Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

News Italia

Fabio Fognini completa l’opera e trionfa nel Masters 1000 di Montecarlo. Per il 31enne azzurro si tratta della vittoria più prestigiosa della carriera, arrivata contro la grande sorpresa del torneo, il serbo Dusan Lajovic, anche lui alla prima volta in una finale del circuito più importante dopo gli Slam. Un netto 6-3, 6-4 che consente a Fognini di riportare l’Italia sul trono del torneo di Montecarlo 51 anni dopo il successo di Nicola Pietrangeli, avvenuto nel 1968. Era invece dalla vittoria di Adriano Panatta a Roma nel 1976 che un italiano non vinceva in un Masters 1000. Per Fognini – numero 18 al mondo e testa di serie n. 13 del torneo – si tratta del nono titolo in carriera, l’ottavo sulla superficie rossa, il primo del 2019. E nel prossimo mese sono in programma gli Internazionali di Roma e il Roland Garros, ancora sulla terra rossa.

Pasquetta con i parchi pubblici di Napoli chiusi. Motivo è l’allerta meteo diramata dalla Protezione civile regionale che prevede nel giorno di Pasquetta “venti forti o molto forti sud-orientali, con locali raffiche, sulle isole e sui comuni costieri, mare agitato al largo e lungo le coste esposte, con possibili mareggiate”. E’ quanto rende noto il Comitato operativo comunale (Coc) che ha esaminato in mattinata la questione con una nota in cui si raccomanda prudenza in prossimita’ di alberature e strutture come lampioni e impalcature.

L’articolo Napoli, c’è l’allerta meteo: il Comune chiude i parchi a Pasquetta proviene da Ildenaro.it.

tovato su: Il Denaro

Claudia Koll è stata ospite del salotto di Domenica In oggi, domenica 21 aprile. E alla padrona di casa, Mara Venier, ha raccontato di essere arrivata direttamente da Roma, dove ha “partecipato alla veglia di Pasqua”. Quando Mara le ha chiesto in cosa consiste, l’attrice ha risposto: “Si leggono le scritture dell’Antico Testamento e si torna a parlare della Santa Pasqua”.

“Una spesa stimata in 1,5 miliardi per imbandire le tavole degli italiani”. Lo evidenzia Confcooperative sul sito web. “Tra le eccellenze enogastronomiche primeggeranno: il ricco tagliere di formaggi e salumi, vini, prosecchi e spumanti dei nostri vigneti. Per i secondi, in oltre 1 tavola su 2, trionferanno agnello e capretto. A gonfie vele i consumi di pesce che con la quaresima e i venerdì di magro sono aumentati del 37%, così come il ricco assortimento dell’ortofrutta italiana anche se colpita da siccità, neve e gelate degli ultimi due mesi e mezzo”, prosegue Confcooperative.
Con la “Pasqua alta” calano i consumi di uova di cioccolato (29 milioni) per i più piccoli e di colombe (23 milioni) ben – 15% rispetto al 2018. Il carrello dei dolci sarà, invece, arricchito dalle tante specialità regionali a partire dalla classica pastiera. Molti gli italiani che si cimenteranno nella produzione di dolci fatti in casa prestando attenzione alla provenienza nell’acquisto di uova, zucchero, farina e cioccolato rigorosamente Made in Italy, fa sapere Confcooperative.
“E tricolore sarà anche la scelta dei viaggi per le festività pasquali e i numerosi ponti successivi. È boom degli agriturismo che viaggiano verso il tutto esaurito e delle visite nelle città d’arte. In aumento la percentuale dei turisti che acquistano le vacanze online: ben 7 su 10 prenotano attraverso le piattaforme dedicate ai viaggi. I flussi degli italiani in partenza in questi giorni vedono 5 su 10 in partenza dal nord, 3 su 10 dal centro e solo 2 su 10 da Sud e isole”, continua Confcooperative.”Anche quest’anno vivremo una Pasqua agrodolce. È numerosa, infatti, la schiera degli italiani in difficoltà economica che non solo non prevede viaggi o gite fuori porta, ma neanche menù particolarmente robusti. Sono dati molto indicativi sulla polarizzazione delle condizioni economiche degli italiani”, conclude il Centro Studi di Confcooperative.

Cerimonie ufficiali e due manifestazioni a Napoli per le celebrazioni del 74° anniversario della Liberazione. Il presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, sarà presente insieme alle massime cariche del territorio alle 10.15 al Mausoleo di Posillipo e, a seguire, in piazza Salvo d’Acquisto, per la deposizione delle corone di fiori in onore ai caduti. Particolarmente significativa la seconda tappa nella piazza dedicata a Salvo d’Acquisto, carabiniere napoletano fucilato dai tedeschi il 23 settembre 1943 a Torre di Polidoro. Proprio da piazza Salvo D’Acquisto, storicamente nota a Napoli come piazza Carità, partirà il corteo promosso dalla sezione provinciale napoletana dell’Anpi che ha lanciato “un appello alla sensibilità democratica dei cittadini napoletani che credono nei valori della Costituzione, dell’antifascismo, della democrazia e della solidarietà, per contrastare la violazione di principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale”. Il corteo partirà al termine delle commemorazioni istituzionali per raggiungere la Sala dei Baroni al Maschio Angioino, dove si terrà una iniziativa pubblica. L’appello dell’Anpi è stato raccolto da Cgil, Cisl, Uil, Arci e Libera. Dal carattere marcatamente “antirazzista” è invece la manifestazione promossa dai movimenti che aderiscono all’Assemblea di Macerata.

