Bce: Fabi, con stretta tassi mutui verso il 6%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 17 DIC – Con il costo del denaro aumentato di mezzo punto percentuale al 2,5%, l’orizzonte del 6% per i mutui appare sempre più vicino. E’ quanto indica un’analisi della Fabi.
    Dopo mesi di rialzi dei tassi e mutui variabili al limite della sostenibilità, la stretta finale della Banca centrale europea di questo fine 2022 è un ‘regalo di Natale’, seppur da tempo atteso, che la Bce fa ai cittadini europei e traccia un passaggio importante per confermare – nel brevissimo periodo – la traiettoria del costo dei prestiti verso il 6%, sottolinea la Federazione dei bancari. Peraltro “se i tassi medi si sono attestati, nel mese di ottobre, attorno a quota 3,2%, quando il costo del denaro era al 2%, sul mercato – segnala il sindacato – alcuni intermediari propongono, già oggi, mutui con interessi superiori al 5%.
    “La decisione della Banca centrale europea farà alzare i tassi di interesse sui mutui alle famiglie, ad eccezione di quelli a tasso fisso, già contratti con le banche. Le famiglie italiane, comunque, non devono rinunciare al sogno della vita, l’acquisto della casa, perché quando i tassi d’interesse caleranno e diventeranno più favorevoli, sarà possibile estinguere il vecchio mutuo con uno nuovo più vantaggioso”, afferma il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni. “Per i giovani che vogliono acquistare casa – aggiunge – è indispensabile che il governo rafforzi economicamente il Fondo statale di garanzia” (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source