fatta sedere in macchina e le ha prontamente procurato dell’acqua fresca. Dopo pochi minuti la Hunziker si è ripresa e ha tranquillizzato tutti. Non siamo in grado di dire con certezza se questo malore fosse dettato da una gravidanza in corso o da un semplice calo di pressione, ma la possibilità che Michelle aspetti un bambino è più di un semplice dubbio…”. Così il sito descrive il malore della conduttrice all’uscita di un negozio in zona Brera a Milano. 

 

Archivi