La foto di Matteo Salvini con un mitra in mano postata dal suo spin doctor scatena la polemica politica della sinistra. Per Nicola Fratoianni, “questo Paese non può permettersi un personaggio simile al Viminale” e chiede che Luca Morisi venga allontanato dal ministro. La dem Pina Picierno, invitando Morisi ad “armarsi di cervello” invece che di elmetto, chiede al vicepremier di “prendere le distanze” perché “evidentemente gli amici del ministro non hanno chiaro il loro istituzionale”. Mentre Roberto Saviano fa notare che Morisi, “pagato con i nostri soldi, è quello che suggerisce al Ministro Della Mala Vita i suoi rutti sui social” bollandolo come una “persona pericolosa”. Nella foto pubblicata da Morisi si vede Salvini con in mano un mitra: “Vi siete accorti che fanno di tutto per gettare fango sulla Lega? – è la didascalia – Si avvicinano le Europee e se ne inventeranno di ogni per fermare il Capitano. Ma noi siamo armati e dotati di elmetto! Avanti tutta, Buona Pasqua!”.

Oltre 35 mila passeggeri e 4 mila autoveicoli sono sbarcati nei tre porti dell’isola di Ischia tra giovedì e sabato 20 aprile. E’ il dato diffuso dal tenente di vascello Andrea Meloni, comandante della Guardia Costiera di Ischia, sull’afflusso di vacanzieri nel ponte di Pasqua sull’isola verde. La Guardia Costiera di Ischia ha intensificato in queste ore il presidio dei porti dell’isola al fine di assicurare un corretto flusso sia dei collegamenti marittimi che della viabilita’ portuale. “I controlli – afferma Meloni – sono stati garantiti durante tutte le fasce orarie, con maggiori rinforzi di personale nelle ore di maggior afflusso, ed hanno visto la Guardia Costiera impegnata congiuntamente con il Comando Polizia municipale.

Attentati in Sri Lanka, 8 esplosioni in chiese e hotel: 215 morti, 35 stranieri. Arrestate 7 persone: «è terrorismo religioso»

Sei esplosioni simultanee e altre due a a distanza di qualche ora: cinque nella capitale Colombo, una nella vicina località di Negombo, una a Batticaloa e l’ultima a Dehiwela. feriti sono oltre 500, il governo impone il coprifuoco. Sette arresti

tovato su: Il Corriere della Sera

Clicca qui per leggere l’articolo completo

















Lo stato di emergenza, un coprifuoco di 12 ore in tutto il Paese e l’oscuramento dei social e dei servizi di messaggeria con effetto immediato. Lo ha decretato il governo chingalese, che dice di aver arrestato 7 sospetti, ritenuti collegati agli attentati in chiese e hotel di lusso del Paese nei quali sono rimaste uccise almeno 215 persone e ferite oltre 500. Otto esplosioni hanno squassato lo Sri Lanka la mattina di Pasqua, colpendo chiese e hotel di lusso della capitale Colombo, frequentati anche da turisti stranieri, 35 dei quali sarebbero tra le vittime. Sei esplosioni si sono verificate in simultanea alle 9.30 del mattino, ora locale. Un’ora dopo c’è stata una settima esplosione in un albergo nel sobborgo di Dehiwala in seguito alla quale sono morte almeno due persone, ne è seguita un’ottava nel sobborgo di Dematagoda, sempre a Colombo. Si sospetta che la maggior parte degli attacchi siano opera di kamikaze

Operativo, anche per il 2019, lo sgravio contributivo previsto dal programma “Garanzia Giovani” al fine di favorire il miglioramento dei livelli occupazionali dei giovani dai 16 ai 29 anni di età che non sono inseriti in un percorso di studio o formazione (Neet). La dotazione finanziaria dell’Incentivo Occupazione Neet, per l’anno 2019, è stata incrementata di ulteriori 60 milioni di euro a carico del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” (PON IOG).

Lo sblocco degli incentivi, che si attendeva ormai da qualche mese, è giunto dall’Inps con la circolare n. 54 del 17 aprile 2019. Il documento di prassi stabilisce che è possibile recuperare lo sgravio contributivo spettante per le assunzioni effettuate a partire da gennaio di quest’anno, entro la denuncia contributiva di competenza del mese di giugno 2019.

Archivi