Bankitalia: impatto positivo inatteso Covid sul gettito Iva

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 26 NOV – Se in tempi di crisi economica il gettito dell’Iva tende a ridursi di più rispetto al calo dei consumi questo non è accaduto con la crisi da Covid che ha avuto invece un impatto positivo sull’imposta, E’ quanto emerge dallo studio di Bankitalia “L’impatto (inatteso) del Covid 19 sul gettito Iva” di i Francesco Berardini e Fabrizio Renzi secondo il quale nel complesso la ricomposizione del paniere a scapito dei servizi con aliquote più basse e un più alto tasso di evasione e a favore dei beni durevoli con aliquote più alte avrebbe accresciuto di circa il 2 per cento il gettito dell’Iva del 2020 e di circa il 4 quello del primo semestre del 2021.
    ” In tempi di crisi – scrivono – il gettito dell’Iva tende a ridursi di più, o a crescere di meno, rispetto ai consumi.
    Aumentano infatti i comportamenti volti all’evasione fiscale e i consumatori riducono la quota di spesa destinata ai beni durevoli, caratterizzati da aliquota più elevata. In Italia, nel periodo successivo all’inizio della pandemia, la dinamica dell’Iva è stata invece nettamente più sostenuta di quella dei consumi. Si tratta di un risultato strettamente connesso con le peculiarità della crisi economico-sanitaria legata al Covid19: le misure di contenimento e la paura del contagio hanno determinato un drastico calo della quota di spesa per servizi, caratterizzata da aliquote più basse e da una maggiore propensione all’evasione; il consumo di beni durevoli, contrariamente alle precedenti recessioni, è tornato ai livelli pre-crisi dopo un solo trimestre; sono inoltre aumentate, in parte attraverso canali digitali, le transazioni elettroniche.
    Quest’ultimo cambiamento, che ha influito positivamente sulla compliance, potrebbe fornire un contributo permanente ai conti pubblici”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source