A2a, l’utile del semestre a 257 milioni, rivede le stime

Pubblicità
Pubblicità

A2a ha chiuso il primo semestre con un utile netto in rialzo del 32% a 257 milioni di euro. In calo del 18% a 7,99 miliardi i ricavi, mentre il margine operativo lordo è salito del 26% a 880 milioni. Riviste al rialzo le stime sul margine operativo lordo compreso tra 1,74 e 1,78 miliardi e l’utile netto tra 450 e 470 milioni di euro “sulla base dei buoni risultati del primo semestre”, spiega il gruppo in una nota.
    “A2a – afferma l’amministratore delegato Renato Mazzoncini – cresce ancora, consolidando il suo ruolo di protagonista nella transizione energetica del Paese”. “Una crescita – sottolinea il manager – resa possibile, in particolare, dalla diversificazione dei business, da un’attenta disciplina finanziaria, dall’accelerazione degli investimenti e dalle operazioni di M&A (acquisizioni, ndr) realizzate negli ultimi anni nelle rinnovabili”. “Nel corso del semestre – evidenzia – è stato inoltre completato il parco eolico da 30 Mw di Matarocco in Sicilia”.
    Nel frattempo è cresciuta del 63% l’energia da fonti fotovoltaiche ed eoliche con una produzione verde in crescita da 238 a 389 Gwh. Nello stesso periodo A2a ha incrementato del 7% gli investimenti a 494 milioni, destinandoli allo sviluppo di impianti per la produzione di energia verde e per il potenziamento e l’efficientamento delle reti. E’ proseguito inoltre l’impegno del nella finanza sostenibile con il collocamento di un ‘green bond’ da 500 milioni, portando la quota di debito sostenibile dal 55 al 66% del totale del gruppo.
    La posizione finanziaria netta di A2a è salita da 4,25 a 4.37 miliardi. Al netto di una riduzione del perimetro di consolidamento di 21 milioni è cresciuta di 135 milioni di euro, dopo investimenti per 494 milioni di euro e dividendi per 283 milioni di euro. In calo da 2,8 a 2,6 il rapporto tra posizione finanziaria netta e margine operativo lordo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source