Acciaio: Arvedi, 92 mln di investimenti sul sito di Trieste

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – TRIESTE, 03 MAR – Parte il piano di investimenti da 92 milioni di euro per la riqualificazione ambientale e tecnica del sito di Trieste di Acciaieria Arvedi. Previste cinquanta assunzioni “non appena arrivano le autorizzazioni” e il reintegro dei lavoratori ancora in CIG entro la fine del 2022.
    Ad annunciarlo l’amministratore delegato di Finarvedi Mario Arvedi Caldonazzo nell’incontro tenutosi questa mattina tra il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, e i rappresentanti di Acciaieria Arvedi. Il piano, si legge in una nota, consiste in una linea di zincatura dedicata al rivestimento di coils di acciaio con una lega speciale di zinco, alluminio, magnesio. L’impianto opererà con l’utilizzo di idrogeno verde prodotto in sito da un apposito idrolizzatore alimentato da energia elettrica rinnovabile (è prevista l’installazione di pannelli fotovoltaici). L’idrogeno così generato sarà utilizzato anche in altre fasi del processo produttivo già esistenti ed appositamente predisposte.
    L’investimento prevede l’assunzione di 50 lavoratori che “inizierà non appena l’Acciaieria avrà ottenuto i necessari permessi da parte delle istituzioni preposte” e Acciaieria Arvedi ha comunicato che i circa quaranta lavoratori ancora in Cassa integrazione guadagni “saranno reintegrati entro la fine dell’anno, quando entrerà in funzione la prima linea di zincatura e l’impianto di preverniciatura”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source