Borsa: Europa cede in attesa di Fed e Bce, tensione sui Btp

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 14 DIC – Le Borse europee restano in territorio negativo in attesa delle decisioni della Fed, questa sera, e di quelle di Bank of England e Bce, domani. Milano cede lo 0,1%, Londra lo 0,2%, Parigi lo 0,4% e Francoforte lo 0,5% mentre i future su Wall Street, vivacizzata ieri dai dati confortanti sull’inflazione americana, sono poco mossi.
    I mercati sperano in un atteggiamento meno aggressivo da parte delle banche centrali di fronte al rallentamento della corsa dei prezzi, che ha trovato conferme anche oggi nei dati sull’inflazione britannica e spagnola, ma dopo un progressivo recupero dei listini azionari durato settimane preferiscono restare sul chi va là e attendere che Jerome Powell e Christina Lagarde scoprano le loro carte.
    L’attesa per l’avvio del quantitative tightening della Bce, che costringerà il mercato a farsi carico dell’acquisto dei bond che Francoforte non assorbirà più, pesa sui titoli di Stato, tutti in calo. La maglia nera va al Btp, il cui andamento è peggiorato dopo i rilievi Ue alla manovra italiana: i rendimenti toccano il 3,9%, in rialzo di dodici punti base, mentre lo spread con il Bund si allarga a 192 punti. A complicare il quadro contribuisce il fatto che il prossimo anno i governi dovranno emettere più bond per finanziare le misure contro il caro-energia, come dimostra la previsione di emissioni record per 539 miliardi di euro annunciata oggi dalla Germania.
    A Piazza Affari arrancano Unipol (-1,1%), Interpump, Azimut, Iveco e Stm (-0,8%), Cnh e Recordati (-0,7%) mentre si mettono in luce Saipem (+1,5%) e Tenaris (+1,4%) in una seduta positiva per tutto il comparto energetico in Europa, e tengono i bancari, con Unicredit e Banco Bpm (+0,4%). Il gas cede il 6% ad Amsterdam, a 129,2 euro, beneficiando di previsioni metereologiche più benigne per il prossimo mese. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source