Borsa: Europa contrastata con futures Usa, Milano +0,3%

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 10 AGO – Borse europee contrastate a metà seduta con il calo della fiducia economica in Germania e nell’Ue e tra le piccole imprese Usa, con l’indice Nfib sceso da 102,5 a 99,7 punti. Pesano poi i timori sulle future scelte della Fed e per l’acuirsi dei contagi da variante Delta del coronavirus.
    Milano (Ftse Mib +0,32%) è la migliore, seguita da Francoforte (+0,18%) e Parigi (+0,09%), mentre Madrid e Londra cedono lo 0,1% circa. Contrastati i futures Usa dopo le dichiarazioni del presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic, favorevole a fermare gli acquisti di titoli in caso di una “forte ripresa dell’occupazione per un mese o due, agendo molto più in fretta che in passato”. Atteso in serata l’intervento del presidente della Fed di Chicago Charles Evans, prima delle scorte settimanali di greggio.
    Riducono il calo i petroliferi Bp (-0,18%) e TotalEnergies (-0,33%), lo azzera Shell, invariata, e gira di nuovo al rialzo Eni (+0,18%) con il nuovo spunto del greggio (Wti +1,73% a 67,63 dollari), che si avvicina a quota 68 dollari al barile. In calo dello 0,4% circa gli automobilistici Daimler, Renault e Stellantis. Va meglio Ferrari (+0,8%) a differenza di Porsche (-0,5%), la holding di Volkswagen (-0,3%), che ha diffuso la semestrale 10 giorni dopo la controllata. Segno meno per i bancari Commerzbank (-1,65%), Hsbc (-1,42%), Bnp, Credit Agricole e SocGen (-1,3% tutt’e 3), mentre in Piazza Affari cedono Banco Bpm (-1,24%), Bper (-1,11%), Unicredit e Intesa (-0,46% entrambe) a differenza di Mps (+0,17%), che riduce comunque il rialzo di oltre 1,4 punti percentuali. Riducono il calo Ryanair (-0,36%), Wizz Air (-0,23%) ed easyJet (-0,39%), mentre consolida il rialzo il produttore di semiconduttori Nordic (+2,35%), seguito da Asml (+1,15%) ed Stm (+0,8%) in Piazza Affari. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source